martedì 11 marzo 2008

Lettonia: previsioni sull'andamento dell'economia

(ICE) - ROMA, 11 MAR - Il Ministero dell'Economia della Lettonia ha pubblicato in questi giorni il 27° Rapporto sullo sviluppo dell'economia nazionale. Nel documento vengono incluse informazioni riguardanti la situazione attuale dell'economia lettone, la politica del governo mirata a favorire la crescita economica, le prospettive sull'andamento economico, nonché vari indici macroeconomici. Secondo gli analisti del dicastero, la crescita dell'economia in Lettonia nel 2008 segnerà un lieve rallentamento, con il tasso del PIL pari al 7%, rispetto al 10,6% registrato nel 2007. In una prospettiva di lungo periodo, la crescita del PIL potrà variare tra il 5 e l'8%. La crescita del PIL nello scorso anno è dovuta principalmente alla stabile domanda interna e all'aumento del fatturato nel settore di commercio. Quanto alle esportazioni, queste non hanno inciso sull'economia. In seguito alle misure adottate dal governo nel 2007, mirate ad attenuare il ritmo di crescita, verso la fine del 2007 si è evidenziato un rallentamento economico. Nell'ultimo trimestre 2007 l'aumento del PIL è ammontato al 9,6%, rispetto all'11,2%, l'11% e al 10,9% registrati nei trimestri precedenti. Tra i settori che hanno subito più di tutti tale rallentamento figurano l'attività edilizia e il commercio. Il Ministero ritiene che il piano di stabilizzazione e le misure adottate per limitare il rilascio di prestiti bancari possano leggermente diminuire il tasso d'inflazione e il deficit dei conti correnti. Tuttavia, si prevede che la continua crescita delle accise e delle tariffe amministrative non permetteranno di abbassare fondamentalmente il tasso d'inflazione. Sempre secondo alcuni esperti del ministero, la crescita dei prezzi al consumo rimane l'ostacolo più grave nello sviluppo dell'economia. (ICE RIGA)
Fonte: www.ice.gov.it

Nessun commento: