venerdì 29 gennaio 2010

Buyer russi e ucraini in Piemonte

Piemonte InContract organizza per le aziende iscritte al progetto un evento di due giorni, dal 16 al 18 febbraio 2010, con buyer russi e ucraini che si articolerà in:

- presentazione dei buyer e relativi interessi (16 febbraio)
- incontri b2b con buyer stranieri tra gli operatori internazionali e le aziende Piemonte InContract da loro selezionate; visite aziendali di approfondimento su richiesta dei buyer (16-18 febbraio).

Informazioni sugli operatori sono contenute nella scheda tecnica. Le aziende prescelte riceveranno l’agenda degli incontri individuali e/o delle visite aziendali entro l’8 febbraio. I partecipanti si impegnano a compilare il modulo di Customer Satisfaction fornito al termine dell’iniziativa. La partecipazione è gratuita, previa iscrizione nella pagina dedicata di Promopoint entro il 22 gennaio 2010. Gli incontri si svolgeranno in località diverse del Piemonte. Dettagli sull’organizzazione operativa verranno forniti unitamente all’agenda degli incontri.

Per informazioni:

Piemonte Incontract
Tel.: +39 011 6700511
Fax: +39 011 6965456
E-mail: incontract@centroestero.org
(19/01/2010)

Russia Export, da materiali Globus CamCom - Promopoint Piemonte.

Bulgaria - previsto un incremento del 10-15% degli IDE quest’anno

Il capo dell’agenzia statale per gli investimenti Stoyan Stalev prevede che gli investimenti esteri diretti cresceranno del 10-15% quest’anno dai 3 mld EUR registrati lo scorso anno.

Gli IDE sono stati 6,8 mld EUR nel 2008. Stalev ha spiegato che lo scorso anno circa 1,2 mld EUR del totale sono stati investimenti finanziari, incluso capitale azionario e 500 mln EUR sono stati destinati all’immobiliare, costruzioni, turismo, commercio e aree uffici. La quota del manifatturiero ha raggiunto il 25%.

Secondo gli ultimi dati della Banca Centrale l’afflusso di IDE ha raggiunto i 2,63 mld EUR 2.63 da gennaio a novembre, incidendo per il 7,8% del PIL previsto sull’intero anno a fronte del 17,7% del PIL di un anno prima. L’afflusso di IDE netti è sceso del 54,7% a/a a 2,52 mld EUR da gennaio a novembre. Gli IDE hanno coperto il deficit delle partite correnti al 98,7% da gennaio a novembre rispetto a 98,4% da gennaio a ottobre, migliorando del 72,5% rispetto all’anno precedente.

Russia Export, da materiali Informest.

giovedì 28 gennaio 2010

Mosca - apre la Burger King

Burger King, catena statunitense di fast food, ha aperto il suo primo ristorante nella capitale russa Mosca, al fine di poter competere al meglio con il proprio rivale principale, McDonald's. A riportarlo è stata l'agenzia informativa russa RIA Novosti.

Il ristorante è stato inaugurato nel centro commerciale Metropolis, nella zona settentrionale di Mosca.

Secondo quanto preannunciato dal quotidiano economico Vedomosti, presto apriranno nella stessa città altri punti vendita Burger King, mentre in un secondo momento dovrebbero essere inaugurati altri outlet in diverse città della nazione.

Russia Export, da materiali Portalino - Pianeta Russia, by Roberto Rais

Russia - stime di forte crescita per l'economia

Nel prossimo decennio l'economia russa potrebbe crescere del 60% - questa è la stima pubblicata dagli analisti dell'istituto bancario Credit Suisse.

Per il 2010 la crescita prevista è pari al 3,6%, ma già a partire dal 2013 essa dovrebbe superare i cinque punti percentuali.

I punti di forza dell'economia russa sono annoverati la vicinanza strategica alla Cina, l'innovazione del sistema produttivo stimolata dalle misure del governo di Mosca, la minore dipendenza dal settore energetico, un'inversione della dinamica demografica, tornata positiva dopo oltre un decennio di contrazione.

Se il trend di crescita dovesse confermarsi, già entro il 2020 l'economia russa supererà quella tedesca, divenendo la più grande a livello europeo.

Russia Export, da materiali BBC.

Russia - dal governo sostegno al settore agricolo

Il governo di Mosca ha annunciato un importante programma di aiuti per il settore agricolo nel 2010.

Il programma è destinato in particolar modo a sostenere la crescita della piccola imprenditoria nel settore primario, attraverso finanziamenti agevolati e crediti garantiti. La Russia punta molto sullo sviluppo del settore agricolo, che rimane ancora poco implementato rispetto alle enormi potenzialità che possiede.

Tra i maggiori successi degli ultimi anni vanno rilevati l'aumento delle esportazioni di cereali, avvenuto per la prima volta dal crollo dell'URSS, e la progressiva contrazione delle importazioni di pollame e carne, resa possibile dall'aumento della produzione interna.

Russia Export, da materiali Ria Novosti.

mercoledì 27 gennaio 2010

Made in Italy il nuovo treno veloce russo

Le ferrovie russe sono pronte ad avviare i test del nuovo treno veloce che collegherà San Pietroburgo, la seconda città della Russia dopo Mosca, a Helsinki, capitale della Finlandia.

I 4 convogli che circoleranno sulla nuova linea espressa "San Pietroburgo - Helsinki" sono stati costruiti dal gruppo Alstom nei stabilimenti di Savigliano e sono in regola per affrontare le difficili caratteristiche della linea e le estreme condizioni climatiche in cui si sviluppa il percorso.

I nuovi treni italiani consentiranno di ridurre il tempo di percorrenza tra le due città da 5 ore e mezza a 3 ore e mezza. La linee, che sarà pienamente operativa già nel 2010 è la seconda tratta ferroviaria ad alta velocità realizzata in Russia, dopo l'inaugurazione del collegamento "Sapsan" tra Mosca e San Pietroburgo nel dicembre 2009.

Russia - il vino diventa la bevanda alcoolica preferita

Secondo un sondaggio condotto nel gennaio 2010, il vino ha, per la prima volta, superato la birra come la bevanda alcolica preferita dai consumatori russi. Lo rende noto l'agenzia Interfax.

L'indagine è stata condotta in 44 città russe, su un campione di 2.000 persone. Il 33% degli intervistati ha indicato il vino come propria prima scelta, seguita dalla vodka (32%) e dalla birra (29%).

Un trend importante, che indica il cambiamento delle preferenze di consumo dei russi, sempre più orientati verso un bere di qualità. Il vino cessa di essere percepito esclusivamente come la bevanda delle "grandi occasioni", entrando nel menu quotidiano di un numero crescente delle famiglie.

E una buona notizia per tutti i produttori di vino italiani interessati ad entrare in Russia che, grazie alla propria popolazione di 140 milioni e alla ripresa dei consumi, costituisce uno dei mercati più importanti a livello mondiale per le esportazioni di vino nazionale.

RussiaAziende mette a disposizione degli operatori italiani interessati ad espandersi nel mercato russo strumenti commerciali completi per proporre le proprie etichette ai distributori ed importatori russi:

- Fiere del vino in Russia - informazioni sui maggiori eventi fieristici di settore a Mosca e nelle regioni

Per qualsiasi informazione in merito scrivere a servizi@russiaaziende.com.

RussiaExport, da materiali Interfax.

martedì 26 gennaio 2010

"Serbia: un passo verso l'integrazione europea" - seminario dell'ICE

L'ICE, l’Ambasciata d’Italia e l’Unità Tecnica di Belgrado della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo - Ministero degli Affari Esteri -, nel quadro promozionale a sostegno dell’accesso delle PMI italiane agli strumenti di finanziamento comunitario, organizzano il Seminario "Serbia: un passo verso l'integrazione europea" che si terrà a Belgrado il 25 e 26 Febbraio 2010.

L’evento è rivolto a Istituzioni, società, università, enti pubblici, ONG italiane e locali, e costituisce un appuntamento importante, per chi è interessato ad operare in questo paese, per conoscere le opportunità offerte dal programma IPA e per incrementare le forme di collaborazione economico-industriale fra le imprese italiane e serbe. Per ulteriori dettagli consulta la circolare informativa.
Le adesioni vanno presentate entro il 12/02/2010.

RussiaExport, da materiali Informest.

Gost-R: nuove regolamentazioni tecniche nella normativa russa

Le nuove regolamentazioni tecniche per la certificazione Gost dovrebbero essere adottate in Russia intorno alla metà del 2010 ha dichiarato il consigliere del presidente Arkady Dvorkovich in una riunione con i giornalisti di Sabato scorso.

"Fino alla metà di questo anno, quando cioè entreranno in vigore tutte le norme della nuova Unione doganale, l'intero quadro normativo per la regolamentazione tecnica Gost dovrebbe essere pronta" ha dichiarato il portavoce del presidente, riferendosi alle istruzioni che lo stesso presidente ha impartito durante la riunione della commissione per la modernizzazione dell'economia della Russia del 20 gennaio .

Attualmente, ha dichiarato il portavoce del presidente, la Russia dovrebbe recepire circa 50 nuovi regolamenti tecnici. Alcuni di loro saranno presi dalle norme vigenti del Kazakistan e l'UE. Altre regole saranno sviluppati in maniera indipendente. Dvorkovich ha aggiunto che per l'attuazione delle nuove norme tecniche della certificazione Gost verrà dato un periodo di tempo durante il quale i produttori dovranno verificare la conformità del prodotto con queste norme per un periodo variabile da sei mesi a due anni, a seconda della complessità delle modifiche alle attrezzature ed alla tecnica. L' assistente ha inoltre ricordato che i recenti cambiamenti nella legislazione hanno enormemente facilitato l'adozione di nuove regole tecniche, in quanto adesso tutte le decisioni tecniche possono essere prese a livello governativo o dalla relativa autorità competente del governo. In questo modo, come Dvorkovich ha dichiarato anche con un poco di ironia, "La Duma di Stato è stata liberata dalla necessità di adottare regolamenti tecnici sugli spazzolini.

Un'altra importante decisione è stata la possibilità del riconoscimento di standard di altri paesi, come il Kazakistan, in quanto partecipante della nuova unione doganale, o di paesi dell'Unione Europea. " Il Kazakistan è stato preso come riferimento per un motivo molto semplice. Il governo Kazako harecepito le norme europee e le ha tradotte in russo e kazako. Pertanto, noi non dovremo fare neanche la traduzione di queste norme. Questo tra parentesi è un atto atto giuridico dovuto nei confronti del Kazakistan che è nostro partner dell'Unione doganale. A mio parere, continua il portavoce, il rispetto di tutte queste nuove normative tecniche gost daranno un importante impulso e rilanceranno la nostra economia e la crescita dell'innovazione. Dvorkovich ha spiegato che le norme tecniche disciplinaneranno le esigenze più generali e saranno sostenute da migliaia di norme che non saranno più vincolanti, e quindi possono essere sviluppate dai singoli produttori. I requisiti di sicurezza di tali norme potranno essere confermata da prove. Questo modello, secondo assistente del presidente, consente ai produttori una rapida innovazione. Dvorkovich ha ricordato che durante l' epoca sovietica esisteva un sistema molto rigido di norme statali, che in quel determinato momento e per quel determinato scopo poteva essere giustificato ma adesso tutto è cambiato. "L'obiettivo era quello di realizzare prodotti standard con i requisiti minimi di qualità e sicurezza per tutte le persone che abitano in questo vasto territorio, senza pretesa di dire che questo è il migliore mondo.

"Le nuove Regole tecniche dovrebbe stimolare e provocare l'economia al fine di garantire una produzione in grado di competere con il resto del mondo. Paradossalmente, nel nostro sistema attuale,quando qualche imprenditore cerca di produrre qualcosa di megliore, meglio, incontra i divieti delle normative Gost di standardizzazione "- ha dichiarato. E a tal proposito per fare un esempio Dvorkovich ha evidenziato l' attuale divieto di installazione di qualsiasi altra luce, ad eccezione delle lampade ad incandescenza normali, nelle scuole. Parlando della situazione dell'importazione di carne di pollo dagli Stati Uniti, Dvorkovich ha osservato che la sicurezza del trattamento a base di cloro è altamente discutibile da un punto di vista scientifico.

Dott. Sergio Russo
Consulente Unindustria,Confindustria
Consulente Camera Di Commercio Italo Russa
Settore Dogane e Certificazioni Gost

http://www.gost-standard.com
http://www.doganarussa.com

lunedì 25 gennaio 2010

Bielorussia - UE: nuovo round di negoziati

Una delegazione della Commissione europea è giunta a Minsk per due giorni di negoziati tra l'UE e la Bielorussia.

L'agenda degli incontri si incentrerà sulla collaborazione economica tra l'Europa a 25 e Minsk. La Bielorussia, sino a poco fa ritenuta ultimo baluardo dell'eredità sovietica nello spazio CSI, da alcuni anni ha avviato una politica di avvicinamento all'UE, anche per diversificare i legami economici con la Russia.

L'Italia si conferma come uno dei paesi più interessati al mercato bielorusso, che offre opportunità interessanti sia per le esportazioni del "Made in Italy", sia come una destinazione per la delocalizzazione produttiva.

Oggi, a seguito dell'entrata in vigore del trattato sull'Unione doganale tra Russia, Bielorussia e Kazakistan, Minsk si presenta come una location strategica per l'accesso ai più ricchi mercati dell'area CSI.

Russia Export.

Severstal vende la controllata italiana

Il gruppo russo Severstal, uno dei maggiori produttori mondiali di acciaio, ha annunciato di voler cedere la propria quota nella controllata italiana Lucchini.

La società russa detiene al momento l'80% del pacchetto azionario Lucchini, e non è stato ancora deciso se la cessione sarà completa o parziale. Alla base della scelta - il crollo della redditività nell'esercizio 2009.

Russia Export, da materiali Yandex.

venerdì 22 gennaio 2010

Russia - investimenti nel settore alberghiero

Un estensivo programma di investimento nel settore alberghiero è stato annunciato per le regioni russe di Samara, Kaliningrad, Yaroslavl e Krasnojarsk.

Il progetto ha un valore complessivo di quasi 100 milioni di euro, di cui 30 finanziati dalla Banca Mondiali, ed è finalizzato alla realizzazione di alcune strutture di livello medio. L'iter per l'ottenimento di tutti i permessi sarà completato entro il primo trimestre del 2010. Le strutture alberghiere edificate verranno amministrate dal gruppo internazionale Accor.

In Russia, sia a Mosca e San Pietroburgo, che nelle altre grandi città e centri economici, rimane fortemente sottodimensionata l'offerta alberghiera nel settore business ed economy. Il problema è particolarmente sentito durante le grandi manifestazioni fieristiche che portano in Russia migliaia di espositori, manager e visitatori ogni anno.

Un'alternativa sempre più interessante è costituita dalla rete di appartamenti business, affittati per corti e cortissimi periodi a Mosca e nelle principali città russe: la comodità e la vivibilità di una casa, i servizi al top, internet veloce 24/h - il tutto a costi spesso inferiori rispetto a una notte in alberghi3/4 stelle business.

giovedì 21 gennaio 2010

Miliardario russo compra villa in Liguria

Il miliardario russo Vladimir Potanin, settimo uomo più ricco della Russia secondo le rilevazioni del 2009, ha acquisito un prestigioso immobile in Liguria.

La residenza, una villa di proprietà del comune di Imperia, è stata battuta ad un'asta chiusa, con il prezzo iniziale di 2,3 milioni di euro. L'offerta dell'imprenditore russo, pari quasi al doppio del valore d'asta (4,5 milioni), è rimasta insuperata.

Tale ritorno "in grande stile" degli acquirenti russi sul mercato immobiliare italiano costituisce un importante indicatore della ripresa della domanda nel segmento più alto del real estate, confermando l'Italia come una delle destinazioni predilette dagli investitori russi.

Per i proprietari italiani interessati a proporre i propri immobili ai compratori russi, RussiaAziende propone un database delle principali agenzie immobiliari russe che operano con proprietà di prestigio in Italia e nel mondo, direttamente sul mercato russo. Per ulteriori informazioni contattare servizi@russiaaziende.com.

mercoledì 20 gennaio 2010

Russia - investire a Kaliningrad

Il Ministero dell’economia di Kaliningrad presenta le opportunità di investimento nella regione russa attraverso il nuovo sito http://www.investinkaliningrad.ru/en/.

L’economia di Kalinigrad, enclave russa sul Mar Baltico, beneficia della vicinanza con i Paesi dell’Unione Europea e dell’accesso diretto al mercato della Federazione Russa. Dotata di un sistema di trasporti sviluppato, Kaliningrad gode di un clima mite e di particolari risorse naturali.

Il governo locale sostiene gli investitori stranieri, favoriti dall’istituzione di una Zona Economica Speciale, di una Zona Speciale per il turismo e di una Zona Speciale per il gioco d’azzardo.

Grazie ad un database di facile consultazione è possibile ricercare opportunità d’affari a Kaliningrad e segnalare le proprie offerte di business. Una Guida per gli investitori ed i riferimenti delle organizzazioni che supportano il business offrono utili strumenti per orientare gli investitori interessati ad operare a Kaliningrad.

Vengono fornite informazioni dettagliate su tutte le 22 municipalità in cui è suddivisa la Regione, oltre ai riferimenti delle autorità regionali e delle rappresentanze straniere presenti.

Russia Export, da materiali Informest.

Ucraina - cresce la produzione industriale

Nel dicembre 2009 la produzione industriale in Ucraina è cresciuta del 7,4% rispetto all'analogo periodo del 2008. Il secondo mese consecutivo di crescita (+8,6% a novembre) conferma la progressiva uscita dalla crisi dell'economia ucraina.

Il grande mercato ucraino, secondo solo alla Russia nello spazio post-sovietico, è stato colpito in modo particolarmente grave dalla crisi del 2009, subendo una contrazione pari al 30% del PIL.

Russia Export, da materiali Rynok.


CamCom Caserta - destinazione Russia

La Camera di Commercio di Caserta ha presentato un piano di azione destinato a promuovere le PMI casertane sul mercato russo.

Nell'ambito della collaborazione con la Università MESI di Mosca è stato svolto uno studio comune sulle prospettive dell'internazionalizzazione delle eccellenze casertane verso la Russia. Uno strumento operativo destinato alle PMI e realtà produttive interessate a quella che è ormai diventata una delle destinazioni più importanti per l'export italiano.

martedì 19 gennaio 2010

Russia - le banche riaprono il credito

L'Associazione degli istituti bancari della Russia ha annunciato la ripresa del credito per il 2010. Nel corso della crisi economica, il fragile sistema bancario russo ha saputo superare meglio del previsto la riduzione della solvibilità dei clienti, anche grazie ai cospicui aiuti statali di Mosca.

Oggi, pur non essendo del tutto rientrato il pericolo dei "cattivi debitori", gli istituti di credito dispongono di maggiore liquidità e quindi di condizioni di accesso più agevolato. Una ripresa già avvertita sul mercato russo degli immobili, che torna a crescere dopo mesi di contrazione dei prezzi e dei volumi di scambio.

Russia Export, da materiali Yandex.

San Pietroburgo - fiera dei gioielli

L'ICE, nell'ambito della Convenzione Interregionale sottoscritta con le Regioni Calabria, Marche, Piemonte, Toscana e Veneto per la promozione dei distretti orafi italiani, organizza una catalogoteca in occasione della fiera Junwex che si terrà a San Pietroburgo dal 3 al 7 febbraio.

L'iniziativa è dedicata ai territori regionali ed alla produzione orafo-argentiera delle singole aziende appartenenti alle Regioni coinvolte nel progetto. Per ulteriori dettagli consulta la circolare informativa. Per informazioni: Giuliana Vignanelli, tel. 06.5992.9515 , fax 06.89280319, email: g.vignanelli@ice.it.

Russia Export, da materiali ICE.

Per gli operatori italiani del settore Oreficeria e Jewellery, RussiaAziende propone la "Lista contatti oreficeria e gioielli in Russia" - uno strumento commerciale immediato per proporre i propri prodotti agli operatori locali ed entrare nel mercato russo.

Russia - modifiche al dazio sull'importazione di calzature

L'Agenzia Federale delle dogane russa procederà all'aumento del valore doganale minimo calcolabile per le calzature d'importazione.

Secondo il documento, ancora in fase di definizione, per le calzature in pelle di produzione europea ed USA il valore doganale minimo sarà fissato in 30 dollari, mentre verrà limitato a 21 dollari per gli articoli di produzione cinese.

Per gli importatori che operano nel segmento basso del mercato sarà necessario ricorrere agli strumenti giurisdizionali per dimostrare l'effettivo costo di produzione minore rispetto alle soglie fissate.

Il dazio doganale sull'importazione di scarpe in Russia è pari al 10% del valore doganale della merce. La nuova normativa sulla tariffa avrà l'effetto di ridurre la competitività dei prodotti a basso costo e di qualità scadente, con un probabile shift dei consumi verso il segmento medio.

Questo rappresenta un'opportunità interessante per i produttori di scarpe italiani che vogliono esportare in Russia, considerando che il posizionamento medio del prodotto italiano parte proprio dal prezzo soglia di 30 dollari.

RussiaAziende propone agli operatori del settore calzaturiero i seguenti servizi commerciali sul mercato russo:


Russia Export, da materiali Ria Novosti.

lunedì 18 gennaio 2010

Mosca, Russia - al via la fiera Consumexpo 2010

Si tiene a Mosca dal 18 al 21 gennaio 2010, La Fiera Consum-Expo’, la fiera internazionale per eccellenza nel settore dei beni di consumo.

La manifestazione, diretta sia ai destinatari finali della produzione di consumo che agli addetti ai lavori, rappresenta uno dei piu’ importanti termometri per misurare la capacita’ di spesa dei consumatori russi e le tendenze del mercato locale dei beni di consumo; e’ articolata in numerosi settori e saloni specializzati: pret-a-porter, tessile, articoli in cuoio e calzature, componenti d’arredo, decorazione d’interni, design, antiquariato, profumeria e cosmetica, articoli per lo sport, audio-video, etc.

La partecipazione italiana, coordinata dall’ICE, su una superficie di 1.500 mq, e’ focalizzata sul settore delle calzature/pelletteria e vede la partecipazione di 68 aziende, tra marchi gia’ noti e aziende che sperimentano ad affacciarsi sul mercato russo, forti di un binomio qualita’ e immagine che cosi tanto interesse suscita nei compratori russi.

Russia Export, da materiali ICE.

Russia - nuova classificazione doganale zucchero

In conformità con la tariffa doganale comune dell'Unione doganale, approvata con decisione della Commissione dell'unione doganale novembre 27, 2009 n. 130 "Su un'unica regolamentazione tariffaria dell'Unione doganale (tra la Bielorussia, il Kazakistan e la Russia), dal 1 al gennaio 31 del 2010, alla'importazione nella Unione doganale dello zucchero grezzo, lo zucchero al gusto aromatico, gli additivi o coloranti i cui costi medi indicati sono classificati in sotto-voci 1701 11 101 5 1701 11901 5 e 1701 01.001 5 HS TC, si applicherà un dazio doganale d'importazione pari a $ 140 USD per 1000 kg. "

Russia Export.

Dott. Sergio Russo
Settore Dogane e Certificazioni Gost
http://www.gost-standard.com
http://www.doganarussa.com

Russia - dati incoraggianti sui consumi

Le spese di Natale dei consumatori russi fanno tornare l'ottimismo tra gli operatori della GDO in Russia.

Nonostante il livello dei consumi sia ancora lontano dai livelli pre-crisi, una crescita media del 20% è stata registrata rispetto all'analogo periodo del 2008. La dinamica positiva della spesa si è verificata praticamente in tutti i segmenti della distribuzione in Russia, dalle boutiques di lusso ai supermercati discount.

I russi hanno ripreso a spendere soprattutto per i vini e le bevande alcoliche e i generi alimentari di qualità importati - un dato estremamente positivo per le numerose imprese italiane che esportano sul mercato russo.

RussiaAziende.com mette a disposizione degli operatori italiani interessati ad espandersi nel mercato russo strumenti commerciali completi per proporre le proprie linee prodotto ai distributori ed importatori russi:


Russia Export, da materiali Yandex.

Lombardia - Bando di finanziamento per aggregazioni di imprese per progetti di internazionalizzazione

Regione Lombardia e Camere di Commercio promuovono la realizzazione di progetti di internazionalizzazione presentati da partenariati che coinvolgano almeno dieci Pmi lombarde. Beneficiarie dirette del contributo saranno le Pmi lombarde (o loro aggregazioni, anche temporanee). Al partenariato possono aderire anche:

* Grandi imprese
* Camere di commercio o Aziende speciali
* Soggetti titolari di LombardiaPoint Estero
* Cooperative o Consorzi
* Associazioni datoriali
* Università e soggetti appartenenti al sistema della ricerca e dell’innovazione.

Il progetto dovrà avere una durata inferiore ai 12 mesi. Le domande e le relative proposte progettuali potranno essere presentate dal soggetto capofila del partenariato nei seguenti periodi: dal 15 gennaio al 15 marzo 2010 e dall’1 al 30 giugno 2010.

Il progetto di internazionalizzazione deve prevedere almeno tre delle seguenti azioni da realizzare al massimo in due Paesi target:

* organizzazione di eventi in Lombardia con la partecipazione di operatori esteri
* organizzazione di eventi all’estero
* organizzazione di incontri d’affari all’estero
* partecipazione a fiere internazionali all’estero (massimo una fiera per progetto)
* indagini / ricerche conoscitive propedeutiche all’inserimento nei mercati esteri
* promozione all’estero delle imprese lombarde, anche attraverso servizi di scouting,comunicazione o pubbliche relazioni
* azioni tese a partecipare a gare, costituire forme di aggregazione e altre modalità di accesso a fondi e finanziamenti aggiuntivi internazionali
* avvio di partenariati tecnologici e accordi di collaborazione tecnologica.

Il contributo a fondo perduto sarà pari al 50% delle spese ammissibili ed effettivamente sostenute (non potrà comunque superare i 200.000 euro a progetto), e sarà concesso direttamente alle Pmi partner di progetto.
Il bando “Aggregazioni di imprese per progetti integrati di internazionalizzazione”, pubblicato sul BURL n. 51 del 21 dicembre 2009, Serie Ordinaria, è stato approvato in attuazione dell’Accordo di Programma per lo sviluppo e la competitività del sistema economico lombardo (Asse 2 Internazionalizzazione).

Per informazioni

Unioncamere Lombardia
Direzione Internazionalizzazione
E-mail board@lom.camcom.it

Regione Lombardia
DG Industria, Pmi e Cooperazione
E-mail bando.aggregazioni@regione.lombardia.it

Russia Export, Contributieeuropei.com, Fonte: Promos, Globus CamCom.

venerdì 15 gennaio 2010

Kazakistan - in aumento le tariffe doganali

A seguito dell'entrata in vigore dell'Accordo sulla tariffa dognale unica tra Russia, Bielorussia e Kazakistan, quest'ultimo dovrà aumentare il livello dei propri dazi doganali, per adeguarsi a quelli dei partners.

L'aumento dei dazi non dovrebbe comunque essere particolaremente importante, stante una forte armonizzazione pregressa tra i tre stati.

Russia Export, da materiali Yandex.

Russia - arrivano gli incentivi alla rottamazione

Per risollevare il mercato dell'auto in crisi, il governo di Mosca ha deciso di adottare una politica di incentivi alla rottamazione simile a quelle europee.

Il programma sarà in vigore da marzo sino a novembre, estendendosi a vetture più vecchie di 10 anni e di produzione russa. Secondo le stime degli esperti la misura potrà coninvolgere oltre 200.000 automobili.

Interessando solo le macchine "Made in Russia", gli incentivi rappresentano anche un aiuto indiretto al gigante locale di Avtovaz, da mesi in gravissime difficoltà. Nel 2009, la produzione degli impianti di Togliatti è calata del 64% - le vetture Lada, nonostante un listino competitivo, sono sempre meno amate dagli automobilisti russi, che lamentano la tecnologia obsoleta e la scarsa qualità generale.

Russia Export, da materiali BBC Russian.

giovedì 14 gennaio 2010

Viaggio d’affari in Russia

Dal 14 al 18 febbraio Promos organizza una missione multisettoriale a Krasnodar e Mosca. Contributo a favore delle Pmi lombarde: voucher di € 2.000.

L’obiettivo è quello di favorire la ricerca di nuovi partner e canali commerciali, attraverso l’organizzazione di incontri e visite aziendali alle realtà locali di maggior interesse, individuate con il supporto dell’Ufficio Promos in Russia.

Nelle regioni di Mosca e Krasnodar, tra le più sviluppate della Federazione Russa, i settori che offrono le migliori opportunità sono:

* a Krasnodar: agrofood e industria alimentare, meccanica, metalmeccanica e lavorazione dei metalli, industria leggera, combustibili, chimica, materiali da costruzione, lavorazione del legno, tessuti e abbigliamento, pelle e pellicce
* a Mosca: alimentari e bevande, industria meccanica e lavorazione dei metalli, energia, materiali da costruzione, chimica e petrolchimica, silvicoltura e legname, mobili, trasporti, beni di consumo, abbigliamento e casalinghi.

PROGRAMMA

* 14 febbraio Partenza da Milano per Krasnodar
* 15 febbraio Arrivo a Krasnodar. Nel pomeriggio incontri d’affari e visite aziendali
* 16 febbraio Incontri d’affari e visite aziendali. Trasferimento a Mosca
* 17 febbraio Incontri d’affari e visite aziendali
* 18 febbraio Incontri d’affari e visite aziendali. Nel pomeriggio rientro a Milano

La quota di partecipazione - pari a € 2.640,00 + IVA - comprende:

* Ricerca e selezione delle controparti locali
* Organizzazione degli incontri d’affari
* Assistenza per visite a imprese locali (interpretariato e trasporti)
* Assistenza di personale Promos durante la missione.

Voucher

L’iniziativa rientra tra quelle selezionate da Regione Lombardia e sistema camerale lombardo ai fini del bando “Voucher per la partecipazione a missioni economiche all'estero 2010”. Le Pmi lombarde possono richiedere i voucher del valore netto di euro 2.000 presentando domanda on line a partire dal 25 gennaio.

I voucher verranno assegnati al raggiungimento di 5 imprese lombarde partecipanti e verranno erogati in "modalità rimborso" al termine dell’iniziativa, dietro presentazione della fattura quietanzata, dalla Camera di Commercio di competenza.

Pacchetto logistico (opzionale)

Costa € 1.750,00 + IVA e comprende: hotel categoria superiore, voli di linea in classe economica, transfer da/per aeroporti, visto (passaporto con validità residua di almeno 6 mesi).

Per partecipare invia entro il 20 gennaio tramite fax (n. 02 8515.5227 – 5394):

* scheda di adesione
* un breve profilo aziendale (company profile)
* le richieste specifiche per la selezione delle controparti locali.

Informazioni:
Promos - Camera di Commercio di Milano
Leonora Barbiani
Tel. 02 8515 5270
barbiani.leonora@mi.camcom.it

Russia Export, da materiali Mercato Globale.

Viaggi più facili per i cittadini russi

La Turchia ha dichiarato l'abolizione del regime dei visti per i cittadini russi già a partire della primavera de 2010. La misura consentirà l'intensificarsi degli scambi commerciali tra la Russia e Ankara, portando vantaggi anche ai numerosi turisti russi che scelgono la riviera turca.

La Russia possiede un regime "no visa" con oltre 80 paesi nel mondo, in Europa, Asia e nelle Americhe.

La Spagna, presidente di turno UE, ha dichiarato che la progressiva abolizione del regime dei visti UE-Russia è uno dei temi più importanti in agenda e una road map potrebbe essere definita già entro i prossimi mesi.

Anche il presidente russo, Dmitri Medvedev, ha più volte espresso la volontà di rendere più semplici gli spostamenti dei cittadini russi in Europa e viceversa.

Russia Export, da materiali Regnum.

Ucraina - più facile importare generi alimentari

Il governo di Kiev ha debellato dal registro delle merci soggette a certificazione obbligatoria alcuni importanti tipologie merceologiche.

La modifica interessa 17 gruppi di prodotti alimentari, tra cui thé, caffé, olio, formaggio, conserve ecc. La nuova normativa è stata adottata nell'ambito delle procedure di semplificazione delle operazioni commerciali avviate dall'Ucraina in concomitanza con la sua entrata nell'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO).

Regole più chiare e meno burocrazia creano interessanti opportunità per le aziende italiane del settore alimentare che desiderano esportare in Ucraina - il secondo mercato dell'area CSI dopo la Russia.

Agli operatori del settore food, RussiaAziende propone diversi strumenti commerciali per entrare nel mercato dei generi alimentari in Ucraina, in particolare liste di contatti commerciali di agenti e distributori.

Russia Export.

mercoledì 13 gennaio 2010

Le aziende italiane a INTERPLASTICA 2010 di Mosca

L'Ice, in occasione della fiera INTERPLASTICA 2010 che si terrà a Moscadal 26 al 29 gennaio 2010, sostiene la partecipazione italiana attraverso azioni di supporto alla presenza di macchinari in fiera.

La manifestazione rappresenta un evento di grande importanza per i costruttori italiani di macchine lavorazione plastica e gomma e costituisce il principale punto d'incontro tra la domanda e l'offerta non solo in Russia, ma in tutta l'area CSI.

Per gli operatori del settore interessati ad entrare nel dinamico mercato russo della lavorazione plasitca e gomma, Russia Aziende propone strumenti commerciali diretti per individuare partner russi sul territorio e valutare le possibilità di un'espansione commerciale, a costi estremamente competitivi:

- Lista contatti commerciali "Russia - operatori settore gomma e plastica": un elenco di 10 operatori professionali (importatori, distributori, rivenditori), presenti nel segmento macchine per la lavorazione della gomme e della plastica in Russia e CSI.

- Gestione comunicazione commerciale con operatori russi e assistenza alle trattative.

- Supporto promozionale in Russia e CSI.

Per informazioni e contatti, visitate il sito RussiaAziende.com.

Russia Export.

Russia - in ripresa il mercato della moda

La società Podium, uno dei principali operatori sul mercato della moda lusso in Russia, ha annunciato l'apertura di un nuovo outlet multimarca a San Pietroburgo, seconda metropoli della Federazione Russa.


La Podium, presente sul mercato dal 1994, è il leader indiscusso del segmento luxury fashion in Russia, grazie a 24 boutique a gestione propria per 14.000 metri quadri di aree vendita, consolidata clientela VIP e oltre 350 brand rappresentati.

Nel nuovo spazio vendita di San Pietroburgo saranno presenti marchi internazionali e Made in Italy, tra cui Armani, D&G, Max Mara ecc.

Dopo un 2009 difficile, per l'anno appena iniziato è prevista una ripresa del settore della moda e abbigliamento in Russia, sia nel segmento lusso che nelle proposte mass market. La Russia è ormai diventata il sesto mercato moda più importante a livello europeo, affermandosi come una delle principali destinazioni delle esportazioni Made in Italy.

Da RussiaAziende, per gli operatori italiani che desiderano entrare nel mercato russo cogliendo il momento della ripresa economica, sono disponibili diversi strumenti commerciali per proporre le proprie collezioni ai clienti locali e avviare l'espansione in Russia:

martedì 12 gennaio 2010

Russia, migliora il rating a stabile

L' agenzia internazionale Standard & Poor's ha modificato il rating della Russia da “negativo” a “stabile”.


Lo ha dichiarato l’analista di Standard & Poor's Frank Guill, facendo riferimento al miglioramento degli indici del bilancio pubblico e alla politica del Governo finalizzata a ridurre il deficit del biliancio nei prossimi anni.

Gli esperti S&P sono del parere che il deficit del bilancio nel 2009 dovrebbe essere inferiore all'8,3% inizialmente previsto. Per l’anno 2010 e per il 2011 questi indici non dovranno superare il 7,5% e il 4,3% rispettivamente.

Secondo Standard & Poor’s, se il prezzo del petrolio non sara’ inferiore a 60 dollari, nel 2012 il bilancio russo dovrebbe essere in attivo.

Russia Export, da materiali Portalino, by Roberto Rais

Serbia - finanziamento russo alle ferrovie serbe

(ICE) - ROMA, 04 GEN - La Russia ha approvato un credito di 200 milioni di dollari come supporto al budget serbo, ma non si sa ancora quando proseguiranno le trattative riguardanti gli ulteriori 800 milioni di dollari promessi.

Il tasso di interesse per la prima parte del credito dovrebbe essere del 3,75%, mentre tutti gli altri dettagli del prestito sono ancora ignoti, come riporta Zoran Cirovic, Assistente del Ministro delle Finanze serbo. Sono ancora da definire i progetti di infrastrutture per i quali saranno utilizzati gli ulteriori 800 milioni di dollari.

Cirovic ha precisato che questa parte del credito sara’ utilizzata per finanziare progetti ferroviari. Come precedentemente riportato dai media serbi, la parte russa sarebbe anche interessata a finanziare la costruzione della metropolitana di Belgrado, con il sistema “chiavi in mano”, ma questa idea e’ stata successivamente abbandonata in quanto il progetto non era ancora stato completato.

La delegazione serba aveva proposto i progetti di costruzione della circonvallazione Belgrade Ring, dell’autostrada Belgrado-Cacak e del completamento delle ferrovie Nis-Dimitrovgrad e Valjevo-Loznica.

Russia Export, da materiali ICE (ICE BELGRADO).

lunedì 11 gennaio 2010

Russia - fissate le quote stranieri per il 2010

Il Governo russo ha stabilito il numero massimo dei permessi di soggiorno ottenibili da cittadini stranieri residenti in Russia per il 2010.

Per l'anno in corso, la cuota complessiva sarà pari a 159.500 unità, con un sostanziale decremento rispetto al 2009 (200.000 unità). "2.000 permessi sono riservati a Mosca, mentre 10.000 alla regione (Oblast) della capitale russa.

Il sistema delle quote dei permessi di soggiorno è finalizzato a controllare i flussi dell'immigrazione illegale, di provenienza soprattutto dalle repubbliche dell'ex-URSS, come l'Ucraina, il Tagikistan, l'Uzbekistan.

Tuttavia, in mancanza di deroghe specifiche, esso interessa anche i numerosi lavoratori comunitari che resiedono in Russia per motivi lavorativi, specialmente a Mosca.

Russia Export, da materiali Yandex News.

Lombardia - Contributi per ricerca partner, analisi di mercato e assistenza per l'estero

La Regione Lombardia e le Camere di commercio lombarde concedono contributi alle PMI lombarde che acquistano servizi per lo sviluppo del business all'estero attraverso l'assegnazione di voucher.

Il voucher sostiene l'acquisto di uno o più tra i seguenti servizi:

* ricerca partner esteri, fornitori, agenti e distributori;
* analisi di settore o ricerche di mercato finalizzate all'espansione internazionale;
* assistenza tecnica su procedure e documenti per l'estero;
* formazione / informazione per operare nei mercati esteri.

Il voucher ha un valore pari a euro 2.604,18 (al lordo delle ritenute di legge), a fronte di una spesa minima da parte dell'impresa di euro 4.000,00 (IVA esclusa), che verrà fatturata all'impresa dal soggetto fornitore.
Per i servizi relativi al mercato della Repubblica Popolare Cinese, la spesa minima da parte dell'impresa scende a euro 3.500,00 (IVA esclusa).
Per richiedere il voucher è necessario compilare la modulistica online dal 25 gennaio 2010 all'1 febbraio 2011.
L'assegnazione del voucher sarà comunicata tramite e-mail.

Per informazioni

Camera di commercio di Cremona
Piazza Stradivari nr. 5 - 26100 Cremona
Tel +39 0372 4901
E-mail cciaa@cr.legalmail.camcom.it

Conributieuropei.com, Fonte: Camera di commercio di Cremona, Globus CamCom.

Russia moda - crescono gli spagnoli

Il brand spagnolo Carolina Herrera ha aperto il proprio primo punto vendita in Russia. La boutique è stata inaugurata nel lussuoso centro commerciale Tsum, nel cuore di Mosca, alla presenza della stessa designer.

Per Carolina Herrera quella nella capitale russa è il 59 punto monomarca nel mondo. La società prevede la prossima apertura di ulteriori negozi in Russia, ormai divenuta il quarto più importante mercato per la moda e il lusso nel mondo.

Il made in Italy continua a mantenere la propria posizione di leadership nella Federazione Russa, dovendo pero' fare conti con una concorrenza sempre più agguerrita da parte di brand spagnoli, tedeschi e francesi.

Da RussiaAziende, per gli operatori italiani che desiderano entrare nel mercato russo cogliendo il momento della ripresa economica, sono disponibili diversi strumenti commerciali per proporre le proprie collezioni ai clienti locali e avviare l'espansione in Russia:


venerdì 8 gennaio 2010

Russia - nuova legge sul commercio

Il presidente della Federazione Russa, Dmitri Medvedev, ha firmato la nuova legge sul commercio, che entrerà in vigore il 1 febbraio 2010.

La novella legislativa, dopo un iter di quasi cinque anni, introduce importanti novità per regolamentare il mercato della distribuzione in Russia.

In particolare, vengono normati in maniera più rigida gli aspetti relativi alla posizione dominante per gli operatori GDO e retail, le possibilità di calmieramento dei prezzi di vendita al dettaglio e le modalità di pagamento dei fornitori.

Russia Export, da materiali Delovoj Kvartal.

Russia - nuovi investimenti nella ZES di Lipezk.

Nel 2010, nella zona economica speciale di Lipetsk, a 400 km da Mosca, è prevista l'avvio di 10 nuovi impianti produttivi, di cui tre a capitale italiano e belga.

La ZES di Lipetsk è la prima e la più avviata delle zone economiche speciali in Russia - in essa operano 17 impianti con investimenti effettuati per 1,5 miliardi di dollari USA. Uno dei progetti più importanti è quello dell'italiana Merloni, presente nel segmento della produzione di elettrodomestici bianchi destinati ai mercati russo e CSI.

Secondo la normativa russa, le zone economiche speciali offrono un'ampia serie di vantaggi fiscali e facilitazioni amministrative alle imprese investitrici residenti, che possono altresì usufruire di infrastrutture logistiche e doganali.

Russia Export, da materiali Forbes Russia, IFX-News.

Azerbaijan - Italia primo partner commerciale

Nel periodo gennaio-novembre 2009, il commercio estero dell'Azerbaijan ha superato il valore di 18,5 miliardi di dollari. Le esportazioni sono state pari a 13,2 miliardi di dollari, mentre le importazioni hanno raggiunto i 5,4 miliardi, con un saldo positivo della bilancia commerciale pari a 7,8 miliardi.

L'Italia si conferma come principale partner commerciale dell'Azerbaijan, con una quota del 19,1% sul valore totale degli scambi, seguita a grande distanza da USA, Russia e Francia.

Russia Export, da materiali 1News.

giovedì 7 gennaio 2010

Gruppo Cremonini cresce in Russia

L'italiana Cremonini, uno dei principali players europei sul mercato della produzione e distribuzione alimentare, ha siglato un importante accordo di investimento con il Ministero per le Attività agricole della Federazione Russa.

Il progetto prevede l'istaurazione di rapporti diretti tra la società modenese ed alcuni allevatori russi che saranno fornitori esclusvi per gli impianti di macellazione Cremonini in Russia.

Il gruppo italiano era già presente sul mercato russo con un impianto di produzione hamburgers per la Mc Donald's Russia, inaugurato nell'autunno del 2009.

Russia Export, da materiali Yandex.

martedì 5 gennaio 2010

Russia - la bilancia commerciale in attivo di 100 miliardi di dollari

(ICE) - ROMA, 24 DIC - I dati riferiti ai primi 11 mesi del 2009 vedono la bilancia commerciale russa in attivo di 99,5 miliardi di dollari.

Nello scorso novembre, secondo i dati del Ministero per lo sviluppo economico russo, il saldo mensile della biliancia commerciale e’ stato pari a 11,6 miliardi di dollari contro 8,5 miliardi nello stesso periodo del 2008.

L’interscambio commerciale della Russia nel periodo gennaio-novembre 2009 e’ ammontato a 440,9 miliardi US$ risultando inferiore del 38% rispetto allo stesso periodo del 2008. Rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, le esportazioni nel gennaio-novembre 2009 sono calate del 39% (fermandosi a 270,2 miliardi) mentre le importazioni sono diminuite del 36,3% scendendo a 170,7 miliardi.

Russia Export, fonte ICE MOSCA

Russia, Bielorussia, Kazakistan - al via la tariffa doganale unica

Dal 1 gennaio 2010 è formalmente in vigore la tariffa doganale unica per la Russia, la Bielorussia e il Kazakistan. La norma costituisce una tappa importante nel lungo processso di riavvicinamento dei tre Stati del CSI, finalizzato al progressivo abbattimento delle barriere al commercio.

L'introduzione della tariffa doganale unica avrà un effetto di contenimento nei limiti dell'1% sul livello medio delle aliquote doganali applicabili.

Il prossimo passo nell'integrazione economica tra la Russia, la Bielorussia e il Kazakistan, sarà l'adozione del codice doganale unico, prevista per luglio 2010 e fondamentale nell'ottica della creazione di uno Spazio economico unifico nel 2012.

Russia Export, da materiali Minprom.

lunedì 4 gennaio 2010

Russia - una borsa da record

La borsa russa si conferma come la più performante dell'ultimo decennio. Nel periodo 2000-2009 l'indice borsistico di Mosca MMVB è cresciuto dell'802% Al secondo posto - la borsa brasiliana (+301%), seguita dall'India.

Russia Export, da materiali RadioMayak

Russia - UE: ultime firme per l'avvio del North Stream

Un ulteriore, importante passo è stato compiuto nella vicenda della pipelane North Stream, desitnata a garantire le forniture del gas russo agli stati dell'Europa nord-occidentale. L'ente federale tedesco ha approvato la costruzione dell'ultimo tratto del gasdotto nelle acque territoriali germaniche. Per la conclusione dell'iter di approvazione manca solo il consenso formale della Finlandia, che ha comunque già espresso la piena disponibilità alla realizzazione del progetto.

L'avvio dei lavori è previsto per la primavera del 2010 e le prime consegne di gas dalla Russia sono pianificate già per il 2011. Il progetto North Stream, fortemente voluto dall'asse Mosca-Berlino, con il patrocinio personale del presidente Vladimir Putin e dell'ex cancelliere Shroeder, a pieno regime raggiungerà una capacità di 55 miliardi di metri cubi annui. Nell'Europa centro meridionale è invece prevista la realizzazione del gasdotto South Stream.

Russia Export, da materiali BBC.