venerdì 18 luglio 2008

Documentazione necessaria per l’importazione di merci in Russia

Nonostante la semplificazione doganale in atto e i diversi programmi di collaborazione e scambio di informazioni operativi tra le autorità doganali dell’Unione Europea e i loro omologhi russi, l’attività di esportazione in Russia continua a presentare molti interrogativi ed incertezze per numerosi operatori economici nazionali. Naturalmente, il suggerimento che riteniamo più opportuno fornire, è quello di prestare una cura particolare alla scelta dello spedizioniere cui affidare il trasferimento della merce verso la Federazione Russa. Una pluriennale esperienza in questo mercato e la presenza di sedi proprie in Russia costituiscono gli indicatori più affidabili pre la scelta di un partner in grado di offrire un servizio sicuro ed efficiente.

Tuttavia, anche per le risorse interne all’azienda che desidera affacciarsi sul mercato russo, presenta un’indubbia utilità la conoscenza, almeno sommaria, delle tecniche doganali e della documentazione necessaria per avviare l’attività di export verso la Russia. Senza pretesa di offrire una risposta ad ogni interrogativo e ogni particolare caso, riteniamo quindi utile presentare un sommario della documentazione minima necessaria per l’introduzione di beni d’importazione nel territorio della Russia.

1) Contratto valido (originale + 2 copie validate dal timbro del soggetto ricevente).
2) Copia del passaporto della compravendita internazionale validata dalla banca, più copia validata dal compratore.
3) Documenti di trasporto più invoice (fattura) indicante tutti gli estremi del venditore e del compratore, il numero del contratto, prezzo e caratteristiche della merce, condizioni di fornitura. Tutti i dati contenuti nell’invoice devono corrispondere perfettamente ai dati contenuti nel contratto.
4) Traduzione dell’invoice, validato dal timbro del compratore e del venditore.
5) Certificati, licenze, alti documenti di autorizzazione (qualora richiesti).
6) Originale della documentazione attestante il pagamento delle tariffe doganali con la vidimazione della dogana attestante l’effettivo ricevimento dei pagamenti.
7) Informazioni sull’imballaggio, peso e quantità di colli per ogni fornitura attesa, per ongi categoria di merce (packing-list).
8) Altri documenti previsti nel contrato e nelle condizioni di fornitura. Ad esempio: certificati di assicurazione, certificati sui pagamenti anticipati, ecc.
9) Documentazione attestante il valore doganale della merce come, ad esempio: documenti di trasporto e assicurativi, dichiarazione doganale dello Stato d’origine, contratti con terzi se rilevanti, fatture per servizi di assistenza e brokeraggio doganale ecc. (Stante l’estrema importanza dell’argomento, esso riceverà una trattazione dedicata in separata sede).

Se la merce presenta caratteristiche tecniche particolari è sempre consigliabile accompagnarla con materiale esplicativo quale descrizione, disegni, o campioni disponibili. Infine, le copie di qualsiasi documentazione presentata, devono essere validate dal timbro del soggetto compratore.

Redazionale, www.russiaexport.org

Nessun commento: