venerdì 16 novembre 2007

Bilancia commerciale: Istat, saldo settembre -1,525. Al netto dei minerali energetici surplus +28,7 miliardi.

Roma, 16 nov - Nel confronto con agosto 2007, rileva l'Istat, i dati destagionalizzati indicano a settembre un aumento dello 0,2% per le esportazioni e una flessione dell'1,3% per le importazioni. Nei primi 9 mesi del 2007 le esportazioni hanno segnato, rispetto allo stesso periodo del 2006 un incremento dell'11,5% e le importazioni del 6,4%. A settembre, spiega l'Istat, la variazione tendenziale delle importazioni diventa, dopo quasi 3 anni, negativa mentre la dinamica delle esportazioni continua il suo trend positivo. Guardando ai raggruppamenti principali per tipologia di beni, a settembre le esportazioni registrano un andamento tendenziale positivo in ogni tipologia salvo che per i beni di consumo non durevoli (-3,7%); i piu' elevati incrementi sono l'energia (+28,4%), per i beni strumentali (+10,8%) e per i prodotti intermedi (+1,9%). Anche nelle importazioni si registra un andamento tendenziale positivo per i beni di consumo durevoli (+7%) e per i beni strumentali (+6,1%) mentre diminuiscono l'energia (-3,8%), i prodotti intermedi (-3,1%) e per i beni di consumo non durevoli (-1,2%). Analizzando i settori, le esportazioni registrano aumenti tendenziali in tutti i settori di attivita' economica, salvo che per gli apparecchi elettrici e di precisione (-7,1%), per i prodotti del tessile e dell'abbigliamento (-5,8%) e per i prodotti chimici e fibre sintetiche ed artificiali (-4,4%). I maggiori aumenti si rilevano per i prodotti petroliferi raffinati (+22,7%), per i prodotti dell'agricoltura e della pesca (+18,2%) e per i mezzi di trasporto (+14,8%). Per quanto riguarda le importazioni le variazioni tendenziali piu' elevate si evidenziano per gli altri prodotti dell'industria manifatturiera compresi i mobili (+13,2%), per l'energia elettrica, gas e acqua (+12,9%) e per le macchine e apparecchi meccanici (+10,2%). Nell'ambito delle componenti dei minerali energetici, il valore delle importazioni del petrolio greggio aumenta del 6,1% rispetto allo stesso mese del 2007. Per quanto riguarda i minerali energetici il loro peso sul totale delle importazioni corrisponde nei primi nove mesi al 13,6% (il 15,5% nel 2006) mentre il saldo risulta negativo per 36,539 miliardi rispetto al deficit di 39,392 miliardi del 2006. nello stesso periodo, la bilancia commerciale, al netto dei minerali energetici, e' positiva per 28,778 miliardi, a fronte di un surplus di 20,663 miliardi nel 2006.

Fonte: http://europanotizie.ilsole24ore.com/

Nessun commento: