martedì 7 aprile 2009

Fondo per l'internazionalizzazione delle Pmi lombarde

Da giovedi' 2 aprile, le Pmi lombarde che puntano allo sviluppo internazionale, con programmi di investimento all'estero, possono beneficiare di un contributo regionale fino a 200mila euro (60% da rimborsare, 40% a fondo perduto). E' quanto prevede il Fondo di Rotazione per l'Internazionalizzazione (Fri) da 8 milioni di euro, attivato da Regione Lombardia e gestito da Finlombarda.
.
Il Fondo è destinato alle piccole e medie imprese del settore manifatturiero, costituite in forma di società di capitali, con sede operativa in Lombardia da almeno 2 anni. Possono essere finanziati investimenti per la realizzazione all´estero di nuove strutture permanenti quali insediamenti produttivi, centri di assistenza tecnica e strutture logistiche di transito e di distribuzione di prodotti.

Il finanziamento copre fino al 40% dell´investimento presentato. Il 60% della somma erogata è a rimborso (finanziamento a tasso agevolato pari allo 0,25% semestrale) e avrà una durata massima di 7 anni, mentre il rimanente 40% è a fondo perduto (contributo in conto capitale) e verrà erogato al termine del programma di investimento e ad avvenuta verifica del rendiconto finale di tutte le spese regolarmente sostenute e quietanzate. I programmi di investimento devono essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di partecipazione e devono concludersi entro 18 mesi dalla data di concessione dell´intervento finanziario.
.
Fonte: www.lombardia-pmi.it, da materiali MarketPress.info

Nessun commento: