mercoledì 31 marzo 2010

San Pietroburgo - impresa italiana per restauri palazzi storici

La società italiana Rizzani de Eccher parteciperà alla gara d’appalto per la seconda parte del restauro del Palazzo dello Stato Maggiore costruito a San Pietroburgo nel 1819-1829. Lo rende noto l'Ufficio ICE di Mosca.


Una parte del Palazzo era stata progettata dall’architetto italiano Carlo Rossi. Oltre alla Rizzani, alla gara parteciperanno altre quattro societa’, principalmente di origine russa: NEVISS-kompleks (in consorzio con la yugoslava Harvinter), Leokaspis, PSK Pulkovo e Intarsia. Il Palazzo è in restauro dal 2008 grazie a fondi pubblici e a un credito della Banca Mondiale.

Per la prima parte del restauro, che dovra’ concludersi nell’autunno 2010, sono stati staziati 4,4 miliardi di rubli (circa 180 milioni di dollari). Il costo della seconda parte sara’ pari a circa 200 milioni di dollari. La firma del contratto di appalto, da realizzarsi in 25 mesi, e’ prevista nel giugno 2010.

Russia Export, materiali esportati da Portalino - Pianeta Russia, by ICE.

Mosca: nuovi contatti nel settore della logistica

Dal 23 al 25 maggio Promos, in collaborazione con AICE, organizza degli incontri d’affari a Mosca con spedizionieri, agenti doganali, strutture logistiche e distributive. Per le Pmi lombarde disponibile il contributo (voucher) di € 2.000.

La missione è diretta a tutte le imprese lombarde interessate a:

* scoprire le caratteristiche e le opportunità offerte dal sistema logistico e distributivo dell’area moscovita
* avviare contatti diretti con operatori e organizzazioni locali del settore
* valutare la possibilità di attivare un punto di riferimento operativo a Mosca.

PROGRAMMA

* 23 maggio Partenza da Milano e arrivo a Mosca
* 24 maggio Seminario sul mercato moscovita (sistema economico, fiscale, legale, finanziario). Incontri con spedizionieri e agenti doganali.
* 25 maggio Incontri con strutture logistico-distributive. Rientro a Milano.

La quota di partecipazione - pari a € 2.050,00 + IVA (= € 2.460) - comprende:

* organizzazione degli incontri d’affari
* servizio di interpretariato
* trasferimenti in loco
* materiale informativo sul sistema logistico e fiscale di Mosca
* assistenza di personale Promos durante tutta la missione.

L’iniziativa rientra tra quelle selezionate da Regione Lombardia e sistema camerale lombardo ai fini del bando “Voucher per la partecipazione a missioni economiche all'estero 2010”.

Le Pmi lombarde possono richiedere i voucher del valore netto di euro 2.000 presentando domanda on line. I voucher verranno assegnati al raggiungimento di 5 imprese lombarde partecipanti e verranno erogati in "modalità rimborso" al termine dell’iniziativa, dietro presentazione della fattura quietanzata, dalla Camera di Commercio di competenza.

Le aziende interessate possono acquistare anche il pacchetto viaggio + soggiorno (volo A/R in classe economica e 2 notti hotel categoria superiore). Costo: € 660,00 + IVA = € 792. Per partecipare, invia la scheda di adesione entro il 15 aprile tramite fax (n. 02 8515.5227 - 5394).

Informazioni:
Promos - Camera di Commercio di Milano
Alessandra Masina
Tel. 02 8515.5140
promos.asia@mi.camcom.it

Russia Export, da materiali Mercato Globale.

martedì 30 marzo 2010

Russia - meno spese al ristorante

Nel corso del 2009, la crisi finanziaria ha costretto i consumatori russi a ridurre i pasti fuori casa. Dopo alcuni anni di crescita sostenuta (+10-20%), il volume del mercato della ristorazione si contrae del 12,6%.

Le prospettive per il futuro sono pero' estremamente positive - da un lato il mercato in Russia è ben lontano dai livelli di saturazione occidentali, con una media di 2.000 consumatori per esercizio, rispetto ai 150-200 consumatori in Europa e USA. Dall'altro lato, i russi spendono tradizionalmente una quota importate del proprio reddito per mangiare fuori - un valore prossimo al 3,5%, superiore alla spesa destinata al'istruzione, salute o telecomunicazioni.

La caffetteria rimane il luogo preferito dei consumatori russi, seguita dalla pizzerie a dalla birreria. Nel segmento dei ristoranti etnici, a parte il costante successo dei shushi bar, domina la cucina italiana, presente in tutte le fasce di prezzo a Mosca e San Pietroburgo, e in espansione nelle altre grandi città della Russia.

Un'opportunità per gli operatori italiani, sia sul versante degli allestimenti, che su quello delle forniture di prodotti alimentari per il settore HoReCa.

Russia Export, materiali esportati da RBC Marketing.

lunedì 29 marzo 2010

Serbia - finanziamenti alle PMI

(ICE) - ROMA, 26 MAR - La BERS (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo) ha approvato un prestito di 30 milioni di euro per finanziare le PMI serbe attraverso un credito che verrà concesso tramite Banca Intesa.
Questo credito permetterà a Banca Intesa di rafforzare il suo ruolo nel finanziamento delle piccole e medie imprese e a stimolare ulteriormente il settore economico privato.

Il pacchetto totale di finanziamento della BERS a Banca Intesa ammonta a 100 milioni di euro e è indirizzato alle filiali del Gruppo in Europa orientale. Banca Intesa di Belgrado, a maggioranza di capitale del gruppo italiano, è al momento la banca commerciale più grande in Serbia, con 1,4 milioni di clienti e un bilancio lordo che ammonta a 3,4 miliardi di euro.

Russia Export, materiali esportati da ICE (ICE BELGRADO)

venerdì 26 marzo 2010

Russia - il mercato del gelato

Nel corso del 2009 il mercato del gelato in Russia ha perso il 6,2%, stabilizzandosi su un volume di 341.000 tonnellate. La contrazione ha interrotto un'espansione che durava dal oltre un decennio, con il picco raggiunto nel 2008. Nel breve e medio periodo gli analisti prevedono una situazione di stallo in termini di volume, con leggere crescita in valore.

Il mercato del gelato russo è uno dei più grandi a livello mondiale, con un consumo pro capite annuo di 2,55 kg annui (per una popolazione di oltre 140 milioni). Nonostante la saturazione dell'offerta in termini assoluti, rimangono positive le prospettive dei segmenti premium, in primo luogo quello del gelato artigianale, la cui presenza sul territorio russo è ancora tutta da costruire. Un'opportunità quindi per le aziende di settore italiane, leader assolute nella produzione e commercializzazione di macchine e accessori per l'industria del gelato artigianale.

Russia Export, materiali esportati da RBC.

Per approfondire le opportunità offerte dal mercato del gelato in Russia, potete visitare il portale dedicato RussiaAziende.com o scrivere all'indirizzo di posta elettronica servizi@russiaaziende.com.

Firenze - Russian Trade Office, un nuovo spazio per l'internazionalizzazione in Russia

Dopo la creazione, nel 1999, del proprio ufficio a Mosca, Promofirenze ha deciso di aprire una nuova struttura per incrementare i servizi offerti. Il Russian Trade Office (RTO) si trova in una delle zona più esclusive di Mosca, e può contare su circa 200mq di area utilizzabile per le più diverse esigenze e su personale qualificato a supportare le richieste delle aziende italiane.

Il Russian Trade Office offre i seguenti servizi:
Ricerca di partner commerciali
Assistenza linguistica/servizio di interpretariato
Organizzazione incontri B2B con buyer selezionati direttamente all’interno del RTO
Intermediazione nelle trattative commerciali
Assistenza nelle pratiche di import-export
Ricerche di mercato
Esposizione temporanea della merce presso i locali del RTO
Organizzazione eventi (sfilate, degustazione, presentazione collezioni…)
Magazzino merce in occasione di fiere all’interno del RTO
Rappresentanza commerciale attraverso promozione e azioni di marketing personalizzate sulla tipologia del prodotto dell’azienda italiana
Attività di segretariato
Interpretariato telefonico, teleconferenze, videoconferenze
Gestione della corrispondenza
Propria filiale a Mosca all’interno del RTO.

Promofirenze è disponibile a valutare con le aziende interessate gli strumenti ed i servizi corrispondenti alle specifiche esigenze. Promofirenze provvederà a presentare un’offerta personalizzata, completa di descrizione dei potenziali servizi, metodologia di erogazione degli stessi e relativa tempistica.

Per informazioni

Promofirenze
Irene Mazzei
Tel +39 055 2671462
E-mail: irene.mazzei@promofirenze.com

Lettonia - scendono le imposte per le piccole imprese

(ICE) - ROMA, 23 MAR - I piccoli imprenditori lettoni potranno optare per il pagamento di solo una tassa. Tra i soggetti su cui sarà applicata la tassa per le micro imprese, figurano i commercianti individuali, gli agricoltori, i pescatori.

Inoltre, le società a responsabilità limitate (SIA), potranno anche usufruire di tale agevolazione a patto che il loro fatturato complessivo annuo non sia superiore a 70 000 Lats (99,601 Euro), e il loro personale non superi le 5 unità. L’aliquota prevista per le micro imprese è del 20% dal fatturato complessivo annuo.

Russia Export, materiali esportati da ICE (ICE RIGA).

giovedì 25 marzo 2010

I consumi in Russia

Le vendite al dettaglio in Russia sono in costante aumento da 10 anni, conseguenza diretta della sostenuta crescita di benessere dei consumatori.

I prodotti alimentari rappresentano il 45,6% della spesa della popolazione in Russia, il 54,4% (in termini di valore) è appannaggio delle merceologie non alimentari.

Nel paniere alimentare, la quota maggiore è destinata alle bevande alcoliche (liquori, vino, birra), con il 21% della spesa, seguite da carne fresca (14%) e salumi (10%).

Tra le categorie di acquisto non alimentare, primeggiano la spesa per l'acquisto dell'auto (19%) e quella per il carburante (14%), seguita dagli acquisti di abbigliamento (13%).

Con una popolazione di oltre 140 milioni di persone, la Russia rappresenta il mercato nazionale più grande a livello europeo e, grazie alla crescita del benessere, sempre più russi adottano abitudini di consumo "occidentali".

Per le opportunità offerte dal mercato russo e i contatti degli operatori locali (distributori, importatori, reti commerciali), è possibile consultare il portale RussiaAziende.com.

Russia Export, da materiali RBC.

Il mercato del formaggio in Russia

Il mercato del formaggio in Russia cresce del 5% nonostante la crisi. Anche le prospettive nel medio e lungo termine rimangono molto positive per gli esportatori del formaggio verso la Russia - il consumo pro-capite è ancora molto basso rispetto ai mercati occidentali e la quota di mercato del produttore locale è pari al 69%.

Buoni margini di crescita quindi, che potranno concretizzarsi con il cambiamento delle preferenze di consumo dei russi, oggi ancora orientati verso un prodotto "povero", collocato nel segmento più basso dell'offerta, con l'assoluto predominio del prodotto a pasta dura e quello spalmabile.

Mosca, da sempre "pioniere" delle tendenze di consumo in Russia è già avviata sulla strada della qualità: sugli scaffali della capitale russa sono in vendita oltre 700 tipologie di formaggio, con una buona presenza del prodotto italiano.

I produttori italiani che desiderano entrare in contatto con importatori e distributori russi per proporre le proprie specialità, possono richiedere liste di contatti commerciali a RussiaAziende.com.

Russia Export, da materiali RBC.

mercoledì 24 marzo 2010

Russia - aumentano le vendite al dettaglio

(ICE) - ROMA, 23 MAR - Come da notizie apparse sulla stampa locale e in particolare sul Saint Petersburg Times (www.sptimes.ru), che riporta i dati forniti dal Servizio Nazionale di Statistica, nel mese di febbraio le vendite al dettaglio in Russia sono aumentate del 1,3 % su base annua, tale aumento e’ ancora piu’ significativo in quanto sembrerebbe confermare la tendenza gia’ registrata nel mese di gennaio, mese nel quale le vendite al dettaglio sono aumentate del 0,3 % su base annua.

Le previsioni di alcuni degli analisti di alcune delle maggiori banche del paese sono per un ulteriore aumento nei prossimi mesi del dato delle vendite al dettaglio, grazie anche alla riduzione del tasso di inflazione e all’innalzamento del reddito disponibile della popolazione. Tale aumento delle vendite al dettaglio dovrebbe favorire anche la crescita dell’economia del paese che potrebbe aumentare del 4-4,5 % nel corso dell’anno.

Russia Export, materiali esportati da ICE (ICE S. PIETROBURGO).

Mosca, Russia - al via fiera calzature Obuv - Mir Kozhi

(ICE) - ROMA, 23 MAR - Si è aperta il 23 marzo l’edizione primaverile che si concludera’ il 26 marzo, presso il centro espositivo della fiera OBUV MIR KOZHI, tra le piu’ importanti manifestazioni della calzatura e pelletteria in Russia, che si svolge in 2 edizioni annuali: una in primavera, con la presentazione delle collezioni autunno-inverno mentre ad ottobre vengono presentate le collezioni primavera-estate.

L’Italia partecipa, su una superficie di circa 4.500 mq, con una collettiva organizzata da Fiera di Bologna e Anci con 200 aziende. L’ufficio ICE di Mosca ha realizzato, insieme ad ANCI, uno spot che andra’ in onda per un mese su un Fashion TV e ha previsto a supporto delle aziende italiane presenti, la visita in Fiera di una delegazione selezionata di 16 operatori russi, provenienti diverse citta’ delle regioni russe tra cui Vladivostok, Tomsk, Irkutsk, Stavropol, Rostv on Don, Saratov, Kaliningrad, Perm, Nizhniy Novgorod e Ekaterinburg, per i quali sono stati organizzati gli incontri con gli espositori italiani.

L’ICE ha infine previsto la realizzazione di un Ristorante italiano, esclusivamente riservato agli espositori italiani, che distribuira’ durante tutto l’arco della manifestazione oltre 2500 pasti. Nel primo trimestre 2009 (data per cui sono disponibili anche i dati per paese), con le importazioni di scarpe pari a 416,211 mln $, la Cina continua ad essere al primo posto con 1,095 mld $ (+61%) e il 61% del mercato. L’Italia sempre al secondo posto con 248,9 milioni (+25,2% rispetto al 2007) ha il 13,8% del mercato: da notare come nel 2005 le sue forniture fossero solo di 23,7 milioni di dollari.

Russia Export, materiali esportati da ICE (ICE MOSCA).

Per le imprese italiane del settore calzaturiero interessate al mercato russo, RussiaAziende.com propone servizi commerciali per incontrare distributori e importatori in Russia e CSI:

- Contatti commerciali operatori russi settore calzaturiero
- Schede promozionali e product presentation in russo
- Note settoriali mercato russo

Per ulteriori informazioni e prenotazioni del servizio potete scrivere all'indirizzo servizi@russiaaziende.com.

Russia - il mercato degli elettrodomestici

Il mercato degli elettrodomestici in Russia si è contratto del 25% nel 2009. Lo rivela una ricerca della Discovery Research Group.

Mentre nel 2008 il volume del mercato era pari a 10,8 miliardi di dollari USA, l'anno dopo è sceso a 8,1 miliardi. Già per il 2010 è previsto un recupero di 5 punti percentuali, mentre nel bienni 2011-2012 gli analisti sono concordi nel pronosticare una crescita del 10-15% annuo, che permetterà di superare i livelli pre-crisi già tra due anni.

Il segmento degli elettrodomestici (lavatrici, frigoriferi, aspirapolvere, fornelli elettrici), copre oltre il 60% del mercato dell'elettronica in Russia, e ha mostrato una crescita ininterrota dal 2009. Anche la produzione di articoli "Made in Russia" è cresciuta esponenzialmente nell'ultimo decennio, grazie anche a investimenti italiani, come quelli del gruppo Merloni nella Zona economica speciale di Lipetsk.

La crisi ha apportato correttivi anche alla rete distributiva - la riduzione dei volumi ha costretto le grandi catene come Eldorado ed M-Video a ridimensionare la propria presenza nelle regioni russe, lasciando maggiore spazioe agli operatori locali. La maggiore frammentazione del tessuto distributivo rappresenta un'opporunità per gli esportatori di elettrodomestici verso la Russia, che ora possono dialogare con un numero maggiore di distributori.

Per ulteriori informazioni relative al mercato dell'elettronica in Russia, potete visitare il portale RussiaAziende.com.

Russia Export, da materiali RBC.

martedì 23 marzo 2010

Russa - investimenti della Menarini farmaceutica

Il gruppo italiano Menarini, attravero la proria controllata tedesca Berlin-Chemie, ha annunciato la costruzione di un impianto farmaceutico in Russia, nella regione di Kaluga, a circa 200 km da Mosca.

L'investimento complessivo, valutato in 30 milioni di euro, sarà realizzato in una regione ad alta densità di intereventi a capitale estero, soprattutto nel settore automotive, grazie alla presenza di gruppi come Volvo, Mitshubishi, VW, Peugeut Citronen, e permetterà la creazione di 150 posti di lavoro.

Il mercato dei medicinali russo è uno dei più interessanti a livello internazionale, sia come destinazione delle'export che come sede per investimenti produttivi. Il gruppo Menarini è presente in oltre 100 paesi, con un fatturato prossimo ai 3 miliardi di euro.

Russia Export, da materiali Finmarket.

Russia - fiera della logistica e trasporti

E’ in fase di definizione il gruppo di aziende italiane del settore logistica e trasporti che parteciperanno alla fiera internazionale TransRussia che si terrà a Mosca dal 27 al 30 aprile 2010 ed alla quale saranno presenti 580 espositori provenienti da 33 Paesi.

Il progetto prevede per ogni azienda partecipante una ricerca personalizzata di controparti russe (operatori logistici e dealer) e l’organizzazione dei relativi incontri B2B con 5-7 potenziali partner selezionati, che avverranno nello stand presso la fiera.

Nel progetto è inclusa la realizzazione di un indagine di mercato con i seguenti contenuti: ‘situazione attuale e tendenze nel settore dei servizi di trasporto internazionale e i servizi logistici in Russia; effetti della crisi 2008; i principali mezzi e servizi internazionali di trasporto (trasporto su gomma, ferroviario e via mare); i principali operatori del mercato (attività imprese e informazioni per contattarle); i centri logistici in Russia, la situazione attuale e i trend; le principali imprese logistiche di Mosca e San Pietroburgo (attività imprese ed informazioni per contattarle; le dogane di Mosca e San Pietroburgo, (include la lista dei terminal doganali); fiere di settore. ’

Per maggiori informazioni sulle modalità e sui termini per la partecipazione al progetto si prega di contattare la dr.ssa Maurizia Macor al n. 0481/547328 o scrivendo direttamente all’indirizzo e-mail consulenza@informestconsulting.it.

Russia Export, da materiali Informest - InformestConsulting.

Russia - si rafforza il rublo

La valuta russa continua a rafforzarsi sul paniere euro-dollaro alla luce di nuove, migliori, previsioni di crescita per l'economia russa.

Per la prima volta dal dicembre 2008, il rublo abbatte la soglia dei 34 punti nei confronti del paniere di cambio, attesandosi sul valore di 29,28 rispetto al dollaro e di 36,63 rubli rispetto all'euro.

In particolare, la valuta russa cresce rispetto alla moneta unica europea, che ha perso 70 kopeki (centesimi di rublo) in una sola settimana, continuando con il trend di rafforzamento degli ultimi mesi.

Notizie positive, quindi, per tutti gli esportatori italiani interessati al mercato russo, che hanno pagato con una considerevole contrazione degli ordini la svalutazione della moneta russa nei primi mesi del 2009 e che ora recuperano competitività su un mercato che ormai è diventato fondamentale per l'export del Made in Italy.

Russia Export, materiali esportati da Strana.ru.

lunedì 22 marzo 2010

Russia - le banche più affidabili

La redazione russa dell'autorevole pubblicazione economica Forbes ha pubbicato l'elenco delle banche più solide e affidabili operative nella Federazione Russa.

Tra gli isituti di credito segnalati sono presenti le principali banche a partecipazione statale (Sberbank, VTB Vneshtorgbank, Rosselkhozbank, VTB 24), e grandi gruppi finanziari internazionali opertativi in Russia (Unicredit, Raiffeisenbank, Citibank).

Un livello di affidabilità elevato è garantito anche da alcuni istituti corporate, collegati ai maggiori gruppi produttivi russi (Gazprombank, Rosbank, MDM Bank).

Nel corso degli ultimi quattro anni, il numero totale delle banche russe valutate come solide secondo gli standard internazionali è cresciuto di 2,5 volte. La scelta di un istituto bancario affidabile è fondamentale per tutti gli operatori che svolgono operazioni commerciali sul mercato russo (import export, investimenti ecc.).

Le aziende italiane possono contare sulla presenza di due grandi gruppi nazionali come la Unicredit e Banca Intesa, da anni attivi in Russia, sia a Mosca che nelle regioni.

Russia Export, da materiali Forbes Russia.

Russia e Polonia - export di prodotti agroalimentari

Il 31 Marzo p.v. presso la sede Informest Consulting di Gorizia, sarà realizzato un incontro di approfondimento sul settore agroalimentare (vino, prodotti alimentari e ortofrutticoli) in Russia e Polonia e sulle potenzialità di questi mercati.

Verranno contestualmente indicati i principali distributori di prodotti italiani in tali Paesi. I contenuti dell’ incontro, per ciascun mercato estero indicato, saranno i seguenti: tendenze al consumo, produttori locali, prodotti e marchi presenti, concorrenti, canali distributivi, import export ed indicati alcuni dei principali importatori e distributori locali selezionati e verificati dagli esperti locali di Informest Consulting.

Verranno presentati inoltre i servizi del Pacchetto Export, che oltre a fornire analisi settoriali mirate e soprattutto un archivio di distributori selezionati e completi di tutti i riferimenti, permette di usufruire di strumenti tecnico informativi quali agevolazioni finanziarie per programmi export, le opportunità di bandi di Banca Mondiale, il servizio di Temporary Export Manager gestito nel Paese. Per maggiori informazioni sul servizio e sulla modalità di accesso al sistema è sufficiente seguire le istruzioni che si trovano sul sito alla pagina www.informestconsulting.it/index/pacchetto-export.

L'incontro avrà luogo nella sede Informest Consulting s.r.l. di Gorizia, via Cadorna 36, dalle ore 16.00 alle 18.00. Le adesioni vanno presentate entro il 30 Marzo 2010. Per maggiori informazioni si prega di contattare la dr.ssa Alessia Funcis (tel. 0481 547328 e-mail: alessia.funcis@informestconsulting.it

Russia Export, da materiali Informest - InformestConsulting.

Russia - tavola rotonda tra le PMI italiane e le autorità russe

Si è svolta a San Pietroburgo, la seconda città della Russia, la tavola rotonda che ha visto la partecipazione dell'associazione delle imprese italiane in Russia, Gim-Unimpresa, e le autorità russe, nella persona del ministro per lo sviluppo economico della Federazione Russa, Sig.ra Elvira Nabiullina.

Nel corso dell'evento, organizzato dall'Università di San Pietroburgo, in collaborazione con l'università la Sapienza di Roma, sono stati affrontati temi legati agli strumenti per favorire la ripresa degli scambi e rafforzare la presenza economica italiana in Russia, dopo un 2009 difficile per il commercio e gli investimenti a livello globale.

La Russia rappresent ormai uno dei partner commerciali principali per l'Italia, sia per quanto rilevi le esportazioni del made in Italy (food, vino, abbigliamento, accessori, macchinari, mobili), sia per la crescente presenza di investimenti italiani nella Federazione Russa in numerosi settori produttivi, dall'automobilistico al farmaceutico, dall'alimentare agli elettrodomestici.

Uno strumento fondamentale è costituito dall'implementazione delle Zone Economiche Speciali (ZES) - distretti industriali e tecnologici che presentano particolari agevolazioni e sgravi agli investitori residenti.

Russia Export, materiali esportati da 66.ru.

sabato 20 marzo 2010

Paesi baltici - macchine industria alimentare made in Italy

L'ICE, in collaborazione con l'Associazione di categoria ASSOFOODTEC, organizza un seminario/Workshop itinerante sulle macchine per la produzione di prodotti alimentari che si terrà a Vilnius, Riga e Tallinn dal 26 al 30 aprile 2010.

L'industria alimentare è uno dei settori trainanti nelle Repubbliche Baltiche che, nonostante la recente crisi economica, continuano a mostrare un certo interesse per le produzioni italiane, in virtù dell'alto livello tecnologico e dell'affidabilità che vengono loro riconosciuti.

Per ulteriori dettagli consulta la circolare informtiva. Per informazioni: Pietro Simonelli, tel. 06.5992.6707, email: p.simonelli@ice.it - Manuela Pucci, tel. 06.5992.6747, email: m.pucci@ice.it ; fax 06.89280337, email: meccanica.plur@ice.it .

Russia Export, materiali esportati da ICE.

venerdì 19 marzo 2010

Bielorussia - forte crescita economica

La Banca Mondiale, nella persona del vice-presidente per l'Europa Orientale e l'Asia Centrale, Philippe Le Rou, ha espresso una valutazione estremamente postivia sulle dinamiche dimostrate dall'economia bielorussa nell'ultimo decennio.

La partnership tra la Bielorussia e la Banca Mondiale è iniziata nel 1992 e, sino ad oggi, l'istituto internazionale ha finanziato progetti per oltre 600 milioni di euro nel paese al confine tra l'UE e la Russia.

I risultati sono stati superior alle aspettative - nonostante priva di risorse naturali significative e con un sistema industriale ancora lontano dagli standard occidentali, la Bielorussia ha saputo creare una crescita economica regolare e sostenuta, che ha portato al miglioramento dei livelli di vita medi, senza penalizzare le classi più deboli, come i pensionati.

Oggi, grazie a una sempre maggiore apertura verso l'UE, e la contemporanea adesione al trattato sull'Unione doganale con la Russia e il Kazakistan, Minsk si colloca come un interlocutore strategico per tutti gli operatori interessati ad entrare nei mercati russo e kazako, ma anche come una destinazione privilegiata per investimenti produttivi europei.

L'Italia sta divenendo uno dei partner principali di Minsk, sia sul fronte delle esportazioni, che nel campo della delocalizzazione logistica e produttiva, con la creazione di un distretto industriale 100% italiano nella regione bielorussa di Brest.

Russia Export, materiali esportati da Regnum.

Russia - l'economia cresce più del previsto

Secondo le dichiarazioni rilasciate dal viceministro dell'economia russo, Andrey Klepach, l'economia della Federazione Russa crescerà del 4-4,5% nel 2010.

La previsione è più alta delle stime precedenti, che fissavano una crescita del 3,5% su base annua, e si basa su un livello delle quotazioni del petrolio, principale voce delle esportazioni russe, di 70 dollari al barile.

Il miglioramento degli indicatori economici e la conseguente rivalutazione del rublo, potranno consentire una rapida ripresa delle esportazioni verso la Russia, anche del Made in Italy.

Russia Export, da materiali Ria Novosti.

Russia - buoni dati dal mercato dei cosmetici e profumi

Il mercato della cosmesi e profumeria in Russia dimostra un buon ritmo di crescita, nonostante il rallentamento di alcuni segmenti, ormai prossimi alla saturazione (in particolare, quelli dei prodotti per capelli e per l'igiene orale).

Come nei settori dell'abbigliamento, delle calzature e del mobile, sono le regioni della Federazione Russa ad offrire le opportunità più interessanti nel medio e lungo termine, mentre i mercati di Mosca e San Pietroburgo sono ormai prossimi ai massimi di assorbimento.

Il mercato della cosmesi e della profumeria in Russia parla sempre meno russo - se dieci anni fa i produttori nazionali detenevano il 70% delle vendite, oggi la loro quota è scesa al 30% ed è in costante contrazione. La crescita dei redditi ha spostato le preferenze dei consumatori verso prodotti più di qualità, che si associano con gli articoli di importazione.

Per i produttori italiani di profumi, cosmetici e presidi per l'igiene personale interessati al mercato russo, RussiaAziende propone servizi commerciali come:


Per informazioni e prenotazioni dei servizi, visitate il portale www.russiaaziende.com, o scrivete all'indirizzo servizi@russiaaziende.com.

giovedì 18 marzo 2010

Russia moda - i consumatori moscoviti scelgono il multibrand

Da un'indagine di mercato realizzata nel dicembre 2009, è emerso che i consumatori moscoviti preferiscono rivolgersi ai negozi multi marca per le proprie spese di abbigliamento, con un indice di gradimento che si avvicina al 90%.

Oltre la metà dei consumatori (54%) effettua una selezione analitica degli spazi vendita prima di dedicarsi allo shopping, mettendo al primo posto il livello medio dei prezzi del punto vendita. D'altro canto, l'importanza del prezzo come fattore di scelta diminuisce sensibilmente una volta entrati nel negozio.

I punti vendita monomarchio sono preferiti solo dal segmento dei compratori maschi nella fascia dai 36 ai 45 anni - un gruppo minoritario, ma fondamentale a causa della propria elevata capacità di spesa.

Mosca conferma di essere il centro economico della Russai anche per quanto concerna il settore dell'abbigliamento - nella capitale russa sono staccati il 21% degli scontrini dell'intera Federazione Russa (in termini di valore). Tuttavia, va osservato come un'importanza sempre maggiore acquistino le altre grandi città russe, San Pietroburgo, Kazan, Novosibirsk, Samara, Rostov sul Don, Krasnodar, in grado assorbire, grazie alla crescita del benessere della popolazione, prodotti moda anche di qualità superiore, come il Made in Italy.

Proprio le regioni russe rappresentano un'opportunità eccezionale per gli operatori italiani del settore moda, abbigliamento e calzature, offrendo notevoli margini di crescita nel medio e lungo periodo.

Il portale RussiaAziende.com propone alle imprese italiane interessate ad esportare in Russia, servizi commerciali e promozionali finalizzati al potenziamento delle vendite ed espansione sul mercato:

- Contatti commerciali operatori russi settore moda
- Contatti commerciali operatori russi settore calzaturiero
- Schede promozionali e product presentation in russo
- Note settoriali mercato russo

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.russiaaziende.com o scriveteci all'indirizzo servizi@russiaaziende.com.

Italia - migliorano i dati sull'export

Nel mese di gennaio 2010 le esportazioni aumentano dell’1 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, con andamenti sensibilmente diversi per area di destinazione delle merci, con variazioni pari a meno 1,4 verso i paesi Ue e a più 4,7
per cento verso quelli extra-Ue. Le importazioni subiscono, invece, una lieve flessione (meno 0,3 per cento), derivante da una crescita del 3,2 per cento dei flussi dai paesi Ue e da una riduzione del 3,7 per cento di quelli non comunitari.

Le dinamiche congiunturali dei flussi, misurate dai dati destagionalizzati, evidenziano a gennaio 2010, rispetto a dicembre 2009, una flessione dell’1,6 per cento per le esportazioni (meno 2,5 per cento per i paesi Ue e meno 0,4 per cento per i paesi extra-Ue) ed un incremento dell’1,1 per cento per le importazioni (meno 1,9 per cento per i paesi Ue e più 5,3 per cento per quelli extra-Ue).

Negli ultimi tre mesi, rispetto ai tre mesi precedenti, al netto della stagionalità le esportazioni aumentano del 3,3 per cento e le importazioni del 3,2 per cento, con andamenti positivi per entrambi i flussi e le aree di origine/destinazione. Complessivamente, nel gennaio 2010 il saldo commerciale risulta negativo per 3.360 milioni di euro, in lieve miglioramento rispetto al deficit di 3.608 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente.

Russia Export, da materiali Istat.

Dall’Accademia delle Scienze di Novosibirsk innovazioni per l’industria lombarda

Il 31 marzo a Milano incontro di presentazione delle opportunità di collaborazione e trasferimento tecnologico con l’Accademia delle Scienze di Novosibirsk. Dalle ore 10 a Palazzo Affari ai Giureconsulti (piazza Mercanti, 2).

Regione Lombardia, Camere di Commercio di Brescia e Milano, Agenzia per la Russia e Promos hanno sviluppato un progetto che prevede la collaborazione con la Regione russa di Novosibirsk e in particolare con la locale Accademia delle Scienze.

Le aziende lombarde avranno la possibilità di accedere alle conoscenze e alle tecnologie di base sviluppate dall’Accademia delle Scienze di Novosibirsk per realizzare nuovi prodotti e processi innovativi che possano contribuire a migliorare la loro competitività. Docenti del Politecnico di Milano e dell’Università di Brescia illustreranno, nell’ambito di tavole rotonde, quattro scoperte scientifiche / tecnologie:

- plasma per trattamenti superficiali (pulizia, lucidatura, leghe metalliche superficiali)
- analisi multi-spettrale a infrarossi (applicazioni nel campo della conservazione e per verifiche di degrado di beni di diversa natura)
- tecnologie al plasma innovative (a doppio arco) per la distruzione di rifiuti industriali critici
- leghe leggere ad alte prestazioni (rafforzamento con nanopolveri).
Disponibili le schede di approfondimento tecnico.

La partecipazione è gratuita. Per confermare la presenza invia la scheda di adesione entro il 26 marzo tramite fax (n. 02 8515.5227) oppure via mail.

Informazioni:
Promos
Alessandra Masina
Tel. 02 85155140
masina.alessandra.ext@mi.camcom.it

mercoledì 17 marzo 2010

Ucraina - etichettatura alimentari OGM

L'Ucraina ha approvato la nuova normativa sull'etichettatura di prodotti alimentari con contenuti geneticamente modificati (OGM).

Per i prodotti con contenuti di OGM inferiori allo 0,1% è ora necessario apporre la dicitura "Senza OGM, mentre per quelli con una percentuale di OGM maggiore è obbligatoria la segnalazione "Con OGM".

Tale normativa rivestirà, probabilmente, un carattere transitorio - è già nel calendario della Rada, il parlamento ucraino, la discussione relativa all'adeguamento della regolamentazione nazionale agli standard europei, che prevedono l'obbligo di segnalare la presenza di OGM in prodotti ove il contenuto di materiali modificati superi lo 0,9%.

Russia Export, da materiali Rian.

Russia: Olimpiadi invernali di Sochi 2014: mostra italiana dell’edilizia

A Sochi, la città russa che ospiterà i prossimi Giochi Olimpici Invernali, da maggio a settembre 2010 sarà organizzata una mostra autonoma italiana dedicata al settore dell’edilizia (materiali, attrezzature e macchine edili).

La mostra - promossa da Regione Lombardia e altre regioni italiane nell’ambito di una convenzione siglata con l’ICE - si svolgerà nei locali del Desk Italia presso la Camera di Commercio di Sochi. Nella città in vista dei Giochi Olimpici del 2014 sono previsti investimenti per circa 10-12 miliardi di euro di parte pubblica, cui andranno ad aggiungersi ingenti stanziamenti privati.

Alla mostra, aperta al pubblico, saranno invitati importatori, costruttori, developer e architetti russi coinvolti nella realizzazione delle infrastrutture ricettive e sportive.

Potranno essere esposti i seguenti prodotti (rigorosamente made in Italy):

sistemi edilizi (inclusi modelli di prefabbricati, bungalow, case mobili)
attrezzature, utensili e piccole macchine per cantieri (solo cataloghi e/o video)
laterizi, coperture
cementi e conglomerati, vernici
modelli di strutture e componenti in legno, vetro e plastica per edilizia
rivestimenti esterni e interni, prodotti chimici per edilizia, colle, additivi, protettivi
pavimentazioni, piastrelle, marmi, parquet
sanitari e rubinetteria
modelli di impianti per risparmio energetico, pannelli solari, fotovoltaici
modelli di impianti di sicurezza per infrastrutture sportive e zone limitrofe
modelli di arredamenti specifici per infrastrutture sportive, sedute, tribune
modelli di arredo urbano
modelli di impianti e oggetti di illuminazione
porte, infissi, maniglie.

COSTO DI PARTECIPAZIONE E SERVIZI OFFERTI

In considerazione dello spazio espositivo disponibile, sarà possibile ospitare solo i prodotti delle aziende selezionate dal Comitato di Progetto, composto da rappresentanti delle Regioni promotrici e dell'ICE. La quota di partecipazione, pari a € 500,00 (IVA esente), comprende:

- trasporto e sdoganamento dei campionari dai centri di groupage previsti in ogni regione alla sede della mostra
- allestimento della mostra e posizionamento campionari
- illuminazione, vigilanza campionario, assicurazione incendio/furto del campionario esposto
- realizzazione di un catalogo che sarà distribuito ai visitatori della mostra
- azioni di comunicazione
- ricerca e selezione dei visitatori
- follow up.

Possono partecipare le aziende che dispongono di:

Documentazione in inglese (cataloghi, brochure, schede tecniche prodotti, ecc.)
Sito web (anche non in russo)
Eventuale materiale audiovisivo in russo
Certificazioni internazionali di prodotto
Una struttura export adeguata.

Per richiedere la partecipazione, invia entro il 19 marzo il modulo allegato (manifestazione di interesse + modulo descrizione campionario) insieme al logo aziendale a colori in formato JPG (min. 300 dpi), TIFF, PDF o AI.

Informazioni:
Promos - CCIAA Milano
Leonora Barbiani
Tel. 02 8515.5270
barbiani.leonora@mi.camcom.it

Bielorussia - multisettoriale delle imprese lombarde

Dal 16 al 19 maggio Promos organizza una missione a Minsk, capitale della Bielorussia. Per le Pmi lombarde è disponibile il contributo voucher di euro 2.000. L’obiettivo è quello di promuovere la ricerca di nuove opportunità di business attraverso l’organizzazione di visite e incontri con gli operatori locali.

La base economica della Bielorussia è costituita dalla produzione industriale. Nonostante la crisi internazionale, nel corso del 2009 variazioni di segno positivo si sono registrate nel comparto chimico e petrolchimico, alimentare e della produzione e raffinazione di combustibili. Anche nel settore agricolo la crescita è stata positiva.

La Bielorussia importa soprattutto prodotti dei settori: alimentare e materie prime alimentari, macchinari e apparecchi meccanici, ingegneria agricola, ingegneria elettrica, impiantistica, mezzi di trasporto, prodotti delle industrie chimiche, beni di consumo, abbigliamento, arredamento e complementi, tessuti, calzature.

L'Italia sta divenendo uno dei partner principali di Minsk, sia sul fronte delle esportazioni, che nel campo della delocalizzazione logistica e produttiva, con la creazione di un distretto industriale 100% italiano nella regione bielorussa di Brest.

PROGRAMMA

16 maggio Partenza da Milano per Minsk
17 e 18 maggio Incontri d’affari e visite aziendali a Minsk
19 maggio Rientro a Milano.

La quota di partecipazione - pari a € 2.080,00 + IVA = € 2.496,00 - comprende:

Ricerca e selezione delle controparti locali
Organizzazione degli incontri d’affari
Assistenza per visite a imprese locali (interpretariato e trasporti)
Assistenza di personale Promos durante la missione.

VOUCHER

L’iniziativa rientra tra quelle selezionate da Regione Lombardia e sistema camerale lombardo ai fini del bando “Voucher per la partecipazione a missioni economiche all'estero 2010”.

Le Pmi lombarde possono richiedere i voucher del valore netto di euro 2.000 presentando domanda on line. I voucher verranno assegnati al raggiungimento di 5 imprese lombarde partecipanti e verranno erogati in "modalità rimborso" al termine dell’iniziativa, dietro presentazione della fattura quietanzata, dalla Camera di Commercio di competenza.

Pacchetto logistico facoltativo

Promos offre alle aziende la possibilità di acquistare un pacchetto logistico del costo di euro 1.080,00 + IVA così composto: hotel cat. sup. e voli di linea in classe economica + transfer da/per aeroporto e visto (il passaporto deve avere una validità residua di almeno 6 mesi).

Per partecipare, invia entro il 26 marzo tramite fax (n. 02 8515.5227-5394):

la scheda di adesione
un breve profilo della tua azienda (company profile)
gli obiettivi di business e le richieste per la selezione delle imprese locali.
Informazioni:
Promos - Camera di Commercio di Milano
Leonora Barbiani
Tel. 02 8515.5270
barbiani.leonora@mi.camcom.it

lunedì 15 marzo 2010

Russia - crescono i porti

Nel 2009, nonostante l'influenza della crisi economica sul commercio internazionale, il volume degli scambi dei porti russi è cresciuto del 5-7%.

Il porto principale della Russia è Novorossisjk, dove passa il 30% delle merci della Federazione, seguito da San Pietroburgo, dove da quest'anno è operativo anche un nuovo terminal passeggeri.

Anche per il 2010 è prevista una crescita dei volumi di scambio prossima al 5-6% su base annua.

Russia Export, da materiali RBC.

Ucraina - migliora il rating creditizio

L'agenzia internazionale Standard and Poor's ha migliorato il rating sovrano dell'Ucraina da CCC+ /B a B-, con previsione positiva nel lungo termine.

La performance è imputabile alla maggiore stabilita politica ucraina, dopo l'elezione del presidente Vladimir Yanukovic. La sua capacità di creare in breve tempo una squadra di governo stabile è apparsa come una garanzia per gli investimenti e un presupposto per ulteriori finanziamenti dal Fondo monetario.

La crescita dell'economia ucraina, il progressivo avvicinamento di Kiev all'UE e, nello stesso tempo, i buoni rapporti di Yanukovic con Mosca, sono fattori che contribuiscono a prevedere un periodo di stabilita e forte sviluppo del mercato ucraino, uno dei più grandi a livello europeo e secondo solo alla Russia nell'area CSI.

Per le imprese italiane - un'occasione per rafforzare le proprie posizioni e crescere ancora, in un paese dove già sono forti, in settori importanti come la moda, il calzaturiero, il mobile, il food.

Russia Export, da materiali RBC.

Kiev - mostra autonoma calzature

L’ICE, in collaborazione con l’Associazione di categoria ANCI, organizza la “MOSTRA AUTONOMA CALZATURE” che si terrà a Kiev il 7 e l'8 aprile 2010. All'evento, dedicato al settore calzature/pelletteria, saranno esposti i prodotti Made in Italy della collezione autunno/inverno 2010/2011.

Per ulteriori dettagli consulta la circolare informativa. Per informazioni: Daniela Luca, tel. 06.5992.6909, fax 06.89280357, email: d.luca@ice.it .

Russia Export, da materiali ICE.

venerdì 12 marzo 2010

Russia - cresce il mercato degli alimenti per bambini

Il mercato russo degli alimenti per bimbi mostra una crescita del 9%. Lo sviluppo interessa tutti i segmenti di prodotto, dal latte secco agli omogenizzati a base vegetale e animale. Il mercato non sembra aver risentito più di tanto della crisi economica, mantenendo una dinamica positiva dei consumi. Il potenziale di crescita rispetto alla situazione nei paesi europei risulta ancora molto elevato.

La spesa media per acquisto singolo è di 120 rubli (3,5 euro) e il canale distributivo preferito è quello del supermercato, seguito dai negozi specializzati per bambini e dalle farmacie.

Nel 2009, per la prima volta dal crollo dell'URSS, la Russia ha conosciuta un'inversione positiva delle tendenze demografiche, grazie, soprattutto, alle politiche di incentivazione della maternità del Cremlino.

Russia Export, da materiali Ria Novosti.

Il mercato della pasta in Romania

(ICE) - ROMA, 11 MAR - Secondo un’indagine della AC Nielsen, nel periodo dicembre 2008-novembre 2009 il mercato delle paste alimentari ha registrato in Romania un aumento di 8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, passando da un valore di 185,1 milioni di lei a 200,6 milioni di lei (circa 48,7 milioni di euro al tasso di cambio attuale).

Oltre la metà del mercato e’ rappresentata da produttori romeni. I primi cinque produttori in base al valore delle vendite – Pambac Romania, Baneasa Romania, Pangram Resita, Arnos Oradea e Barilla, presente mediante l’importatore Romco – hanno detenuto una quota cumulata di mercato del 64,2% nel periodo dicembre 2008-novembre 2009.

Il mercato della pasta in Romania è caratterizzato da una grande varietà di prodotti e da un consumatore abbastanza tradizionalista. Il prodotto ha un notevole potenziale di crescita, considerando che i consumi medi annui pro-capite sono stimabili sui 2,5 – 3 chili a persona, ben al di sotto della media europea di 10 chili a persona.

Russia Export, da materiali ICE (ICE BUCAREST)

Mosca - seconda solo a NY per numero di miliardari

Mosca, la capitale della Russia, è risultata la seconda città al mondo per numero di miliardari residenti. Il dato emerge dall'annuale indagine della rivista Forbes.

Con 50 paperoni, Mosca è seconda solo a New York, lasciandosi alle spalle Londra (32), la prima città di super ricchi a livello europeo.

Per quanto concerna la classifica dei russi più ricchi, la medaglia d'oro 2010 è del magnate delle acciaierie Vladimir Lisin, grazie a un patrimonio stimato in 15,6 miliardi di dollari. Al secondo posto - l'inossidabile Roman Abramovich, mentre scivola sul terzo gradino del podio Mikhail Prokhorov, che aveva mostrato il miglior risultato nel 2009.

Rispetto all'anno delle crisi, il numero complessivo dei miliardari russi raddoppia, grazie alla ripresa della borsa e delle quotazioni di idrocarburi e materie prime. Un ulteriore segnale sul risanamento dell'economia russa, dopo 12 mesi particolarmente difficili.

Russia Export, da materiali Yandex News.

giovedì 11 marzo 2010

Ucraina - appuntamento per gli operatori del mobile

Domus Ucraina Mobile e arredamento 2010 - importante appuntamento per gli operatori italiani dei settori mobile, arredamento, illuminazione e costruzioni che desiderano espandersi sul mercato ucraino, uno dei più interessanti a livello europeo.

Euroconnectionservice, società di vendita e rappresentanza sul mercato ucraino e partner di RussiaAziende, Vi invita a "Domus Ucraina primavera estate 2010" - un'occasione unica ed imperdibile per entrare in contatto con operatori professionali del settore operativi sul mercato ucraino.

DOMUS Ucraina - Edizione, Aprile 2010, Workshop Per la Forniturae il Design della Casa Ucraina. Odessa (Ucraina): 28-29-30 APRILE 2010.

DOMUS è un incontro con i compratori ucraini mirato alla fornitura di prodotti italiani per nuove distribuzioni in Ucraina. Una manifestazione "one-to-one" con un pubblico selezionato di interessati “buyers”. Il workshop è rivolto a tutte le aziende che intendono espandersi in modo diretto nel mercato ucraino, acquisire nuovi clienti e inziare nelle vendite.

ESCLUSIVITÀ NELL’ ORGANIZZAZIONE PER DARE RISULTATI NELLA VENDITA!

A differenza delle comuni manifestazioni o workshop che conoscete, il nostro evento è di tipologia diversa e si basa su un intenso lavoro di ricerca e selezione compratori per raggrupparli in tre giorni di presentazione a otto ore giornaliere di conferenza. Un inteso lavoro che genera progetti.

Si selezionano aziende italiane di diversa tipologia di prodotti proprio per creare un incontro di nicchia a immagine «tricolore», completo nelle forniture e altamente assistito nei minimi dettagli. L'evento si svolgerà presso la nostra sala di esposizione a Odessa in Ucraina. Ogni espositore presenterà il proprio prodotto con proiettore USB, assistito da uno staff di ragazze interpreti Italiano russo. L’assistenza viene seguita dai venditori di Euroconnectionservice che durante le varie pause affiancano separatamente i compratori nella negoziazione a “tu per tu”, prendendo nota sulle varie richieste di campionatura e ordini.

L’obbiettivo della presentazione è definire le linee di articoli richiesti iniziando la rappresentanza della vostra azienda in Ucraina con ordini e campionature!

Il pubblico dei compratori ucraini:

La nostra strategia è di avere un pubblico esclusivo e selezionato, formato da circa quaranta aziende giornaliere di potenziali acquirenti di mirate fasce di mercato raggruppati in otto ore giornaliere di intensa presentazione! Gli acquirenti sono scelti e selezionati per progetto d’acquisto in corso o per fama di essere grandi distributori. Essi sono contattati personalmente dal nostro esperto staff di venditori che annunciano loro l'arrivo delle aziende italiane, dei loro prodotti e dei rappresentanti. Prima dell'incontro saranno fornite loro informazioni tecniche e foto dei prodotti che Lei presenterà. Parteciperanno esclusive aziende ucraine scelte per tipo di progetto come; grandi distributori di prodotti edilizi, costruzione e arredamento, architetti incluso il contract. Tutti esclusivisti del made in Italy che cercano nuove forniture per l’anno 2010.

Per approfondire le opportunità offerte dal workshop Domus Ucraina 2010, Vi invitiamo a prendere visione della documentazione aziendale relativa, presentata nei documenti allegati:


Per ogni ulteriore informazione, potete contattarci all'indirizzo di posta elettronica servizi@russiaaziende.com, ovvero ai recapiti presenti nella sezione Contatti del portale RussiaAziende.com.

Russia - gli investimenti esteri nel 2009

L'istituto statistico Rosstat ha dichiarato pochi giorni fa che gli investimenti esteri in Russia sono diminuiti del 21 p.c. nel 2009 rispetto a quanto conseguito nello scorso esercizio, per un valore assoluto che si aggira intorno agli 81,9 miliardi di dollari.

Gli investimenti diretti esteri sono calati del 41,1 p.c., a 15,9 miliardi di dollari, mentre gli investimenti di portafoglio si sono contratti del 37,7 p.c., a 882 milioni di dollari; gli altri impieghi hanno invece riscontrato una flessione del 13,5 p.c., a 65,14 miliardi di dollari, secondo quanto riporta l'agenzia russa RIA Novosti.

Allo stesso tempo, il declino degli investimenti esteri in Russia è gradualmente rallentato durante il 2009; il Paese ha ricevuto infatti 12 miliardi di dollari nel primo trimestre 2009 (con un declino del 30,3 p.c.), 20,2 miliardi nel secondo trimestre (- 31,2 p.c.), 22,5 miliardi nel terzo trimestre (22,9 p.c.) e 27,2 miliardi di dollari nel quarto e ultimo trimestre (- 2,8 p.c.).

Russia Export, da materiali Portalino - il Portale bancario italiano, by Roberto Rais.

mercoledì 10 marzo 2010

Russia - moda senza frontiere per il Made in Italy

L'Unione Camere Emilia-Romagna organizza un "Incoming di operatori russi di showroom da Mosca" per due giornate di incontri B2B. Da non perdere l’ “Informal Modelling”, sfilata di moda con protagoniste 12 aziende del settore.

Oltre il 20% delle esportazioni di abbigliamento emiliano-romagnolo ha come punto di destinazione la Russia. In quel mercato le aziende del sistema moda dell’Emilia-Romagna sono leader grazie all’alta qualità dei tessuti, alla creatività e originalità dei capi uomo-donna e maglieria, ai particolari della lavorazione ed a prezzi competitivi.

Una frontiera promettente dove consolidare relazioni per le imprese emiliano-romagnole del settore, anche grazie al progetto che porterà cinque responsabili di showroom di Mosca e San Pietroburgo, specializzati in abbigliamento donna/uomo, accessori e calzature a Bologna per mercoledì 10 e giovedì 11 marzo 2010 nel Salone delle Feste de “I Portici Hotel” in via Indipendenza, 69.

Per i responsabili degli showroom è stata fissata un’agenda di incontri individuali in 4 sessioni di lavoro (dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30) con un gruppo selezionato di imprese emiliano-romagnole del sistema moda delle province di Bologna, Forlì-Cesena, Parma, Reggio Emilia e Rimini, le cui Camere di commercio hanno aderito al progetto.

L’iniziativa è coordinata da Unioncamere Emilia-Romagna nell’ambito del programma integrato per l’internazionalizzazione del sistema camerale regionale, di concerto con il Desk Mosca. La presenza e l’ assistenza di un referente – che accompagnerà gli operatori durante la missione - fornirà un ulteriore supporto informativo commerciale alle imprese.

Gli incontri d’affari fanno seguito alla visita, sei mesi fa, di tre giornaliste delle riviste specializzate “Industria Modi”, “Fashion Collection” e “Modniy Magazin”, che incontrarono una ventina di imprese visitando anche tre show room per la redazione di reportage per gli operatori russi. Anche la stampa specializzata può essere un fattore importante su un mercato interessato al “fashion style made in Italy”.

Russia Export, da materiali Union Camere Emilia-Romagna.

Il portale RussiaAziende.com propone alle imprese italiane del settore moda e abbigliamento interessate ad esportare in Russia, servizi commerciali e promozionali finalizzati al potenziamento delle vendite ed espansione sul mercato:

- Contatti commerciali operatori russi settore moda
- Contatti commerciali operatori russi settore calzaturiero
- Schede promozionali e product presentation in russo
- Note settoriali mercato russo

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.russiaaziende.com o scriveteci all'indirizzo servizi@russiaaziende.com.

Primo superjet russo in Italia entro il 2010

Un portavoce del governo russo ha rivelato che la Sukhoi, società russa produttrice di veicoli, consegnerà il primo dei 10 Superjet ordinati dall'Italia entro il 2010.

Si tratta pertanto di un'accellerazione nei piani di Sukhoi, che originariamente aveva previsto di consegnare i suoi Superjet a partire dal 2011, rende noto RIA Novosti. Il Sukhoi Superjet è il primo aereo civile russo sviluppato completamente dopo il crollo dell'URSS. L'utilizzo di tecnologie avanzate assieme a un costo competitivo rappresentano fattori importantissimi per la rinascita del comparto in Russia.

Russia Export, da materiali Portalino - Pianeta Russia, by Roberto Rais.

Russia abbigliamento - a Mosca si comprano più vestiti

I negozi di Mosca realizzano il 21% delle vendite di abbigliamento di tutta la Russia. Tale dato emerge da una ricerca "Market Masters" del dicembre 2009. Al secondo posto si colloca - San Pietroburgo, la "capitale del Nord" della Federazione Russa.

Analizzando il valore a livello più aggregato si osserva che ben il 63% delle vendite legate all'abbigliamento e realizzate in Russia è imputabile alle 11 grandi città che superano un milione di abitanti (su una popolazione complessiva di circa 140 milioni di russi).

Il dato di Mosca, seppure importante, è in costante contrazione, basti pensare che ancora nel 2006 nella capitale russa veniva staccato il 25,6% degli scontrini emessi dai negozi di abbigliamento, nel 2004 - circa il 40%. La flessione relativa di Mosca (che comunque continua a crescere in termini assoluti, con un ottimo +10% nel 2008), dimostra come l'aumento della capacità di spesa dei consumatori russi comincia a essere un fenomeno generalizzato, senza limitarsi alle "due capitali" della Federazione.

Proprio le regioni russe rappresentano un'opportunità eccezionale per gli operatori italiani del settore moda, abbigliamento e calzature, offrendo notevoli margini di crescita nel medio e lungo periodo.

Il portale RussiaAziende.com propone alle imprese italiane interessate ad esportare in Russia, servizi commerciali e promozionali finalizzati al potenziamento delle vendite ed espansione sul mercato:

- Contatti commerciali operatori russi settore moda
- Contatti commerciali operatori russi settore calzaturiero
- Schede promozionali e product presentation in russo
- Note settoriali mercato russo

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.russiaaziende.com o scriveteci all'indirizzo servizi@russiaaziende.com.

Russia Export, da materiali RBC.

martedì 9 marzo 2010

Kazakistan, Almaty - mostra calzature

L'ICE, in collaborazione con l'Associazione di categoria ANCI, organizza la XII^ edizione della MOSTRA AUTONOMA CALZATURE che si terrà ad Almaty dal 12 al 14 aprile 2010. All'evento, dedicato al settore calzature/pelletteria, saranno esposti i prodotti Made in Italy della collezione autunno-inverno 2010-2011.

Per ulteriori dettagli consulta la circolare informativa. Per informazioni: Fulvia Nucci, tel. 06.5992.9550, email: f.nucci@ice - Francesca Panimolle, tel. 06.5992.6982, email: f.panimolle@ice.it ; fax 06.89280357.

Russia Export, da materiali ICE.

La russa Severstal rileva Lucchini

Il gigante metallurgico russo, gruppo Severstal, ha rilevato dalla famiglia Lucchini il 20% del pacchetto azionario. La società russa, già proprietaria dell'80 del produttore italiano, acquisisce così il controllo completo della Lucchini.

A gennaio la Severstal aveva invece annunciato di voler cedere la propria controllata italiana.

Russia Export, da materiali Rian.

Russia - meno turisti nel 2009

La crisi economica ha ridotto il numero dei turisti russi diretti all'estero nel 2009. Il calo su base annua è stato pari al 15,5%, corrispondenti a circa 2 milioni di viaggiatori.

La destinazione che ha dimostrato la migliore performance è stata Israele (+36%), grazie all'abolizione del regime dei visti per i cittadini russi. Cresciuti anche la Repubblica Dominicana (+29%), gli Stati Uniti e la Svizzera (+28%), il Montenegro (+27%). Ottimo risultato per l'Egitto che, grazie a una crescita del 13%, arriva a tallonare la Turchia come destinazione in assoluto più amata dai turisti russi.

La Cina perde invece più della metà dei visitatori provenienti dalla Russia, come la Lituania (-43%) e la Croazia (-36%), e la maggior parte delle destinazioni classiche europee - Francia, Spagna e Italia.

Il calo più deciso è imputabile al'ultimo trimestre del 2008, quanto la crisi economica appariva particolaremente minacciosa e il rublo sembrava destinato a una drammatica svalutazione. Una situazione simile si era verficata subito dopo la crisi finanziaria del 1998, compensata già nel 2000.

Anche questa volta gli operatori di settore si attendono una rapida ripresa del mercato, guardando con ottimismo già alla stagione estate 2010. I consumatori russi destinano una quota importante del reddito al viaggio estero, considerato non solo momento di svago e relax, ma anche una dimostrazione dello status socio economico raggiunto. Per il sistema turistico italiano già da alcuni anni, i viaggiatori russi rappresentatno uno dei segmenti più remunerativi e interessanti.

Russia Export, da materiali BBC.

Per approfondimenti relativi alla domanda turistica proveniente dalla Federazione Russa, e le possibilità di entrare nel mercato turistico russo, interfacciandosi con agenzie e tour operators locali, potete contattare il portale www.russiaaziende.com, scrivendo all'indirizzo servizi@russiaaziende.com.