domenica 30 novembre 2008

Romania: sostegno finanziario pubblico per gli operatori economici

Come stabilito dal Governo tramite il Programma di Sviluppo della Competitività dei Prodotti Industriali, il sostegno finanziario del quale potranno usufruire gli operatori economici che svolgono la loro attività prevalentemente nel settore dell'industria manifatturiera, aumenterà da 90.000 a 200.000 euro e sarà realizzato durante un periodo di al massimo tre anni.
.
I progetti di finanziamento si devono riferire principalmente ad attività di dotazione e modernizzazione dei laboratori industriali con nuove tecnologie, registrazione di nuovi prodotti rumeni e nuove marche, organizzazione di fiere e mostre per i prodotti industriali. La cifra minima destinata ad ogni progetto e di 5000 euro.
.
I beneficiari devono essere persone giuridiche con sede in Romania, registrate presso la Camera di Commercio, senza debiti verso le autorita' locali e dello stato e che non abbiano usufruito di altri sostegni finanziari in precedenza. E' necessario inoltre disporre di risorse finanziarie per un eventuale cofinanziamento e dimostrare l'efficacia del progetto. Una comissione di selezione composta da rappresentanti dei patronati specializzati sara' incaricata della selezione.
.
Fonte: www.ice.gov.it

giovedì 27 novembre 2008

Russia - Italia: Per la CCIR, accordo-chiave con Invitalia

Il buon andamento delle relazioni economiche tra Russia e Italia e la necessità di promuovere e sviluppare la cooperazione economico-industriale, sono il motivo dell'accordo siglato tra Invitalia, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, e la Camera di Commercio Italo-Russa.
.
In seguito a questo accordo, la Camera informerà l'Agenzia sulla presenza di investitori interessati alle opportunità di business in Italia, facilitandone i contatti e garantendone gli incontri. Invitalia informerà invece la Camera su richieste di incontri internazionali d'affari volti a formulare specifiche proposte di investimento in Italia. Assisterà inoltre gli imprenditori durante ogni fase del processo di investimento offrendo un pacchetto di servizi personalizzati.
.
Fonte: http://www.italplanet.it/

Romania: degustazioni enogastronomiche al workshop “Gusto Italiano” di Bucarest

Organizzato dall'ICE con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico, con la collaborazione di Confagricoltura e la partecipazione della Regione Abruzzo, si è svolto il 18 novembre scorso, presso l'Hotel Hilton di Bucarest, un workshop dal titolo "Gustul Italiei - Il Gusto italiano".
.
La manifestazione era dedicata all'esposizione, con relativa degustazione, dei pregiati vini del bel Paese ed alla presentazione di prodotti agroalimentari italiani, con la partecipazione di 44 società rappresentative delle varie regioni italiane ed il coinvolgimento di circa 100 imprese romene. Sono stati promossi i prodotti tipici e tradizionali locali: formaggi, salumi, olio, pasta, pizza, etc. oltre all'immancabile vino.
.
Ben 29 delle società italiane partecipanti all'evento erano produttrici di vino italiano, prodotto unico ed inimitabile, che per l'eccellenza e la diversità rappresenta in modo incomparabile il Made in Italy. E' anche vero che le aziende vinicole italiane devono fare i conti con una forte concorrenza da parte delle società romene che - secondo le stime dell'Associazione dei Produttori di Vini Romania - nel 2008 incrementeranno di quasi il 20% la produzione rispetto al 2007; va ricordato che nelle cantine romene sono conservate oltre 600 milioni di bottiglie di vino (circa 30 bottiglie per ogni consumatore).
.
Nonostante la forte presenza di vini importati, il vino romeno possiede ancora il 97% della quota del mercato locale. Pur tenendo conto di questa situazione, gli espositori italiani si sono dichiarati alquanto ottimisti sulle prospettive future nel mercato romeno . "Facciamo parte dalla categoria di produttori che nel mondo difende il "Made In Italy", ed in tal senso, cerchiamo di collaborare con delle società romene per trovare la maniera giusta per promuovere e valorizzare i nostri prodotti sul mercato locale" ha dichiarato Fabio Cornelli, direttore della In Italy. A ciò bisogna aggiungere che tutti i prodotti esposti e presentati erano di alta qualità e come tali indirizzati verso un settore di nicchia o riservati a ristoranti, alberghi e/o società interessate a usufruire di prodotti di qualità per i loro clienti.
.
In tal senso i marchi prodotti in Italia hanno il vantaggio di essere già conosciuti in Romania, grazie ai tanti romeni che lavorano in Italia e sono abituati a consumare prodotti tipici. "In Romania la nostra clientela è prevalentemente costituita da persone che hanno vissuto o lavorato in Italia e che, quindi, cercano e conoscono i prodotti che offriamo. Continueremo comunque a promuovere i prodotti italiani per abituare sempre di piu' i romeni ai nostri sapori" ha affermato il manager della società Menù Italiano Natale Ghinassi. "L'interesse delle aziende italiane per il mercato romeno e' in crescita non solo nel settore alimentare ed in tal senso riteniamo che tale tendenza continuerà anche in futuro. Occorre tener conto che le aziende italiane che operano in Romania hanno un impatto sul PIL tra i 7 ed il 10%.
.
Per quanto riguarda gli scambi tra i due paesi questi ammontano a circa 12 miliardi di euro", ha affermato il direttore di ICE Bucarest, Mario Iaccarino. In Romania le imprese italiane sono attive nel settore dei servizi (banche, assicurazioni, intermediazione, etc.) con il 30% del totale degli scambi, mentre le transazioni immobiliari rappresentano il 14%, e l'edilizia il 10%; infine il settore manifatturiero (abbigliamento, pelletteria e calzature, mobili, etc.) rappresenta circa il 15% delle attività delle aziende italiane in Romania. A metà del 2008 - secondo i dati pubblicati dal Registro di Commercio - sono state registrate in Romania 25.854 società italiane, con un capitale di 862 milioni di euro.
.
Nel periodo compreso tra gennaio e novembre 2008 l'ICE Bucarest ha ricevuto richieste di assistenza da parte di circa 1.000 imprese italiane interessate ad operare nel mercato romeno, ma anche 188 offerte commerciali da parte di società romene alla ricerca di partner italiani. L'ICE possiede un database di oltre 40.000 imprese italiane di vari settori di attività interessate ad operare in Romania.
.
Fonte: www.ice.gov.it (ICE BUCAREST per www.balcanionline.it)

mercoledì 26 novembre 2008

Russia: l’Italia alla fiera Mebel 2008

Giunta quest'anno alla sua 20° edizione, la fiera MEBEL, che si tiene presso l'Expocentre di Mosca dal 24 al 28 novembre 2008, rappresenta la vetrina più importante nel mercato russo per il sistema produttivo italiano dell'arredamento.
.
La Russia, infatti, si conferma sempre più come una delle principali aree di sbocco della produzione italiana del mobile, dei complementi d'arredo e degli accessori. L'ICE anche nel 2008 organizza, nell'ambito della Fiera Mebel, un padiglione ufficiale, a cui prenderanno parte le aziende più rappresentative dei comparti mobili, imbottiti, cucine, articoli di illuminazione, complementi d'arredo, tessili per la casa e subfornitura.
.
Il pubblico russo avrà modo di apprezzare la migliore produzione italiana del settore arredamento e conoscere la varietà di stili e la qualità che solo il Made in Italy può offrire. Con oltre 12.000 mq di area espositiva e oltre 300 aziende, la partecipazione collettiva organizzata dall'ICE anche quest'anno sarà la presenza nazionale più significativa di tutta la manifestazione.
.
Nell'area italiana, che occuperà lo storico padiglione 2 e il nuovo e comunicante padiglione 8, saranno esposti prodotti di alta qualità e stili diversi, dal classico al moderno, tipici del gusto e del design italiano e adattabili facilmente a qualsiasi ambiente. I visitatori avranno così modo di apprezzare l'unicità e la tipicità degli articoli esposti e la loro ampia adattabilità a contesti abitativi differenti.
.
Fonte: www.ice.gov.it (ICE)

martedì 25 novembre 2008

Croazia: grande distribuzione, la croata Konsum raddoppia i profitti

(ICE) - ROMA - La società croata Konzum, operante nel settore della grande distribuzione ed appartenente all'importante industria agro-alimentare croata Agrokor, ha registrato 222,7 milioni di kune (circa 30,93 milioni di euro) di profitti netti nei primi nove mesi dell'anno in corso, il che rappresenta un incremento del 101,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
.
Nello stesso periodo i proventi sono ammontati a 9,25 miliardi di kune (circa 1,28 miliardi di euro), ossia il 16,4% in più rispetto ai primi nove mesi del 2007. I proventi dalle vendite in Croazia sono aumentati del 15,1% attestandosi a 8,4 miliardi di kune (circa 1,16 miliardi di euro), mentre quelli realizzati sui mercati esteri hanno subito un incremento del 61,3%. La Konzum è l'attuale leader del settore con una quota del 30% del mercato locale e oltre 600 punti vendita in tutta la Croazia. La Konzum dispone anche di una catena di negozi in Bosnia ed Erzegovina.
.
Fonte: www.ice.gov.it ICE Zagabria

Udine: seminario sulle relazioni Friuli Venezia Giulia e regione russa di Perm

Oggi, 25 novembre, si svolgerà ad Udine il seminario "Kamafuture: lo sviluppo delle relazioni Perm – Friuli Venezia Giulia su vie d’acqua e le opportunità di business per le imprese"
Organizzatore: Confindustria Udine
.
Durante il seminario verranno illustrate le opportunità economiche della Regione di Perm, anche attraverso la testimonianza diretta di un imprenditore friulano che vi opera, nonché gli accordi di collaborazione alla base del progetto Kamafuture. Nell'ambito di tale progetto è stato realizzato uno studio di fattibilità sul collegamento fluvio-marittimo tra i porti del Friuli Venezia Giulia e la regione russa di Perm, con l'obiettivo di esplorare la rete di connessioni esistenti tra le due realtà al fine di individuare le migliori opportunità in termini di convenienza economica dei trasporti. Il seminario si svolgerà presso la sede di Confindustria Udine, Palazzo Torriani, con inizio alle ore 9.45.
.
Fonte: www.informest.it 

lunedì 24 novembre 2008

Il mercato nei Balcani: nuove opportunità per le PMI

Il Centro Estero Veneto e la Camera di Commercio di Treviso, in collaborazione con Unioncamere Veneto, Informest e lo Sportello Area Balcanica della Camera di Commercio e Provincia di Vicenza, nell'ambito del Programma Promozionale della Regione del Veneto, organizzano giovedi' 11 dicembre a partire dalle ore 9.00, presso la Sala Conferenze della Camera a Treviso (Piazza Borsa), il Seminario: "I Balcani Occidentali: le opportunita' per le imprese venete".
.
All’iniziativa interverranno i delegati di Camere di Commercio e Associazioni dei paesi dell’Europa Sud-orientale i quali forniranno una panoramica sull’attuale scenario socioeconomico, presententando le singole realtà economiche e le opportunità settoriali per le imprese della nostra regione. L’area balcanica risulta sempre molto interessante per la nostra regione anche a fronte dei tassi di sviluppo delle relative economie che gradatamente, ma costantemente, stanno crescendo.
.
L’obiettivo del Progetto Balkanet, all’interno del quale è inserito il seminario, è quello di rilanciare la penetrazione commerciale e industriale delle aziende venete in quest’area attraverso la creazione di una rete strutturata di contatti con le realtà estere coinvolte che forniranno supporto alle imprese interessate a collaborazioni internazionali, con servizi di assistenza e di informazione.
.
La data di scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione è fissata per il 3 dicembre 2008.Per maggiori informazioni e modulistica clicca qui
.
Fonte: www.veneto-pmi.it da materiali Apindustria.Vi.it

giovedì 13 novembre 2008

Albania: governo sigla contratti per nuovi investimenti italiani

Il Ministero dei lavori pubblici, Sokol Olldashi e l’ambasciatore italiano a Tirana, Saba D’ Elia, hanno siglato quattro contratti di investimento per progetti che saranno realizzati da imprese italiane.
.
Alla cerimonia hanno partecipato il Premier Sali Berisha e il Ministro degli esteri Franco Frattini, in visita ufficiale nel Paese. Nell’ambito del primo accordo da 150 mln EUR le società italiane costruiranno un parco industriale a Koplik, nel nord del Paese. Il secondo progetto riguarda la ricostruzione di una centrale elettrica a Tirana collegata alla linea di trasmissione energetica da 400KV Elbasan-Podgorica. Inoltre, il governo italiano e quello locale hanno approvato la prima parte da 5 mln EUR per un totale di 25 mln EUR contrattati per finanziare le attività delle piccole e medie imprese.
.
I funzionari governativi, inoltre, hanno siglato un contratto riguardante la costruzione di una stazione di diramazione energetica a Lezha, nel nord dell’Albania. Infine, entrambe le parti hanno approvato il riconoscimento delle patenti albanesi in Italia.
.
Fonte: www.informest.it

martedì 11 novembre 2008

Kirghizstan: dimezzate le tasse dal 1 gennaio 2009

Il Presidente Kurmanbek Bakiyev ha siglato il Codice fiscale del Kirghizistan approvato dal parlamento, che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2009.
.
La nuova versione del Codice contiene alcuni nuovi principi per lo sviluppo del sistema fiscale. In particolare, il nuovo Codice fornisce le condizioni per stimolare la crescita degli affari e migliorare il clima degli investimenti nel Paese, migliora l’amministrazione fiscale, elimina le inconsistenze nella legislazione sulle imposte, espande la base fiscale aumentando il numero dei contribuenti onesti e tagliando le concessioni/crediti. Inoltre, il numero di tasse sarà dimezzato da 16 a 8 e sarà semplificato il metodo per calcolarle. 
.
Il Codice descrive in dettaglio i principi di imposizione, il sistema e i tipo di imposte, i diritti e i doveri dei contribuenti e delle autorità fiscali. Il nuovo Codice Fiscale semplifica la procedura per la presentazione delle dichiarazioni fiscali e il pagamento delle imposte, riducendo di di tre volte il numero di documenti. 
.
La percentuale dell’IVA sarà ridotta dal 20% al 12%, la tassa individuale passerà dal 10% al 6% per piccole imprese che operano nell’ambito di uno specifico sistema fiscale. Tre tasse, quella per la manutenzione stradale, quella per la prevenzione delle emergenze e i risarcimenti ed infine, quelle per i servizi a pagamento per i residenti e quelle per la vendita al dettaglio, saranno sostituite da un’unica tassa. Inoltre, alcuni meccanismi sono stati rimossi per imporre una tassa sugli immobili e concedere l’esenzione ai gruppi sociali più deboli. 
.
Per incoraggiare gli investimenti, i dividendi ricevuti dagli investimenti nelle società domestiche saranno esentati dalle tasse sul reddito e le imposte saranno ridotte dal 30% al 10% sui redditi dei non residenti dai servizi forniti alle organizzazioni locali. I singoli contribuenti potranno chiedere crediti fiscali per le spese per l’istruzione e i contributi ai fondi delle scuole private. Le imprese e i lavoratori autonomi potranno richiedere agevolazioni fiscali per le spese di formazione del personale.
.
Fonte: www.informest.it 

lunedì 10 novembre 2008

Ucraina: imprese venete alla fiera dell'arredo di Kiev

Il Centro Estero organizza la partecipazione di una collettiva veneta alla Kiev Expo Furniture, dal 12 al 16 marzo 2009, per il settore legno-arredo. Il progetto e' parte del Programma Promozionale della Regione Veneto il cui contributo finanziario permettera' di abbattere le quote di partecipazione per singola azienda.
.
Con un incremento delle importazioni di mobili dall’Italia di oltre il 42% dal 2006 al 2007, il mercato ucraino si conferma come uno dei più interessanti mercati di sbocco per le imprese italiane del comparto arredamento. In particolare il settore del mobile attualmente caratterizzato da un forte dinamismo grazie alla circolazione veloce del capitale e ad una costante crescita che ha raggiunto un tasso annuale che si assesta intorno al 25%.
.
La Expo Furniture è la principale manifestazione fieristica per l’arredamento che si svolge in Ucraina; giunta alla 22° edizione, si presenta nella sua edizione di marzo come la più interessante tra le due sessioni annuali.

I destinatari e partecipanti al progetto sono le imprese del settore legno-arredo e sistema casa, specializzate nei settori:
.
- arredamento (classico e moderno);
- arredamento contract (hotel, resorts, spazi pubblici);
- complementi d’arredo; - tessuti per l’arredamento; - illuminazione; - componenti.
.
La scadenza per le adesioni è fissata per venerdì 14 novembre. Per ulterirori informazioni riguardo i costi di partecipazione e la modulistica clicca qui.
.
Fonte: www.veneto-pmi.it

Bulgaria: immobili, crescita del 3% nel terzo trimestre

(ICE) - La crescita media del settore immobiliare nel terzo trimestre del 2008 è pari al 3%, registrando così un lieve calo rispetto al secondo trimestre dell'anno, quando la crescita era del 5,9%.
.
Su base annuale l'aumento del prezzo degli immobili è del 26,7%. Il maggior rincaro degli immobili è stato registrato a Plovdiv, dove i prezzi sono saliti dell'11% nel terzo trimestre dell'anno e nella città di Smolyan (+10,4%), mentre a Sofia, il prezzo è salito del 6,8%.
.
In nove città in Bulgaria: Blagoevgrad, Varna, Vidin, Gabrovo, Kustendil, Pernik, Russe, Stara Zagora e Shumen è stato registrato un calo nel costo degli immobili fino al 7,7%. Il prezzo medio a metro quadro nei centri regionali è di circa 1.418 leva, pari a 725 euro, mentre a Sofia il prezzo medio è di 2.470 leva al metro quadro, ossia 1.260 euro circa.
.
Fonte: www.ice.gov.it

venerdì 7 novembre 2008

"Piacere Molise" arriva anche in Serbia

Il 30 settembre è stata inaugurata a Novi Sad (Serbia) la sede di “Piacere Molise d.o.o.”, nuovo soggetto giuridico di diritto serbo, costituito da Unioncamere Molise, Patto Territoriale per l’Occupazione del Matese, Parco Scientifico e Tecnologico MoliseInnovazione. L’iniziativa è stata realizzata grazie anche al cofinanziamento della Regione Molise attraverso i fondi POR Molise 2000-2006.
.
Negli ultimi anni la Serbia, e in particolare la Provincia autonoma della Vojvodina, sono stati un riferimento importante per il sistema produttivo molisano. Nello specifico, in tale area si sono sviluppati una serie di progetti creando così una fitta rete di rapporti sia istituzionali, con il coinvolgimento della Regione Molise e del Comune di Campobasso, sia imprenditoriali al fine di promuovere iniziative di collaborazione, soprattutto, in campo economico.
.
“Piacere Molise d.o.o.” costituisce un punto di rappresentanza per le imprese molisane e degli altri territori interessate al mercato serbo e ai paesi dell’est europeo, mettendo a disposizione personale qualificato in grado di supportare gli imprenditori nell’individuazione di opportunità di business e rapporti di collaborazione con partner locali, importatori, distributori, autorità politiche e amministrative locali.
.
Per realizzare questi obiettivi “Piacere Molise d.o.o.” svolgerà una serie di attività di assistenza, consulenza e servizi vari necessari per facilitare il contatto di imprenditori italiani con la realtà imprenditoriale e amministrativa serba.
.
In particolare “Piacere Molise d.o.o.” opererà nella ricerca di partner serbi, nell’individuazione di agevolazioni finanziarie, nell’elaborazione di piani di sviluppo di impresa, nell’organizzazione di scambi culturali, nello sviluppo di relazioni commerciali e joint venture, nella formazione di figure professionali da utilizzare nell’ambito delle iniziative imprenditoriali da realizzare in quei territori, nell’organizzazione di missioni commerciali, nella gestione di show room di imprese italiane e punti vendita di prodotti italiani, nell’organizzare la partecipazione a fiere.
.
Con “Piacere Molise d.o.o.” si intende offrire, agli imprenditori, un modello innovativo di assistenza, consulenza e rappresentanza che consenta di sviluppare i processi di internazionalizzazione in una regione d’Europa che presenta crescenti margini di interesse e di sviluppo imprenditoriale.
.
Fonte: www.globus.cameradicommercio.it

mercoledì 5 novembre 2008

Incontri d'affari tra imprese italiane e slovene

Eurosportello – Unioncamere del Veneto promuove per il 18 novembre 2008 incontri d’affari b2b tra imprese italiane e slovene impegnate nei settori legno ed edilizia. L'iniziativa si svolgerà a Sežana, Slovenia presso la Camera regionale dell’imprenditoria e dell’artigianato, Kraška ulica 6.
.
Le spese di organizzazione dell'incontro verranno coperte dagli organizzatori, mentre i costi individuali (spese di viaggio, eventuali traduzioni negli incontri “one to one” e simili) verranno coperti dai singoli partecipanti.
.
Le aziende interessate possono aderire all’iniziativa compilando la scheda di registrazione (settore edilizia e settore legno) entro l'11 novembre 2008.
.
Per informazioni:
Geyleen Gonzalez - Francesco Voltan
Tel. 041 0999411
Fax 041 0999401
e-mail: europa@eurosportelloveneto.it
.
Fonte: www.globus.cameradicommercio.it

martedì 4 novembre 2008

Mosca: scendono i prezzi degli immobili

Alla luce della crisi finanziaria internazionale, scende il prezzo degli immobili a Mosca. Solo nell'ultima settimana, il prezzo medio di un metro quadro residenziale nella capitale russa, ha visto ridursi di oltre l'1 p.c. il proprio valore, approssimandosi alla soglia psicologica dei 6.000 USD/mq.
.
Il raffreddamento del mercato segue, comunque, trends disomogenei. La flessione risulta particolarmente forte per gli immobili del medio e basso segmento, mentre arretrano di meno il mattone nuovo di qualità e i prestigiosi palazzi dell'epoca staliniana. Non sembrano risentire affatto della crisi gli immobili di nuova costruzione al top della gamma (cosiddetti "d'elite"), che segnano una crescita anche nel mese di ottobre.
.
A detta degli analisti, l'immobile continua a rimanere il bene rifugio migliore per i russi, garnatendo rendimenti 2,9 volte superiori rispetto ai mercati finanziari.
.
Redazionale, da materiali http://www.rosbalt.ru/

lunedì 3 novembre 2008

Azerbaijan: prevista crescita PIL del 25% entro il 2013

Il governo dell’Azerbaijan prevede che il PIL nel 2012 raggiungerà i 51,266 mld manat (0,8115 manat/1$ al 23 ottobre 2008), registrando un incremento del 24,7% rispetto al 2008, che dovrebbe concludersi con il PIL a livello 341,114 mld manat.
.
Secondo le previsioni, il Prodotto interno lordo dell’Azerbaijan toccherà quota 43,636 mld manat nel 2009, a fronte dei 44,848 mld manat nel 2010 e dei 48,639 mln manat nel 2011. La quota del settore non petrolifero nel PIL del Paese per il 2012 è prevista a 29,25 mld manat, salendo del 97,8% dai 14,787 mld manat previsti per l’anno in corso. Il settore petrolifero inciderà per 22,017 mld manat del PIL del Paese nel 2012, a fronte dei 26,328 mld manat prevista per l’anno corrente, con un calo del 16,4%. Come risultato, la quota del settore petrolifero nel PIL del Paese scenderà dal 64% nel 2008 al 42,9% entro il 2013. La percentuale coperta dal settore privato passerà all’85% nel 2012, dall’86% del 2008.
.

Russia: il più grande rivenditore delle auto dell'europa orientale usate apre un centro a Mosca

ROMA, 31 OTT - AAA Auto Group aprirà a Mosca nell'aprile 2009 un centro di vendita di auto usate. L'investimento è incentivato dal fatto che a partire dal prossimo 1° gennaio si prevede che la vendita di autovetture usate in Russia non sarà più sottoposta al doppio pagamento dell'IVA.
.
Inoltre, a seguito del rincaro dei crediti per l'acquisto auto, la domanda dovrebbe spostarsi nel segmento delle vetture più economiche e di quelle usate. L' AAA Auto Group, fondato nel 1992, appartiene alla società olandese AAA Auto Group N.V. e opera già in Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Romania e nei Paesi Bassi tramite 42 centri di vendita.
.
Nel primo semestre 2008 i suoi centri hanno venduto 18.789 auto per un valore di 115,3 milioni di euro. Secondo le stime della PriceWaterhouseCoopers, nei prossimi dieci anni le vendite di automobili usate in Russia raggiungeranno i livelli della Gran Bretagna, dove per ogni 10 auto nuove se ne vendono 14 usate. Entro la fine del 2009 l'AAA Auto Group intende aprire in Russia altri due centri, che si prevede venderanno mille auto usate l'anno, acquistate prevalentemente nella stessa Russia.
.
Fonte: http://www.ice.gov.it/ (ICE MOSCA)

Russia: esportazioni per il settore lapideo piemontese

La Camera di commercio del Verbano Cusio Ossola, in collaborazione con Associazioni di categoria, Provincia e Comune di Verbania, ha recentemente presentato alla Regione Piemonte un progetto per l'internazionalizzazione del settore lapideo verso la Russia.
.
L'obiettivo generale del progetto è quello di promuovere la crescita ed il consolidamento dei rapporti economici con la Russia delle imprese del settore lapideo del Verbano Cusio Ossola. Il progetto, che è sostenuto dalla Regione Piemonte, prevede la realizzazione delle seguenti attività:
.
- Organizzazione ad una importante fiera di settore in Russia
- Organizzazione di roadshow
- Realizzazione di materiale comunicazionale
- Attività formativa seminariale di aggiornamento alle imprese locali a supporto dell'ingresso sul mercato russo.
.
Realizzazione di un percorso di crescita qualitativa delle produzioni locali attraverso l'adozione di un marchio di qualità. Per ulteriori informazioni clicca qui.
.