lunedì 25 maggio 2009

Russia: crolla l'import delle auto usate

Nei primi quattro mesi del 2009, le importazioni delle automobili usate in Russia sono diminuite di 24 volte, rispetto all'analogo periodo del 2008. Tale dinamica riflette l'effetto dei nuovi dazi doganali sulle vetture importate, introdotte dal governo di Mosca a partire da gennaio.

Le nuove tariffe doganali, finalizzate a proteggere e stimolare la produzione interna, in una fase molto difficile per il mercato dell'auto russo, hanno interessato, in primo luogo, il segmento dell'usato, con le importazioni totali sotto la soglia di 5 mila unità, rispetto alle oltre 120 mila nell'analogo periodo del 2008. Meno drastic la contrazione dell'import del nuovo, diminuito "solo" di 4 volte.

Le statistiche dimostrano l'efficacia delle normative adottate dal Cremlino per difendere gli impianti produttvi nazionali, molti dei quali sono proprietà dei giganti dell'automotive internazionali, come Toyota, VW, Reanult. Tuttavia, l'assenza di misure volte a stimolare la domanda, come sgravi e contributi operativi in numerosi paesi europei, continua a frenare le dinamiche di vendita, in quello che l'anno scorso è divenuto il primo mercato automobilisitico europeo.

Russia Export, da materiali www.rian.ru

Nessun commento: