lunedì 30 marzo 2009

Russia: 400 imprenditori italiani guidati da Berlusconi

Mosca Una delegazione imprenditoriale italiana guidata dal premier Silvio Berlusconi parteciperà, il prossimo 7 aprile, al Forum economico italo-russo. L’evento, finalizzato al rafforzamento dei legami commerciali tra la Russia e l’Italia , si inserisce nella missione di oltre 400 imprese nazionali operative in ogni settore economico.

Oltre al Presidente del Consiglio, prenderanno parte alle delegazione l’On. Claudio Scajola, Ministro dello sviluppo economico, il Dott. Umberto Vattani, Presidente dell’Istituto Nazionale per il Commercio Estero, Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria, il Dott. Corrado Fassola, Presidente dell’Associazione Bancaria Italiana. Dalla parte russa, è prevista la partecipazione dei responsabili dei dicasteri economici , produttivi e finanziari.

Al termine del Forum, le imprese partecipanti proseguiranno con incontri B2B con controparti russe a Mosca, San Pietroburgo, Ekaterinburg, Krasnodar e Novosibirsk.

L’organizzazione dell’evento testimonia la grande rilevanza dei rapporti commerciali bilaterali tra la Russia e l’Italia. L’interscambio tra i due paesi ha dimostrato una crescita a due cifre nel corso degli ultimi anni, e l’Italia è divenuta il quarto partner commerciale di Mosca.. Mentre i passivi della bilancia commerciale nazionale con la Russia sono concentrate nelle voci delle materie prime e vettori energetici, le nostre esportazioni sono molto eterogenei, comprendendo la produzione meccanica, chimica, elettronica, tessile e, naturalmente, i comparti agroalimentare, del mobile e del turismo.

La crisi economica internazionale ha avuto ripercussioni severe sull’economia russa. In particolare, le importazioni si sono quasi dimezzate negli ultimi mesi, sia per la diminuita capacità di spesa del consumatore russo, sia per la forte svalutazione del rublo nei confronti dell’euro e del dollaro.

In tale contesto, una decisa azione di promozione del “Made in Italy” appare quindi di particolare rilevanza per consolidare l’interscambio tra i due paesi e la presenza delle aziende italiane sul mercato russo.
.
RussiaExport

Nessun commento: