martedì 30 giugno 2009

Russia: ultime ore per il gioco d'azzardo

Dal primo luglio entra in vigore la normativa che introduce forti limitazioni al gioco d’azzardo sul territorio della Federazione Russa.

Secondo le disposizioni della legge federale 244 del 1 gennaio 2007, le sale da gioco e i casinò potranno continuare la propria attività solo in un circoscritto numero di zone speciali, localizzate nella regione di Vladivostok, di Kaliningrad, e dell’Altaj, nonché in un’area posta al confine delle regioni di Krasnodar e Rostov, nel meridione della Russia. Al di fuori di tali zone dedicate, potranno continuare la propria attività solo le sale di scommesse sportive e i poker club. Nessuna limitazione è prevista per le lotterie e concorsi a premi, esclusi dalla normativa russa sul gioco d’azzardo.

La nuova normativa è stata a lungo osteggiata dai gestori delle sale giochi e casino, che paventano un perdita di 350.000 posti di lavoro a seguito della chiusura, o riqualificazione dei propri esercizi. Il gioco d’azzardo ha conosciuto uno sviluppo fenomenale in Russia, dall’apertura del primo casinò di Mosca, nel 1989, alla diffusione di oltre 35.000 sale da gioco nel 2000.

Russia Export, da materiali www.newsru.com

Nessun commento: