martedì 24 luglio 2007

Crescono scambi commerciali Italia - Russia

Russia, nuovo eldorado per le imprese italiane.
Interscambi cresciuti del 25% nell´ultimo anno. Siamo al secondo posto fra i partner commerciali vicinissimi alla Germania. Un vento favorevole ai prodotti del made in Italy e agli investimenti. Un mercato complesso da studiare
di ADRIANO BONAFEDE

Un mercato immenso e molto ben disposto nei confronti delle imprese italiane, tanto da poter essere definito un vero e proprio eldorado, almeno in prospettiva. Ma anche un puzzle molto complesso, dove per entrare bisogna prima imparare le regole del gioco e saper attendere alla finestra prima di guadagnare. Sono queste le caratteristiche peculiari del mercato russo, nuova terra promessa per il sistema produttivo italiano alla ricerca di diversificazione e di nuovi mercati di sbocco. Gli ultimi dati sull´export italiano verso i paesi dell´Est europeo fotografano questo nuovo interesse da parte delle imprese italiane: nel 2005 il peso delle esportazioni in questa area era dell´11 per cento del totale. Nel 2006 è balzato al 15 per cento. Ma Est europeo ha significato soprattutto, finora, paesi come Romania, Ungheria, Polonia, Croazia, che hanno una grandezza tutto sommato limitata.«Ma la Russia è diversa - dice Stephan Dertnig, senior partner e managing director di Bgc-The Boston Consulting Group, una delle principali società di consulenza del mondo che ha in questo paese un ufficio a Mosca fin dal 1994 - Stiamo parlando del paese più esteso al mondo, che ha ben nove fusi orari dall´estremo oriente all´estremo occidente, e 145 milioni di abitanti, concentrati solo in parte in tredici città da oltre un milione di persone». Un esempio delle difficoltà: date le distanze e le condizioni meteorologiche avverse, è veramente complicato trasportare merci da una parte all´altra, non sempre si possono usare autocarri, ma bisogna giocoforza utilizzare la ferrovia. «Organizzare un´impresa in queste condizioni ambientali - dice Dertnig, che ha realizzato una vera e propria radiografia del sistema produttivo russo - è davvero prova di abilità. E qui, infatti, secondo noi ci sono tra i migliori imprenditori al mondo, e sono in media giovani tra i 28 e 35 anni, contro una media di 55-60 dei paesi occidentali». Se queste sono le condizioni geografiche e climatiche non stupisce che molte imprese italiane, soprattutto quelle piccole e medie, preferiscano cercare di vendere direttamente i loro prodotti piuttosto che venire a produrre qui con un partner russo. E gli effetti si vedono: «Gli interscambi tra Italia e Russia, - dice Oleg Shchegolev, numero due della Camera di commercio italo-russa - sono aumentati nell´ultimo anno del 25 per cento, ora sono arrivati a 31 miliardi contro i 35 della Germania che è prima, ma è anche il paese più vicino e più comodo». «Ma, visto il favore di cui godono gli imprenditori italiani - dice Antonio Piccoli, della Pavan (grandi impianti per l´industria alimentare), uno dei primi gruppi italiani presenti in Russia - nessuno si meraviglierebbe che l´Italia possa a breve diventare la prima». Nonostante il successo delle nostre merci - mobili, moda, alimentare, tutto ciò che in qualche modo è collegato al made in Italy - il problema più grande che devono fronteggiare le nostre imprese è quello della vastità del territorio: «Le Pmi italiane - dice Shchegolev - devono coalizzarsi e aprire un ufficio insieme a Mosca». E devono avere la modestia di imparare: «Le imprese straniere - sostiene Yuri V. Tverskoy, presidente della International Moscow Bank, acquisita di recente da Unicredit - devono avere l´umiltà di studiare il mercato locale. E per entrare nel mercato russo devi avere sia le conoscenze che una ‘mente´ in grado di pensare in grande. Per questo le imprese italiane trovano più facile investire in paesi come la Romania e altre nazioni dell´Est europeo». Ma se l´interscambio Italia-Russia va bene, nondimeno soltanto alle imprese che verranno a produrre in Russia si apriranno veramente le porte di questo immenso paese. Come del resto hanno fatto aziende come Indesit, che è presente fin dagli anni Novanta e che ha oggi due stabilimenti a Lipetzk, uno dei distretti industriali più attivi della Russia; recentemente Indesit acquisito un´impresa locale, la Stinol. O aziende come Marazzi, presente nel distretto della ceramica vicino a Mosca. Per poter operare in una realtà come quella russa, le piccole e medie imprese italiane hanno bisogno di supporti. A Mosca, oltre alla Camera di commercio, si possono trovare le strutture dell´Ice e, da poco, anche quelle della Sace (la quale ha oggi a disposizione 14 miliardi per favorire gli scambi garantiti direttamente dal Governo italiano). Inoltre, sono presenti nella capitale russa, fra le banche italiane, sia Unicredit che Banca Intesa.

Nessun commento: