giovedì 14 febbraio 2013

PORDENONE, 26 FEBBRAIO 2013: EXPOLIVE: OPPORTUNITA’ DI BUSINESS CON LA FEDERAZIONE RUSSA

Informest informa che è a disposizione delle imprese del Friuli Venezia Giulia lo strumento innovativo per aumentare le opportunità di business con la Federazione Russa: www.expolive.it, un portale voluto dall'amministrazione regionale a supporto dell'internazionalizzazione delle realtà imprenditoriali regionali ed espressamente dedicato, in questa prima fase pilota, alla Federazione Russa. 

ExpòLive è una piattaforma interamente in inglese, ad accesso gratuito, che consentirà alle imprese di disporre di una propria vetrina virtuale dove promuovere i propri prodotti e servizi. La piattaforma ExpòLive sarà presentata ufficialmente il prossimo 26 febbraio 2013 presso la Fiera di Pordenone nel corso del Convegno "ExpòLive – opportunità di business con la Federazione Russa", un'occasione per scoprire come sta cambiando la Federazione, in quale direzione si muovono le principali riforme in atto, quali sono gli scenari sociali, istituzionali ed economici. 

Il convegno, di cui è allegato il programma, si propone di raccogliere le testimonianze di imprenditori regionali già da tempo impegnati in Russia e altresì di dare spazio agli interventi di autorevoli opinion maker internazionali, come l'Economist. Le aziende interessate a promuoversi gratuitamente possono visitare la piattaforma www.expolive.it . 

Per maggiori informazioni è possibile contattare gli ufficio di Informest allo 0481 597411. Per scaricare il programma cliccare qui.

Russia Export, da materiali Informest Consulting

mercoledì 6 febbraio 2013

Russia - nuova corte specializzata in proprietà intellettuale

A partire dal 1 febbraio 2013, in Russia, è operativa la Corte Specializzata della Proprietà Industriale esclusivamente competente a giudicare in materia. Le controversie relative a diritti d’autore restano, invece, di competenza delle corti di giurisdizione generale.

La Corte Specializzata della Proprietà Industriale è stata istituita con la legge federale costituzionale nr. 4-FKZ del 6 dicembre 2011, norma che si pone al vertice di una numerosa serie di riforme adottate dalla Federazione Russa, a partire dal 2006, volte a rafforzare la tutela della proprietà industriale e ad adeguarsi agli standard internazionali.

La protezione dei diritti di proprietà industriale nella Federazione Russa è sempre stata uno dei maggiori ostacoli agli investimenti stranieri in Russia. Infatti, sebbene la Russia abbia fatto grossi passi avanti nell’ambito di questa disciplina - in conformità alle direttive dell’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (WIPO) e previsioni dell’Organizzazione del Commercio Internazionale (WTO) - a livello pratico, molte norme adottate rimanevano disapplicate e/o venivano applicate in maniera differenziata, a seconda della nazionalità del soggetto che agiva per la tutela dei propri diritti.

Un ulteriore pregiudizio ad un effettiva tutela dei diritti di proprietà industriale era costituito anche dalla lentezza dei procedimenti soprattutto per quanto riguarda i contenziosi relativi ai brevetti, che in Russia sono numerosissimi, dovuti prevalentemente al fatto che l’autorità amministrativa non effettua alcuna ricerca al momento della registrazione di un brevetto, che quindi rimane registrato fino a quando non ne sia disposta la cancellazione a seguito di una decisione giudiziaria e/o di un procedimento amministrativo.

Le recenti riforme hanno dunque dato più fiducia agli investitori stranieri sia sotto il profilo sostanziale della disciplina della proprietà industriale, sia sotto il profilo della sua tutela giurisdizionale ed amministrativa. Le riforme sono state decisive nell’armonizzare la disciplina della proprietà industriale in Russia con l’ordinamento italiano e in generale con i principali ordinamenti europei e dei paesi aderenti al WTO.

Russia Export, da materiali NewsMercati