domenica 17 febbraio 2008

Aumenta la produzione vitivinicola nel sud della Russia

Nel corso del 2007, la produzione e le vendite del comparto vitivinicolo russo hanno registrato aumenti tra i 60 e i 100 p.c. Lo rendono noto fonti di informazione di settore.
Tutte le maggiori aziende hanno accresciuto la propria produzione, grazie sia all’aumento dei terreni coltivati a vigneto, che all’ammodernamento dei macchinari. Diversi fattori hanno contribuito a tale dinamica – dalla crescita della domanda per i vini spumanti di fascia medio-bassa, che ha superato il 50 p.c. nel periodo gennaio-ottobre 2007, al divieto dell’importazione della produzione vitivinicola dalla Georgia e dalla Moldavia, all’aumento dei prezzi di vendita al dettaglio dei vini non mossi. Attualmente, la maggior parte della produzione locale si colloca nella fascia sotto i 110 rubli (3 euro), ma è presente la volontà di molti produttori di posizionarsi in un segmento più elevato, conquistando il range prossimo ai 150-200 rubli nella vendita al dettaglio (4.2 - 5.8 euro). Il 2007 è stato un anno positivo per il mercato russo del vino, cresciuto, in termine di valore, del 13 p.c. nel segmento dei vini non mossi, e del 7 p.c. in quello dei vini spumanti.
Redazionale, da materiale http://www.agronews.ru/

Nessun commento: