mercoledì 27 febbraio 2008

Polonia, centro ricerca e sviluppo italiano a Cracovia

La società italiana Elettric 80, del settore dell’automazione industriale, ha aperto un Centro di ricerca e sviluppo nella Zona economica speciale di Cracovia (KSEZ), nella quale sono già entrati a far parte 20 specialisti.
Secondo Informest, l’istituto di ricerca, che si trova a Czyzyny, lavorerà alle soluzioni di automazione ed ai sistemi di logistica, oltre a fornire supporto tecnico agli imprenditori che utilizzeranno i prodotti della società. Secondo Vittorio Cavirani, direttore di Elettric 80, la disponibilità di uno staff di ingegneri altamente qualificati dalle università tecniche di Cracovia ha avuto un’importante influenza sulle decisioni riguardanti il centro della KSEZ.
.
La Zona economica di Cracovia ha triplicato la sua area arrivando a coprire 300 ettari, ed include nove sottozone nei voivodati di Malopolskie e Podkarpackie. Nel 2006 le spese di investimento delle società all’interno della KSEZ hanno raggiunto i 483 mln PLN e potrebbero arrivare a 690 mln PLN entro la fine del 2009. Finora sono stati creati oltre 4000 posti di lavoro. Fonte: www.portalino.it, (l'Osservatorio sui Balcani), da materiale www.informest.it

martedì 26 febbraio 2008

I MIG russi perdono quota

La norvegese "Odfjell" , uno dei più grossi armatori internazionali, ha risolto il contratto per la fornitura di 12 navi tanker con i cantieri russi "Sevmash", per inadempimento contrattuale.
In particolare, il committente norvegese, lamenta i significativi ritardi nella consegna delle navi, nonché un ingiustificato aumento dei costi, cha ha fatto lievitare il valore del contratto dai 500 ai 544 milioni di dollari USA.
Non è la prima volta che la "Sevmash" manca a soddisfare le esigenze della controparte: analoghi problemi legati alla qualità ed alle tempistiche della realizzazione erano sorti nel 2007, per una commessa di oltre 1.5 milardi di dollari della marina militare indiana.
La mossa dei norvegesi segue di poche settimane la decisione dell'Algeria di restituire alla Russia 15 caccia MIG-29, a causa della scarsa qualità dei componenti e di un assemblaggio sommario.
Per gli esperti di settore, tale situazione non deve destare sorpresa. Dopo il crollo dell'URSS e per tutti gli anni '90, le industrie pesante e bellica russe hanno sofferto una cronica mancanza di finanziamenti. Ciò ha condotto all'obsolscenza degli impianti produttivi, ma, cosa ben più grave, alla perdita del know-how costruttivo e all'esaurirsi della manodopera specializzata, indespensabile nei processi produttivi ad elevata complessità. Se la Russia vorrà conservare il proprio posto di secondo esportatore di armamenti al mondo, nonchè lo stesso status di potenza militare, dovrà iniettare nel settore investimenti e risorse umane immensi.
Redazionale, da materiale http://www.bbcrussian.com/

In arrivo la V edizione della Moscow Fashion Expo

Si terrà dal 5 all’8 marzo prossimi la Moscow Fashion Expo, la settimana della moda moscovita, allestita presso il prestigioso centro fieristico Crocus Expo.
La rassegna internazionale, giunta alla sua quinta edizione, si conferma un appuntamento immancabile per gli operatori del settore che intendono assistere alle presentazioni delle nuove collezioni di importanti brand internazionali, alcuni dei quali sono oramai dei veterani della manifestazione. Tra i partecipanti da citare sono infatti Casadei, Bruno Magli, Roccobarocco, Rodo, Baldinini, Di Brera, Luciano Padovan, Indaco, Braccialini, Byblos, Facis, Gallotti, Guiducci, Fornarina, J Lo, Ungaro Fuchsia, Mazzi e le firme entrate a far parte di Max Mara: Marella e I Blues. Molte delle quali, come si può notare, italiane. L’MFE costituirà, quindi, ancora una volta una enorme vetrina all’interno della quale i buyer potranno non solo scegliere i marchi da proporre nei propri punti vendita a partire dall’autunno 2008, ma anche assistere a sfilate e prendere parte a una conferenza stampa nel corso della quale saranno illustrate le tendenze e le prospettive del mercato dell’abbigliamento, calzature ed accessori per quanto riguarda la Federazione ed i Paesi vicini dell’ex URSS.
Redazionale, da materiale www.italynews.ru

Slovacchia: nuovi incentivi statali per gli investimenti esteri

(ICE) - ROMA, 22 FEB - E´ entrata in vigore in Slovacchia la nuova Legge N° 561/2007 concernente gli incentivi statali all´investimento. Le nuove misure sono state presentate dal Chief Executive Officer dell´Agenzia slovacca per lo sviluppo degli investimenti e del commercio (SARIO), Peter Hajas, nel corso di una recente conferenza.
.
Rispetto alle precedenti misure in materia, la Legge 561/2007 estende l´aiuto a piú settori dell´economia. Essa differenzia infatti le condizioni generali relative alla produzione industriale, centri tecnologici, servizi strategici, turismo; concede l´aiuto all´investimento per la sola acquisizione di nuove produzioni o nuovi impianti tecnologici (almeno il 60% del costo imputabile complessivo) e semplifica il processo di valutazione dell´investimento e la concessione dell´aiuto. Il periodo che intercorre tra la presentazione della richiesta di ammissione al contributo e la sua approvazione da parte del Governo slovacco è stabilito in 60-120 giorni. (ICE BRATISLAVA)
.
Fonte: http://www.ice.gov.it/

Croazia: prossimo inizio della costruzione dell'oleodotto paneuropeo

(ICE) - ROMA, 26 FEB - I rappresentanti della Croazia, dell'Italia, della Romania, della Serbia e della Commissione Europea hanno avviato i preparativi per l'inizio della costruzione dell'Oleodotto Paneuropeo (PEOP). Si tratta di un oleodotto lungo 1.350 km per il trasporto del petrolio dal Mar Nero fino a Genova che garantirebbe la fornitura del petrolio all'Europa Occidentale. Un tratto lungo 423 km dovrebbe attraversare la Croazia utilizzando l'oleodotto esistente della Janaf (gestore degli oleodotti nazionali). La capacità del nuovo oleodotto si aggirerebbe tra i 60 ed i 90 milioni di tonnellate di petrolio all'anno. Si prevede che con la realizzazione di questo progetto, il numero di navi cisterna che attraversano l'Adriatico ogni anno possa essere ridotto di 500 unità. (ICE ZAGABRIA)
.
Fonte: http://www.ice.gov.it/

UCRAINA: IL DISTRETTO DEL MOBILE IMBOTTITO DI MATERA ALL' EXPO FURNITURE DI KIEV (12- 16 MARZ0)

(ICE) - ROMA, 26 FEB - Interamente dedicata ai prodotti d'arredamento per casa e ufficio, la Kiev Expo Furniture, giunta alla sedicesima edizione, rappresenta l'appuntamento fieristico di settore più importante dell'Ucraina e costituisce un valido strumento promozionale per le aziende del Distretto lucano del mobile imbottito interessate ad operare in uno tra i mercati più dinamici dell'Europa centrorientale. La partecipazione istituzionale Distretto del Mobile Imbottito di Matera alla suddetta fiera è organizzata e curata dall'ICE a nome dello SPRINT Basilicata, nell'ambito della Convenzione Ice/Regione Basilicata 2005, in collaborazione con il Dipartimento delle Attività Produttive della Regione Basilicata. Particolare cura è stata posta nell'ideazione, progettazione e realizzazione di uno stand collettivo/istituzionale che sottolineasse la caratterizzazione regionale della partecipazione, legando, a fini di marketing territoriale, le aziende al territorio di provenienza. Partecipano, con esposizione del proprio prodotto, campionari e materiale informativo/promozionale, nello stand collettivo, 4 aziende d'eccellenza in rappresentanza dell'intero Distretto (Incanto, La Meteora, Gruppo K&L, Alfatex). Ulteriori informazioni possono essere richieste a:
Verzilli Costantino, tel 080/5699143;

lunedì 25 febbraio 2008

La primavera ricca di fiere dell'Azerbaijan

Undici manifestazioni fieristiche sono in programma a Baku, capitale dell’Azerbaijan, nei prossimi tre mesi. Il paese continua a vivere un boom economico che lo rende particolarmente interessante per gli operatori internazionali, non solo nel tradizionale campo dell’energia.
Il primo evento è il "Salone internazionale dell’auto di Baku", giunto alla sua seconda edizione, che si terrà dal 13 al 16 marzo.
A seguire, l’importante appuntamento della “Fiera internazionale azerbaijana della moda e degli accessori”. Vi parteciperanno produttori di abbigliamento, accessori e calzature provenienti da tutto il mondo e non ancora presenti nel mercato azero. Per la prima volta, prenderanno parte alla manifestazione alcune aziende italiane. Oltre alle aziende produttrici, alla manifestazione sarà rappresentato il più importante distributore dell’abbigliamento nel paese, “Show Room Li-Lu”, detentore di un portafoglio esclusivo di oltre 40 brands italiani, francesi e statunitensi. La kermesse è programmata dal 18 al 20 di marzo.
Nel mese di aprile, la capitale azera ospiterà, oltre a due manifestazioni rivolte al mondo della banca e della finanza, un evento dedicato al Turismo – l’“AITF 2008” al quale sono attesi oltre 90 espositori da 30 paesi, e un altro incentrato sullo sviluppo e sulla gestione delle strutture alberghiere.
Oltre 100 espositori parteciperanno, dal 15 al 17 maggio, al “World Food Azerbaijan” – principale appuntamento dei settore food e agroalimentare. In concomitanza, si svolgeranno la fiera della pesca e dei macchinari agricoli. Dal 21 al 23 maggio sarà il turno della manifestazione dedicata ai trasporti e alla logistica, cui prenderanno parte rappresentanti di enti pubblci azeri, russi, georgiani e baltici,nonché operatori privati del settore.
La primavera fieristica di Baku culminerà col forum energetico “Caspian Oil and Gas”, giunto alla sua XV edizione. Organizzato sotto il patrocinio della Presidenza della repubblica, vedrà la partecipazione di 400 operatori e rappresentanti del settore pubblico giunti da 30 paesi, tra cui l’Italia.
Tutti gli eventi saranno organizzati dalla Iteca Caspian LLC, uno dei protagonisti della gestione fieristica nella regione del Caucaso e del Caspio, forte di un portafoglio di circa 30 manifestazioni. Sul sito della Iteca è possibile ottenere informazioni più dettagliate sullo svolgimento, struttura e partecipazione agli eventi desctim in una specifica sezione disponibile in lingua inglese.
Redazionale, da materiali http://www.day.az/

Un gasdotto cinese per le riserve del Turkmenistan

La Cina ha intrapreso la costruzione del gasdotto che collegherà i ricchi giacimenti del Turkmenistan con la regione autonoma cinese dello Xinjiang, la provincia del Guanghzhou e la città di Shangai, attraversando 12 regioni del paese.
L’investimento previsto è pari a 20 miliardi di dollari, per una lunghezza complessiva superiore ai 9 mila chilometri e una capacità di transito di 30 miliardi di metri cubi all’anno. La parte occidentale del gasdotto sarà completata entro il 2009, mentre bisognerà attendere il 2011 per la consegna del tratto orientale.
Il progetto verrà interamente realizzato dal gigante cinese degli idrocarburi PetroChina Ltd., controllato dalla corporazione di stato China National Petroleum Corporation (CNPC). La costruzione del gasdotto si inserisce nel più ampio sistema di accordi, siglati nel 2007 tra la Cina, il Turkmenistan e il Kazakistan, nei settori dell’esplorazione, estrazione e distribuzione dei giacimenti di gas turkmeni.
I sempre più forti legami tra Pechino e Aşgabat nel settore energetico, hanno suscitato un certo allarme tra gli analisti di settore: la Russia, principale fornitore di gas dell’Europa, ne acquisisce una quota rilevante proprio dalla vicina repubblica centro asiatica. Non pochi si chiedono, se le riserve del Turkmenistan saranno sufficienti a soddisfare la domanda del Vecchio Continente e la crescente sete di energia del Dragone cinese.
Redazionale, da materiale http://top.rbc.ru

Cauti segnali positivi per la situazione demografica russa

Nel 2007, la popolazione della Russia è diminuita dello 0,17 p.c. (-237 mila persone) attestandosi, al 1 gennaio 2008, sul valore dei 142 milioni di abitanti. Lo rende noto l’Istituto di statistica russo.
Nell’anno 2007, le nascite sono state pare 1.602,4 mila unità, i decessi – a 2.080,1 mila. Il decremento puro, imputabile alla differenza tra le nascite ed i decessi è stato pari a 477.7 mila unità, contro le 687.1 mila del 2006.
In particolare, si rileva come in tutti i soggetti della Federazione, tranne la regione di Magadan e le regioni autonome di Khanty-Mansi e della Chukotka, si sia registrata una crescita della natalità e una contemporanea diminuzione della mortalità. In media, su scala nazionale, a ogni nascita hanno corrisposto 1.3 decessi, con punte di decremento a quoziente del 2-2.5 in otto soggetti della Federazione. Viceversa, in 21 soggetti si è registrato un incremento naturale della popolazione.
Le unioni matrimoniali sono crescite di 149 mila unità su base annua, raggiungendo la quota 1.262.6 mila, mentre i divorzi hanno visto un aumento di soli 45.1 unità, attestandosi sulla quota 685.9 mila.
Il numero degli immigrati nel territorio della Federazione Russa è cresciuto del 3.2 p.c. su base annua, con una crescita dell’81.3 p.c del flusso migratorio verso il paese. Nel corso del 2007 è invece diminuita del 13 pc. l’emigrazione della popolazione e, in generale, si è registrata un amento dell'attività migratoria da e verso gli Stati CIS.
Tali dati rappresentano un trend positivo nella situazione demografica russa, contrassegnata, da oltre un decennio, dal constante decremento della popolazione.
Redazionale, da materiali www.gks.ru

mercoledì 20 febbraio 2008

L'impronta italiana su un immenso progetto edilizio in Russia

Oltre 20 miliardi di dollari USA verranno investiti nel progetto "Globe Town", nella regione di Novgorod, Russia centrale. Lo rendono noto mezzi di informazione russe.
Il grandioso intervento porta la firma dello studio italo-britannico DANTE O. Benini & Partners Architects e si sviluppera su un'area complessiva di 3 mila ettari, adiacente al lungofiume del Volga, di fronte al centro storico della città di Niznij Novgorod.
Una città nella città, con una superficie edificata pari a 20 milioni di metri quadri, di cui 9.5 residenziali, 3.8 destinati agli uffici, 2.85 ad uso commerciale, 2.85 ad uso ricreativo e misto. Gli edifici avranno uno sviluppo verticale sino a 600 metri.
La realizzione dell'opera che, per dimensioni e investimenti, poco ha da invidiare agli esempi più faraonici del boom edilizio mediorientale e cinese, richiederà dai 12 ai 15 anni. Prevista in una zona alluvionale, non ha mancato di suscitare preoccupazioni e perplessità da parte di alcune organizzazioni ecologiste, per l'inevitiabile impatto che produrrà sul fragile ecosistema del Volga.
Il progetto "Globe Town", che si propone di ospitare 500.000 abitanti, sarà ufficialmente presentato alla manifesatazione MIPIM 2008, in programma a Cannes dall'11 al 14 marzo.
Redazionale, da materiale http://www.regnum.ru/

martedì 19 febbraio 2008

Kazakistan - una potentza nucleare

Il Kazakistan vuole triplicare l'estrazione di uranio per divenire il principale fornitore di questo combustibile a livello mondiale. Lo rendono noto fonti di informazione internazionali.
Ai tempi dell'URSS, nei vasti territori della repubblica asiatica, erano concentrati arsenali nucleari di una forza complessiva sufficiente a cancellare ogni forma di vita dal nostro pianeta. Oggi, dopo aver rinunciato allo status di potenza nucleare, Astana si afferma come uno dei principali fornitori internazionali di uranio. Esportando ogni anno oltre 5.000 tonnellate dell'elemento radioattivo, la corporazione di Stato, "Kazatomprom", aspira a divenire uno dei leader mondiali nel settore dell'enerigia atomica, triplicando la propria produzione entro il 2030.
Il Kazakistan, in cui territorio si concentra più del 15 p.c. delle riserve note di uranio, non vuole rimanere un mero fornitore di materia prima, cercando di intessere legami ed acquisire know-how dalle principali corporazioni energetiche internazionali. In questa strategia si inseriscono l'acqusizione, nell'ottobre del 2007, del 10 p.c. della Westinghiuse, leader mondiale nel campo dell'eneriga nucleare, e l'intensificarsi nella ricerca di ulteriori partners in Russia e in Cina.
Redazionale, da materiale http://www.bbcrussian.com/

Russia, San Pietroburgo rinnova aeroporto di Pulkovo

Il Comitato per i Trasporti dell´Amministrazione di San Pietroburgo ha reso noto che fra un mese dovrebbe essere indetta la gara per la ricostruzione dell´aeroporto di Pulkovo.
Secondo l´ICE, il costo dell´investimento è stimato in 900 milioni di euro, di cui 600 per la costruzione del terminal (che avverrà sulla base del progetto della Grimshaw & Partner Ltd, che ha vinto il concorso internazionale) e della rete stradale e 300 milioni per la pista di volo, per quella di rullaggio e per i servizi per gli aerei. Il vincitore della gara potrà gestire l´infrastruttura aeroportuale per un periodo da 20 a 30 anni.
L´Aeroporto di Pietroburgo è il terzo aeroporto della Federazione Russa per traffico passeggeri; nel 2007 vi sono transitati oltre 6 milioni di viaggiatori; l´obiettivo è di raggiungere i 17 milioni all´anno. Dal settembre scorso l´aeroporto appartiene all´Amministrazione municipale di San Pietroburgo.
Fonte: www.portalino.it (l'Osservatorio per i Balcani), da materiali www.ice.gov.it

Un ettaro di terra in Russia? Lo compri con 100 rubli (meno di 3 Euro)

Una cronica mancanza di lavoro, il dilagante alcolismo, l'impotenza dello Stato e l'assenza di fiducia nel futuro, costringono gli abitanti delle aree rurali della Russia a svendere per pochi spiccioli i propri appezzamenti terreni. Lo rende noto la BBC.
Molti villaggi della campagna russa somigliano a città fantasma, popolate solo da anziani che sopravvivono sulla soglia della povertà, accontendadosi di pensioni che non arrivano ai 100 euro mensili. Il boom dei petrolodollari e la crescita di benessere non arrivano in questi angoli sperduti della Russia di Putin.
Questa realtà si trasforma in terreno fertile per gli speculatori, che rastrellano le regioni più depresse del paese alla ricerca dell'ettaro in saldo. Le loro offerte sono sempre minime, ma molti, soprattutto i più anziani, non possono che cedere di fronte alla prospettiva di un introito extra in contanti, seppure di entità irrisoria.
Le autorità locali tentano di intervenire, attraverso campagne di sensibilizzazione e sportelli al cittadino, ma non possono impedire le transazioni, trattandosi, formalmente, di regolari trasferimenti della proprietà privata.
Gli appezzamenti terreni vennero distribuiti alla popolazione rurale al principio degli anni '90, dall'ammnistrazione di Boris Eltsin. Tuttavia, la mancanza di investimenti, la difficile congiuntura economica, l'abbandono dalle campagne da parte dei giovani e dei più attivi elementi della società, resero impossibile la rinascita del piccolo imprenditore agricolo. Inoltre, la fruibilità dei terreni così concessi è subordinata dalla legge alla sua destinazione produttiva: molti optano per la svendita di fronte all'ipotesi dell'espropriazione.
Il presidente uscente Putin ha già anticipato che le problematiche del settore agricolo e della proprietà terriera saranno poste al centro del suo (probabile) premierato. La necessaria riforma degli organismi competenti in materia, dovrà accompagnarsi ad una più certa attuazione della base normativa esistente.
Va comunque osservato, che i numerosi problemi della campagna russa non fermano gli investimenti stranieri. Dopo l'adozione del Codice della terra, la normazione del settore agricolo ha acquisito un maggior grado di certezza, come testimoniato dall'entrata nel mercato di alcuni grossi investitori europei ed americani, ma anche dall'esprienza di alcuni coraggiosi connazionali con tanto spirito pionieristico.
La scarsa meccanizzazione e l'assenza di manodopera qualificata sono ampiamente compensate dal costo della terra, anche quando non si scade nella speculazione.
Redazionale, da materiale www.bbcrussian.com
(A breve, http://4exp.blogspot.com, dedicherà ampio spazio ai temi della base normativa e dell'investimento nel settore primario in Russia.)

Il “sistema moda Lombardia” a Mosca

Dopo il successo degli anni scorsi, il Servizio Attività Internazionali della Camera di Commercio promuove il ritorno a Mosca delle aziende tessili in occasione del “Made in Italy at CPM (Collection Première Moscow) 2008”, rassegna che sarà ospitata dalla capitale russa nelle giornate dal 26 al 29 febbraio 2008. L’iniziativa rientra nell’ambito della “Accordo di Programma tra Regione e Unioncamere Lombardia” e vede la partecipazione, oltre che di 11 aziende della provincia di Varese (Confezioni Olimpia, Isabel, Maglificio Magir, Maglificio Mora, Maglificio Todesco Paola, Mirtillo, Parah, Planetex, Samafl, Silver, Valcuvia) anche di 2 imprese milanesi (Eurojolly Corporation e Sozzi Calze) e di una proveniente dal bresciano (Gruppo Manerbiesi). Obiettivo primario della manifestazione, affermata come fiera di riferimento per tutto il settore abbigliamento in Russia, è la conoscenza diretta del mercato locale e la conseguente acquisizione di un primo contatto commerciale (rivenditori, fornitori). Dopo nove edizioni il numero degli espositori è decisamente lievitato arrivando a toccare lo scorso anno quota 1.200 collezioni presentate da imprese di 35 Paesi. I visitatori sono stati 17.200 provenienti da tutta l’area dell’ex Unione Sovietica.
Per informazioni:
LombardiaPoint - rete per l'internazionalizzazione delle imprese
Servizio Attività Internazionali
Monica Besani tel. +39 0332 295379
Daniela Ferro tel. +39 0332 295313
E-mail: internazionalizzazione@va.camcom.it
Fonte: www.globus.cameradicommercio.it

lunedì 18 febbraio 2008

Tutte le fiere della Russia e CSI

L'importanza della partecipazione alle manifestazione fieristiche, nei mercati russo e degli Stati CSI, non deve essere sottovalutata. Ancor più che nelle economie occidentali, in Russia e nelle repubbliche ex-URSS, tale canale costituisce il mezzo preferenziale nella costruzione di nuovi rapporti commerciali, sia nella fase del primo approccio al mercato, sia nell'ottica del consolidamento della propria presenza per le imprese già attive ed affermate in questi Stati.
Nonostante i validi mezzi messi a disposizione dell'imprenditore nazionale, in primis dall'ICE e dal Sistema camerale, le barriere linguistiche, ovvero imputabili alla scarsità di informazione attendibile, possono costituire un serio ostacolo per l'operatore economico. Il crescente numero delle manifestrazione fieristiche, la sempre più frequente delocalizzazione delle stesse dalle capitali ai centri periferici, l'ampia forbice qualitativa degli espositori e degli organizzatori, sono in grado di condizionare la scelta dell'impresa, col rischio di vanificare gli investimenti, spesso sostanziosi, imputabili alla partecipazione.
Prima di effettuare l'elezione della manifestazione cui partecipare, ogni imprenditore desidereso di approcciarsi ai mercati russo, dei paesi baltici, o degli altri Stati CSI, dovrebbe avere l'opportunità di valutare l'offerta fieristica secondo il maggior numero di parametri possibile. Così, un evento di dimensioni particolarmente grandi in un settore ad elevata competitività, potrebbe ridurre la visibilità per le PMI, abbassando i contatti utili con le possibili controparti; una fiera specialistica in un importante centro regionale, potrebbe essere più indicata di una manifestazione più generica organizzata a Mosca; le caratteristiche di un prodotto, assieme al forte richiamo esercitato in Russia dal "Made in Italy", potrebbero consigliare la partecipazione a un evento incentrato sul lusso e sulla qualità, piuttosto che a un'esposizione di settore.
La Redazione di 4Exp continuerà a proporre le proprie recensioni dettagliate sulle più importanti fiere programmate in Russia, CSI e Stati baltici, con la speranza di facilitare l'orientamento e la scelta dell'impresa nazionale. Il proposito odierno, già anticipato alcuni giorni fa, è quello di presentare alcuni motori di ricerca per fiere ed eventi organizzati in Russia e altre repubbliche ex-sovietiche. La ricerca è configurabile secondo criteri settoriali, tematici, geografici, ed è (quasi) sempre disponibile anche in lingua inglese. Le funzioni principali sono fruibili a titolo gratuito, mentre servizi opzionali, come registrazione agli eventi, prenotazione degli alberghi e voli e altre fattispecie organizzative, sono disponibili attraverso i siti medesimi a titolo oneroso.
.
1) Uefexpo: Associazione russa delle manifestazioni fieristiche ed espositive, interfaccia inglese, ricerca per criteri tematici, cronologici e geografici;

2) Exponet: motore di ricerca per le fiere in tutto il mondo, interfaccia inglese, ricerca per vari criteri;
.
3) Expolist: motore di ricerca per le fiere in Russia, CSI, mondo, solo in russo, ricerca per vari criteri;
.
4) Expoua: motore di ricerca per le fiere in Ucraina, interfaccia russa e inglese, ricerca per vari criteri;
.
5) Expocentr: sito del principale polo fieristico della Russia, uno dei più importanti in tutto l'Est Europa. Con i suoi 200.000 mq nel centro di Mosca, l'Expocentr ospita le manifestazioni più importanti per il mercato russo, tra cui CPM, MITT, OBUV, MEBEL.
.
Redazionale, da fonti internet.

La Toscana alla scoperta della Russia

Toscana Promozione ospita una country presentation per consenire alle aziende di scoprire le opportunità del mercato russo.
Nell’ambito della Convenzione ICE/Regione Toscana 2006 sarà organizzata una “Country Presentation Russia” che si svolgerà presso la sede di Toscana Promozione – “Villa Fabbricotti” – Via Vittorio Emanuele II, 62/64 Firenze il prossimo 27 Febbraio dalle ore 08.30.
La “Country Presentation”, che si inquadra in un più ampio programma di formazione imprenditoriale organizzato dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero e dallo Sportello per l’Internazionalizzazione “Sprintoscana”, si pone l’obiettivo di presentare le opportunità offerte dal mercato russo al sistema produttivo toscano. Il programma dei lavori, che troverete in allegato, prevede la presenza di esperti relatori che per la loro vasta conoscenza del mercato russo, presenteranno i settori promettenti dell’economia del paese e le opportunità di business per le imprese toscane, con la possibilità di incontri B2B nel pomeriggio.
Dal 2003 ad oggi le esportazioni toscane in Russia sono aumentate di oltre l'87% e nei primi 9 mesi del 2007 l'export della regione in questo paese ha fatto registrare un +32% sullo stesso periodo del 2006. Dati che confermano il mercato russo come uno dei più interessanti per l'economia toscana.
La partecipazione all’iniziativa è gratuita. Gli interessati a partecipare devono compilare l’apposita scheda e spedirla via fax al numero ivi indicato entro e non oltre il 25 Febbraio. Saranno accolte le domande di partecipazione in funzione della data di arrivo, sino ad esaurimento dei posti disponibili in sala. Per ulteriori informazioni sull’iniziativa, potete contattare:
- l’Ufficio ICE di Firenze,
att.ne Sig.ra Giannelli
tel. 055-661813 / 14, fax 055-669475,
- Sportello per l’Internazionalizzazione – Sprintoscana –
att.ne Alessandra Pilo
Tel. 055-4628007 –
Fax: 055-4628070,

domenica 17 febbraio 2008

Gli uomini più ricchi della Russia

Il settimanale "Finans" pubblica lunedi il rating degli uomini più ricchi della Russia. La notizia è riportata dalle principali fonti di informazione russe.
La rivista elebora tale graduatoria per il quinto anno consecutivo. In questo periodo, il numero dei miliardari russi è quadruplicato, passando solo nell'ultimo anno da 61 a 101, e molti nomi nuovi occupano oggi le prime posizioni.
Al vertice, Roman Abramovich cede lo scettro al re dell'alluminio Oleg Deripaska. Il patron del Chelsea è riuscito ad incrementare "solo" di 2 miliardi di dollari il proprio patrimonio nell'anno appena concluso, mentre le disponibilità di Deripaska sono praticamente raddopiate.

1) Oleg Deripasca (foto), 40 miliardi di USD, magnate dei metalli, proprietario della holding "Basovij Element";

2) Roman Abramovich, 23 miliardi di USD, investimenti diversificati;

3) Vladimir Lisin, 22.2 miliardi di USD, metallurgia;

4) Mikhail Fridman, 22.2 miliardi di USD, media, petrolio, investimenti diversificati;

5) Alexey Mordashev, 22.1 miliardi di USD, metallurgia;

6) Vladimir Potanin, 21.5 miliardi di USD, metallurgia;

7) Mikhail Prokhorov, 21.5 miliardi di USD, metallurgia;

8) Sulejman Kerimov, 18 miliardi di USD, petrolio;

9) Viktor Vekselberg, 15.5 miliardi di USD, petrolio;

10) Ghermann Khan, 15 miliardi di USD, media, petrolio, investimenti diversificati.

Redazionale, da materiali http://www.rian.ru/

Aumenta la produzione vitivinicola nel sud della Russia

Nel corso del 2007, la produzione e le vendite del comparto vitivinicolo russo hanno registrato aumenti tra i 60 e i 100 p.c. Lo rendono noto fonti di informazione di settore.
Tutte le maggiori aziende hanno accresciuto la propria produzione, grazie sia all’aumento dei terreni coltivati a vigneto, che all’ammodernamento dei macchinari. Diversi fattori hanno contribuito a tale dinamica – dalla crescita della domanda per i vini spumanti di fascia medio-bassa, che ha superato il 50 p.c. nel periodo gennaio-ottobre 2007, al divieto dell’importazione della produzione vitivinicola dalla Georgia e dalla Moldavia, all’aumento dei prezzi di vendita al dettaglio dei vini non mossi. Attualmente, la maggior parte della produzione locale si colloca nella fascia sotto i 110 rubli (3 euro), ma è presente la volontà di molti produttori di posizionarsi in un segmento più elevato, conquistando il range prossimo ai 150-200 rubli nella vendita al dettaglio (4.2 - 5.8 euro). Il 2007 è stato un anno positivo per il mercato russo del vino, cresciuto, in termine di valore, del 13 p.c. nel segmento dei vini non mossi, e del 7 p.c. in quello dei vini spumanti.
Redazionale, da materiale http://www.agronews.ru/

Aumentano le esportazioni di grano dalla Russia

L'export del grano russo dovrebbe raggiungere i 15 milioni di tonnellate nell'anno agricolo 2007-2008. Lo rendono noto fonti di informazione di settore, citando il Ministero dell'agricolutura.
La crescita delle esportazioni è resa possibile dai buoni volumi del raccolto di grano che, nel 2007, sono stati pari a 82 milioni di tonnellate. Nell'anno trascorso, gli indicatori della produzione agricola nella Federazione Russa hanno finalmente superato i livelli del 1990, registrati ancor prima del crollo dell'URSS.
Redazionale, da materiali www.agronews.ru

venerdì 15 febbraio 2008

Geox apre in Serbia stabilimento da 8 mln EUR

L´italiana Geox ha annunciato che aprirà uno stabilimento per la produzione di calzature nella città meridionale serba di Pirot.
Secondo Informest, la società italiana intende investire 8 mln EUR nell´impianto ed assumere inizialmente 1000 lavoratori.
Geox è la terza produttrice mondiale di calzature e, da gennaio a settembre 2007, ha venduto prodotti per oltre 694 mln EUR.
.
Fonte: http://www.portalino.it/ (L'Osservatorio sui Balcani) da materiale http://www.informest.it/

Lettonia piu' vicina con i nuovi collegamenti aerei da Venezia e Roma

La compagnia lettone AirBaltic lancerà nuove destinazioni europee con l'avvio dell'orario estivo, dal 30 marzo, incrementando notevolmente il numero dei voli verso il Mediterraneo.
Il vettore introdurrà, tra l'altro, il collegamento Riga-Venezia, ed è previsto l'aumento dei voli per Roma, che diventeranno 5, come le frequenze tra Vilnius e Milano.

Con ICE e Confagricoltura si va in Serbia e Romania

L’Istituto per il Commercio Estero e Confagricoltura, organizzazione degli imprenditori agricoli, riconfermano l’importanza di concretizzare sinergie tra le istituzioni pubbliche e le imprese e lanciano importanti opportunità di mercato e di investimenti diretti in un’Europa che cambia, in particolare in Serbia e Romania.
.
“Con questo appuntamento abbiamo dato il via alle iniziative volte alla Serbia ed alla Romania, che oggi più che mai, rappresentano per gli imprenditori agricoli e dell’agroalimentare mercati di grande interesse, sia per l’export delle nostre produzioni, sia per nuovi investimenti”, spiega Giandomenico Consalvo, presidente di Confagri Consult, la società dedicata all’attività di internazionalizzazione costituita da Confagricoltura, e componente della giunta esecutiva dell’organizzazione.
.
I progetti “gemelli” si prefiggono lo scopo di far conoscere agli imprenditori italiani le possibilità di realizzare investimenti diretti nei due Paesi, di creare e rafforzare rapporti con gli imprenditori italiani già operativi in Serbia e Romania, fornendo loro assistenza, e di promuovere l’export delle produzioni agroalimentari italiane verso quei mercati.
.
Saranno quattro le principali azioni previste: realizzazione di missioni per imprenditori; attuazione di iniziative per la promozione delle produzioni agroalimentari italiane; apertura di sportelli informativi per le imprese; organizzazione di incontri divulgativi sul territorio italiano.
“Più attuale che mai - aggiunge Roberto Lovato, dirigente dell’Area agroalimentare Ice - l’interesse delle imprese agricole ed agroalimentari per i mercati e gli investimenti nei due Paesi Il Pil romeno, nei primi 9 mesi 2007, continua a crescere, + 5,8% sullo stesso periodo del 2006, fondamentalmente per l’incremento della domanda e l’aumento dei consumi finali interni. Questo incremento è significativo nel settore dei servizi ed in quello delle costruzioni, mentre l’agricoltura rimane il comparto meno produttivo, con una diminuzione del volume di affari del 18,3%. Nel 2006 il tasso di inflazione si è assestato al 6,6%, scendendo dal livello registrato ad inizio anno (12,5%). L’interscambio commerciale con i Paesi esteri è notevolmente incrementato”.
.
Sulla base di quanto emerge dal seminario di ieri a Fieragricola a Verona, in sostanza, gli imprenditori agricoli italiani contribuiranno sicuramente a promuovere la crescita e lo sviluppo della Romania; d’altra parte, l’adesione all’Unione Europea e l’applicazione della politica agricola comune possono agevolare questo processo.
.
L’economia serba, d’altro canto, mostra chiari segnali di crescita e, nel 2007, secondo le stime dell’Ente per la Statistica della Serbia, il Pil è aumentato del 7,5%, superando le previsioni dei principali istituti economici e confermando un trend che dura ormai da 8 anni. Nel 2007 il tasso di inflazione si è assestato al 10%. Il Governo serbo, confermato dalle recenti elezioni, sta attuando una politica proprio volta a creare condizioni favorevoli per gli investimenti esteri e ad incentivare collaborazioni e forme di partenariato con gli imprenditori degli altri Paesi.
“Tutto ciò - conclude Consalvo - fa comprendere quanto sia rilevante l’interesse a sviluppare collaborazioni tra l’Italia, la Romania e la Serbia: da una parte Paesi aperti ad accogliere professionalità e capitali esteri; dall’altra imprenditori agricoli impegnati a rafforzare le loro produzioni e le loro aziende”.
.
Fonte: www.lombardia-pmi.it da materiali www.winenews.it

Per le imprese di Lecco obiettivo Russia, Svezia e Svizzera

Lunedì 18 febbraio alle 16.30 presso la Camera di Commercio di Lecco, si terrà l’incontro “Progetto Russia: istruzioni per l’uso” per presentare l’avvio dell’omonimo progetto promosso dalla Camera con la propria Azienda Speciale Lariodesk. In scadenza anche i termini per manifestare interesse per i mercati della Svizzera e della Svezia.
Nel corso dell’incontro saranno presentati gli strumenti e le azioni previste da “Progetto Russia”, nato a livello territoriale per facilitare e consolidare le relazioni economiche tra le imprese lecchesi e gli operatori della Federazione Russa.
In particolare, verranno illustrati i primi risultati dell’indagine di mercato realizzata con il desk Promos di Mosca sulla base delle esigenze espresse dalle imprese interessate al progetto. Ad oggi, trenta le imprese lecchesi che hanno già dato una preventiva adesione – molte delle quali del settore meccanico-macchine - a sottolineare con quanto interesse il nostro sistema guardi a quell’area di mercato come ad un’opportunità da approfondire. Sarà pure presentata la proposta di realizzazione, nel prossimo mese di giugno, di una missione economica multisettoriale in Russia, che sarà seguita dall’organizzazione di attività di assistenza individuale finalizzate all’incontro di potenziali controparti russe a Lecco nel prossimo autunno. Progetto Russia è una delle azioni locali approvate sull’ Asse 2 – Internazionalizzazione dell’Accordo di Programma tra Regione Lombardia e Sistema camerale lombardo.
Entro la stessa data scadono i termini per manifestare il proprio interesse verso i mercati svizzero e svedese.
Scarica la scheda
Fonte: www.lombardia-pmi.it

sabato 9 febbraio 2008

Materiali e macchine per l'edilizia verso la Slovacchia

Informest, nell’ambito della propria attività mirata allo sviluppo della cooperazione economica tra aziende italiane ed aziende dei Paesi dell’Est Europa, Federazione Russa e Cina, intende realizzare un programma di penetrazione commerciale nel settore macchinari e materiali per l’edilizia in Slovacchia.
.
Sulla base dell’esperienza acquisita e del modello operativo già testato in altri Paesi (Slovenia, Croazia, Serbia, Romania), Informest svolgerà il servizio, fornito ad un gruppo di imprese italiane non concorrenti fra loro, produttrici e/o distributrici di prodotti, attraverso un esperto introdotto nel settore delle macchine e materiali per edilizia e costruzioni.
.
La Slovacchia presenta una notevole crescita del settore edilizia e costruzioni civili e industriali ed il mercato locale mostra una forte potenzialità di assorbimento per i materiali e macchinari con tecnologia e know-how made in Italy.
Maggiori dettagli sul progetto.
.
Fonte: http://www.emiliaromagna-pmi.it/

Confermato il collegamento Bologna - Mosca con Eurofly

Ormai manca meno di un mese all'inaugurazione della nuova tratta Bologna - Mosca operata da Eurofly. Il vettore low cost offrirà un servizio bisettimanale, il martedi e il venerdi, a partire dal 4 di marzo. Il costo per tratta, tasse aeroportuali incluse, partirà da 93,17 Euro. I velivoli Eurofly, Airbus A320 da 180 posti, atterreranno al moderno aeroporto internazionale di Domodedovo, collegato al centro città da un effciente ed economico servizo di treno-espresso.
La nuova tratta della Eurofly va ad aggiungersi all'interessante proposta della Air Berlin, che da alcuni mesi offre collegamenti low-cost Nord Italia - Mosca, con partenze da Bergamo Orio al Serio.
Redazionale, da materiale http://www.eurofly.it/, http://www.airberlin.com/

Tariffe doganali nella Federazione Russa

Il sito ufficiale delle Dogane russe, offre la possibilità di consultare, a titolo gratuito, il proprio database della nomenclatura doganale.
La nomenclatura delle tariffe doganali russe è organizzata secondo i criteri internazionali armonizzati HTS, il che la rende identica per struttura alla nomenclatura tariffaria del Sistema Armonizzato adottato dall'UE.
Il servizio è disponible in lingua russa e può costituire uno strumento utile nella preparazione della documentazione necessaria all'introduzione di beni e prodotti nel territorio della Federazione Russa. Ogni sezione della tariffa doganale è preceduta da un commento esplicativo.
A tal proposito, va ricordato, che con regolamento (CE) n. 1214/2007 del 20 settembre 2007, la Commissione europea ha modificato l'allegato I del regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune. Le modifche interevenute sono in vigore dal 1 gennaio 2008.

Venezia: Corso di Formazione per Operatori in Commercio Estero

La Camera di Commercio I.A.A. di Venezia organizza l'edizione 2008 del Corso di Formazione per Operatori in Commercio Estero che si terrà nelle giornate del 5, 12, 19 marzo e del 2, 9, 16 aprile 2008 presso l'Hotel Novotel in via Ceccherini 21 a Mestre Ve.
Il corso intende fornire alle aziende che vogliono sviluppare o consolidare rapporti commerciali con i mercati esteri una panoramica completa delle principali problematiche del commercio internazionale, oltre ad una serie di suggerimenti e di strumenti operativi.
Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza a coloro che avranno partecipato ad almeno cinque lezioni.
Articolato in 6 giornate formative, il corso prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

Mercoledì 5 marzo 2008 - Prof. Giorgio Pellicelli
Come vendere meglio e di più all'estero: il marketing internazionale
Mercoledì 12 marzo 2008 - Avv. Najdat Al Najjari, Avv. Francesca Di Bon
Contrattualistica internazionale
Mercoledì 19 marzo 2008 - Dott. Mario Signoretto
Aspetti di procedure doganali
Mercoledì 2 aprile 2008 - Rag. Maurizio Favaro
Tecnica dei trasporti e termini di resa delle merci
Mercoledì 9 aprile 2008 - Dott. Antonio Di Meo
I pagamenti internazionali
Mercoledì 16 aprile 2008 - Dott. Renzo Pravisano
Operazioni di import/export: aspetti fiscali

La quota di partecipazione è di € 300,00 + IVA 20% = € 360,00 a persona. E' previsto uno sconto del 10% sulla quota di partecipazione dalla terza adesione in poi per azienda. Si accetterenno al massimo 45 persone.
Per partecipare: preannunciare telefonicamente la propria adesione e successivamente inviare via fax al nr. 041 2576 632 la scheda di adesione.
Scadenza adesioni: mercoledì 27 febbraio 2008.
Nel dépliant del corso il programma dettagliato e le note organizzative.
Informazioni:
Camera di Commercio I.A.A. di Venezia - Sede di Mestre
Ufficio Promozione Estero e Servizi alle Imprese
Via Forte Marghera 151
30173 Mestre - Venezia
tel. 041 2576 601/602/603
fax 041 2576 632
commercio.estero@ve.camcom.it
Fonte: http://www.venicexport.com/

Aziende del frusinate in missione a Mosca e Krasnodar

L’Aspin, Azienda speciale per l’internazionalizzazione della Camera di Commercio di Frosinone organizza la partecipazione di aziende della provincia alla missione commerciale in Russia coordinata da Promec per il 20-25 aprile 2008. La missione che si sviluppera in due tappe, Mosca e Krasnodar, intende promuovere opportunità di cooperazione sia commerciali che industriali tra imprese italiane e russe allo scopo di avviare nuove partnership. I settori di interesse sono: materiali per l'edilizia sanitari e rubinetteria; infissi e sistemi di sicurezza; pavimenti e rivestimenti in marmo ceramica e legno; sistemi per riscaldamento e condizionamento; sistemi di impermeabilizzazione e di isolamento, vernici e collanti; arredo casa arredo bagno; imbottiti; mobili in generale.
La quota di partecipazione per ogni rappresentante aziendale sarà pari a euro 500,00 + Iva; le aziende interessate a partecipare possono inviare la scheda compilata al fax 0775 823583 entro il 25 febbraio 2008.
Per informazioni:A spin - Area PromozionePaolo Nifosi, Tel. 0775 824193, Fax. 0775 823583
p.nifosi@aspin.fr.it
Fonte: http://www.globus.cameradicommercio.it/

giovedì 7 febbraio 2008

Treviso: Seminari di aggiornamento in commercio estero

Nell’ambito degli interventi di formazione e aggiornamento che la Camera di Commercio di Treviso rivolge alle piccole e medie imprese, al fine di accrescere la conoscenza degli operatori economici provinciali in materia di tecnica del commercio con l'estero, sono previsti due importanti seminari per aziende e privati :
• 1° incontro: Prestazioni di servizi nei rapporti con l'estero: Iva e ritenute alla fonte (27 febbraio 2008);
• 2° incontro: Strutture di vendita all'estero: aspetti fiscali (5 marzo 2008).
Gli incontri riguardano alcune specifiche problematiche fiscali affrontate dalle imprese che operano stabilmente con l'estero.
La sede di svolgimento è la Sala Conferenze della Camera di Commercio di Treviso, Piazza Borsa, 3/B. La quota di partecipazione ai seminari è di euro 80,00 + Iva; si prega di effettuare l'iscrizione online e di inviare copia del bonifico al fax 0422 595457. In alternativa, è possibile preannunciare telefonicamente la propria adesione ad inviare tramite fax la scheda di partecipazione e copia del bonifico.
Il termine di adesione è fissato al 20 febbraio 2008.
Per informazioni: Ufficio Promozione Estero, Patrizia Capuzzolo, Tel. 0422 595313, Fax 0422 595457, E-mail: promozione@tv.camcom.it

martedì 5 febbraio 2008

Bosnia Erzegovina: pubblicato il calendario delle manifestazioni fiersitiche

(ICE) - ROMA, 04 FEB - La Camera di Commercio della Bosnia ha pubblicato il calendario delle manifestazioni fieristiche per l'anno 2008 che comprende lo svolgimento di 52 eventi promozionali nel Paese. Tra queste, cinque sono campionarie plurisettoriali (Promo di Tuzla, ZEPS di Zenica, fiere dell'economia a Brcko e Mostar, Giornate mediterranee a Trebinje) e le rimanenti sono settoriali (edilizia, turismo, sport, ecologia, agoindustria, agroalimentare, editoria, attrezzature mediche, medicinali e cosmetica e festival del té, della birra e altro).
.
Fonte: http://www.ice.gov.it/

Russia: prosegue l'espansione della Fiat

La Fiat Automobili continua la sua espansione nel mercato russo, con l'apertura di due nuove concesionarie nel mese di gennaio. Il primo showroom, Vostok-Auto, è stato inaugurato a Mosca, il secondo nella capitale della Repubblica autonoma del Bashkotorstan - Ufa. Entrambi i punti vendita prevedono di realizzare oltre 1200 vetture nel corso del 2008.
L'anno trascorso è stato molto positivo per il gruppo di Torino in Russia, con una crescita del 1008% sul 2006 e un totale di 15.310 vetture realizzate (più 808 Alfa Romeo). Cioè testimonia come, dopo un lungo periodo di assenza, il Lingotto stia realizzando un grande ritorno su quello che è stato il suo mercato storico ancora ai tempi dell'URSS.
Grazie alle ultime aperture, il numero dei concessionari FIAT in Russia raggiunge la quota 83.

Redazionale, da materiali www.autoreview.ru, www.drive.ru

In costante crescita il mercato ucraino dell'abbigliamento e calzature

Nel 2007, il volume del mercato ucraino dell’abbigliamento e delle calzature ha superato i 3,5 mld di $ con una crescita di circa 20% su base annua. Lo rendono noto fonti di informazioni nazionali. Secondo gli esperti, nel 2008, tale valore raggiungerà i $4-5 mld, con, un ulteriore incremento del 15-25 % rispetto all’anno trascorso.
Questo rende il mercato ucraino mercato particolarmente interessante per le grandi catene retail, tra tutte Sela, Argo e Maratex, che stanno programmando numerose nuove aperture per i prossimi mesi. Anche le grosse catene internazionali si stanno organizzando per entrare a Kiev e nelle altre grandi città. Il via verrà dato dalla Inditex che nel corso di quest’anno aprirà il primo punto vendita di Zara. Dichiara a questo proposito il direttore generale della rappresentante ucraina della compagnia Maratex ltd Dmitrii Ermolenko: - “La Inditex è il primo grande retailer che entrerà nel nostro mercato autonomamente. Sinora, tutti gli attori internazionali hanno lavorato col metodo del franchising. Se la Inditex avrà successo in Ucraina, seguiranno l’esempio degli spagnoli altri grandi attori, fatto che accelererebbe il processo di regolamentazione del mercato, rendendolo più trasparente e moderno”.
Nonostante il recente boom, ancora oggi, circa il 50% degli acquisti si realizza nei mercati e nei negozi second hand. Sono altresì da segnalare le importazioni, spesso in nero o “in grigio”, dalla Cina, Turchia ed Indonesia, che coprono l’80 % della domanda interna.
Redazionale, da materiale http://kontrakty.ua/content/view/769/39/

lunedì 4 febbraio 2008

Russia, 140 mln euro per restauri a San Pietroburgo

La Soprintendenza per la tutela dei beni culturali e architettonici di San Pietroburgo ha reso noto che per i lavori di restauro sui monumenti della città nel 2007 sono stati assegnati circa 10 miliardi di rubli (pari a 280 milioni di euro), attinti sia dal budget federale che da quello della città.
L´ICE afferma che tale stanziamento, che supera di gran lunga quello previsto in Francia per lo stesso tipo di interventi, avrebbe dovuto soddisfare gli interventi su 700 tra monumenti e immobili, ma è stato utilizzato finora solo al 50 percento. Restano quindi aperte notevoli possibilità per il 2008 e per il 2009 per le aziende straniere operanti nel settore, specialmente per quanto concerne l´attività di progettazione.
Fonte: http://www.portalino.it/ (l'Osservatorio sui Balcani), da materiale http://www.ice.gov.it/

Verona: Imprese serbe e bosniache a Fieragricola

In occasione della nuova edizione di Fieragricola, sarà presente a Verona nei giorni 8 e 9 febbraio 2008 una delegazione di piccole e medie imprese provenienti dalla Serbia e dalla Bosnia Erzegovina.Obiettivo dell’iniziativa è permettere il contatto diretto tra gli imprenditori veneti del settore agricolo e zootecnico con aziende bosniache e serbe potenzialmente interessate all’instaurazione di rapporti commerciali.
.
Durante gli incontri verrà inoltre promossa la Linea di Credito Italia – Serbia, concessa dal Ministero degli Affari Esteri italiano, in favore delle piccole e medie imprese serbe per l’acquisto di macchinari da aziende italiane, garantendo in tal modo la sicurezza della transazione commerciale. E' possibile fissare un incontro bilaterale ed avere la lista delle aziende partecipanti.
Per informazioni:
Regione Veneto, Simone Plances,
Tel. .: 049 8778131E-mail: c_simone.plances@regione.veneto.it
.
Fonte: http://www.globus.cameradicommercio.it/

Ucraina: Intesa San Paolo acquisisce la “Praveks Bank”

Il gruppo bancario italiano “Intesa San Paolo” ha raggiunto l’accordo per l’acquisizione dell’ucraina “Praveks Bank”. Lo rendono note fonti di informazione ucraine.
L’operazione, del valore di 750 milioni di euro, dovrebbe concretizzarsi entro pochi mesi e costituisce il secondo tentativo dell’istituto italiano di entrare nel mercato ucraino, dopo il fallimento dell’acquisizione dell’“Ukrozbank”.
La “Preveks Bank”, controllata dal sindaco di Kiev, dispone di una ramificata struttura nel territorio ucraino, composta da oltre 560 sportelli e più di 2000 uffici di credito al consumo dislocati nelle maggiori aree commerciali del paese.
Redazionale, da materiale http://rus.newsru.ua/

Bosnia Erzegovina: dati commercio estero 2007

(ICE) - ROMA, 04 FEB - Secondo gli ultimi dati disponibili pubblicati dalla Camera di Commercio della FBiH gli scambi commerciali nel 2007, dell'intero Paese, hanno raggiunto la cifra di 18,6 miliardi di KM (pari a circa 9,5 miliardi di euro). Le importazioni, pari 13,6 miliardi di KM (circa 6,95 miliardi di euro) hanno subito un aumento del 21% rispeto al 2006. Le esportazioni pari a 6 miliardi di KM (circa 3 miliardi di euro) hanno avuto un incremento del +15% rispetto all'anno precedente. La percentuale di copertura è stata pari a 44%. Sempre secondo la stessa fonte, nel 2007 i disoccupati nella Federazione sono stati 370.000, 1.000 in meno rispetto all'anno precedente. (ICE SARAJEVO)
.

domenica 3 febbraio 2008

Slovacchia leader mondiale con 106 auto prodotte per 1.000 abitanti

La Slovacchia è diventata nel 2007 il Paese leader mondiale per produzione di automobili rispetto al numero di abitanti. Nel 2006 erano state prodotte in Slovacchia 55 auto ogni 1.000 abitanti e questo aveva posizionato il Paese al nono posto nel mondo.
.
Secondo l´ICE, con un totale di oltre 570.000 veicoli prodotti nel 2007 - un rapporto di 106 automobili prodotte ogni 1.000 abitanti - il Paese ha raggiunto una posizione di leader che, a parere degli esperti, si rafforzerà quest´anno: per il 2008 è previsto infatti un output di 160 auto ogni 1.000 abitanti.
In questa classifica, la Slovacchia è seguita da Repubblica Ceca (91 macchine/1.000 ab.), Belgio, Slovenia e Giappone.
Fonte: www.portalino.it (l'Osservatorio sui Balcani), da materiale www.ice.gov.it

Incontro tra Putin e Lukashenko a Sochi

I presidenti russo e bielorusso, Vladimir Putin ed Alexander Lukhashenko, si sono incontrati a Sochi per discutere le dinamiche dell'interscambio economico tra i due Stati. All'incontro hanno partecipato il premier russo Zubkov e il suo vice Medvedev, indicato come il più probabile successore di Putin nella più alta carica della Federazione Russa. E' stata espressa soddisfazione per le relazioni commerciali tra i due paesi, che nel 2007 hanno superato i 25 miliadi di dollari. La Bielorussia, che dipende interamente dalle forniture russe di gas e petrolio, esporta verso il proprio vicino orientale prodotti alimentari e macchinari agricoli.
Redazionale, da materiali http://gzt.ru/, http://www.rusnovosti.ru/

Panificare per Mosca

Ad aprile la XIII Edizione della Fiera Internazionale del Commercio Specializzato "Bakery Pasta Intersweets 2008" rivolto a tutti gli operatori del settore della panificazione.
La Camera di Commercio Italo-Russa è stata incaricata di curare la partecipazione italiana. A quanti, fra gli appartenenti al settore, desiderano sfruttare l'occasione per stabilire contatti diretti con le controparti russe, la CCIR offre supporto logistico e organizzativo, curando la registrazione dei partecipanti. Fra le varie manifestazioni che arricchiscono l'evento sono previste competizioni di gastronomia con l'assegnazione di relativi riconoscimenti, gare di degustazione e dimostrazioni di arte culinaria.
La manifestazione si svolgera' dall'8 all'11 aprile 2008 a Mosca, presso il Centro Fieristico-Espositivo VVC (Pad. N. 20) ed e' promossa dall'associazione di categoria "Russian Guild of Bakers and Confectioners". Per maggiori informazioni.

Imprese ICT: opportunita' in Bulgaria

IRC IRIDE e IRC Bulgaria, in collaborazione con CIST e PoloICT, organizzano per il 27-28 marzo 2008 a Sofia (Bulgaria) un meeting finalizzato al trasferimento tecnologico in campo ICT con focus su ‘Telelavoro: tecnologie e metodologie’.
.
Piccole Medie Imprese, Universita’, Centri di Ricerca e PA avranno l’opportunita’ di:
- Informarsi e presentare soluzioni ed opportunita’ nel settore ICT in sessioni a conferenza
- Scambiare informazioni e presentare profili tecnologici nell’ambito di incontri one2one con lo scopo di trovare accordi di cooperazione e trasferimento tecnologico transnazionale.
Principali aree tematiche:
- Le conferenze saranno dedicate all’ICT e in particolare a “Telelavoro: tecnologie e metodologie” - Gli incontri one2one sono aperti a tutti i temi dell’ICT.
.
Le conferenze avranno luogo il 27 marzo con il contributo di esperti italiani e bulgari. Ampio spazio sara’ dedicato in quest’ambito alle attuali e future opportunita’ di cooperaziopne tecnico-scientifica e alla preparazione di proposte di R&S per FP7 e CIP.
Gli incontri one2one avranno luogo il 28 marzo e saranno organizzati sulla base dei profili dei richiedenti e della domanda e offerta di tecnologie che sara’ possibile e opportuno inserire in un’apposita piattaforma online.
Referente per l'Italia è ENEA . Per ulteriori inforomazioni ed iscrizioni

Bosnia Erzegovina: nuovo investimento italiano

(ICE) - ROMA, 01 FEB - La società italiana produttrice di vernici Colorificio S. Marco SpA di Marcon (Venezia) ha costituito una joint venture al 65% (compreso finanziamento Finest e Simest) con la società erzegovese Duga-Tehna di Citluk. La nuova società S. Marco DT BH produrrà pitture e vernici nel nuovo stabilimento e le esporterà oltre che in Italia anche nei paesi della Regione ed in altri mercati. L'investimento totale è stato di circa 1,5 milioni di euro tra capannoni (750 mila euro) ed attrezzature. La fabbrica, la più moderna della Regione, da lavoro a circa 15 persone. (ICE SARAJEVO)

Slovenia: costituzione di una SRL in un'ora e mezza

(ICE) - ROMA, 01 FEB - La costituzione di una società a responsabilità limitata in Slovenia è dal 1° febbraio gratuita e può essere fatta in circa un'ora e mezza di tempo. Si risparmiano così circa 600 euro, che erano fino a gennaio necessari per la costituzione di una s.r.l., con capitale di costituzione di 7.500 euro.
.
La costituzione si può fare tramite il sito dell'amministrazione pubblica VEM - Vse na enem mestu (Tutto in un posto) evem.gov.si o in uno dei 300 punti di registrazione VEM. Il progetto VEM è nato a giugno 2005 e all'inizio permetteva la registrazione agli imprenditori autonomi; da febbraio 2008 si è esteso anche sulle S.r.l. Il progetto VEM costava 2,4 milioni di euro, il 85% dei fondi sono stati finanziati dai fondi strutturali europei. (ICE LUBIANA)
.

venerdì 1 febbraio 2008

Russia: nuovo impianto farmaceutico a Saratov per la norvegse Nycomed

(ICE) - ROMA, 01 FEB - L'azienda farmaceutica norvegese Nycomed sta valutando la possibilità di costruire una fabbrica nella regione di Saratov (circa 600 km a sud-est di Mosca) per una spesa superiore ai 2 miliardi di rubli - quasi 60 milioni di Euro. Il vicepresidente del governo della Regione di Saratov, Aleksandr Zhandarov, ha condotto gli incontri con i dirigenti della società "Nikomed Russia SNG" per esaminare il progetto di investimento elaborato, che prevede la produzione annuale di 150 milioni di fiale e forme di iniezioni, 100 milioni di pacchetti di caramelle terapeutiche, 1,5 miliardi di pastiglie e capsule, 24 milioni di flaconi di sciroppi, 24 milioni di pacchetti di gocce per occhi e naso e 30 milioni di confezioni di erbe medicinali in pacchetti. I rappresentanti della compagnia hanno intenzione di visitare la regione di Saratov per selezionare il sito più adatto. (ICE MOSCA)
Fonte: http://www.ice.gov.it/

Da Vienna nuove rotte verso la Russia

Austrian Airlines, vettore membro di Star Alliance, continua a sviluppare e ampliare il proprio network verso la Russia.
Con il nuovo orario estivo saranno attivi tre voli a settimana per ciascuna delle due nuove destinazioni del network Austrian, le città di Soci e Niznij Novgorod.
Entrambe le rotte saranno operate via Vienna con aeromobili Fokker 70. I collegamenti per Soci saranno attivi a partire dal 2 Aprile 2008, mentre la rotta verso Niznij Novgorod sarà inaugurata il 3 Aprile 2008.
Austrian Airlines serve attualmente cinque destinazioni in Russia: Ekaterinburg, Krasnodar, Mosca, Rostov e San Pietroburgo. Con l’ingresso di Soci e Niznij Novgorod nel network Austrian, il Gruppo vede il consolidamento della propria posizione in Russia quale secondo vettore più grande al mondo per numero di destinazioni e terzo per numero di frequenze per questo paese. “La strategia Focus East del Gruppo Austrian Airlines continua con grande successo e prevede per quest’anno un ampliamento del network di rotte verso la Russia, raggiungendo il numero di ben sette destinazioni. I passeggeri che viaggiano per affari valutano in modo molto positivo il nostro impegno sul territorio russo; le sette destinazioni da noi servite rappresentano i centri di maggiore interesse nel paese e tutti dimostrano una crescita economica molto dinamica”, ha dichiarato Alfred Ötsch, CEO di Austrian Airlines. “In questo modo desideriamo nuovamente sottolineare il nostro ruolo leader di specialisti e pionieri per i paesi dell’Est, e grazie all’introduzione delle due nuove destinazioni di Soci e Niznij Novgorod rafforzare il traffico in transito”.

Bulgaria, approvato il programma di sviluppo rurale

La Commissione Europea ha approvato il Programma di sviluppo rurale 2007-2013 della Bulgaria. Lo afferma l´ICE. Il Piano ha i seguenti obiettivi: 1. sviluppo di agricoltura e silvicoltura competitive e di un settore agroalimentare basato sulle innovazioni; 2. tutela delle risorse naturali e dell´ambiente nelle aree rurali; 3. miglioramento della qualità della vita e diversificazione della possibilità di occupazione nelle stesse.
.
Tali obiettivi saranno raggiunti attraverso 22 misure specifiche, suddivise in quattro assi prioritari: 1. aumento della competitività dei settori agricolo e forestale; 2. miglioramento dell´ambiente e della natura rurale; 3. miglioramento della qualità della vita nelle aree rurali e diversificazione dell´economia rurale; 4. LEADER, il programma d´iniziativa comunitaria finalizzato a promuovere lo sviluppo integrato, endogeno e sostenibile delle aree rurali.
.
I fondi previsti ammontano a 3,2 mld di euro, di cui 2,6 mld provenienti dal Fondo europeo agricolo di sviluppo rurale e 633 mln dal budget nazionale. Per ogni misura del Programma saranno a breve emanate delle disposizioni specifiche che saranno pubblicate sulla Gazzetta ufficiale, nonché le linee guida per la presentazione dei progetti.
.
Fonte: www.portalino.it (Osservatorio per i Balcani) da materiale originale www.ice.gov.it