domenica 24 novembre 2013

Russia - cresce il consumo di vini spumanti

Il mercato russo delle bollicine continua a svilupparsi. La crescita su base annua 2012 è stata pari al 6%. Circa un terzo del mercato è localizzato nella capitale, Mosca, e nella sua regione, ma una dinamica molto positiva è stata dimostrata nelle grandi città della Siberia e degli Urali - Kemerovo, Chelyabinsk, Ekaterinburg.

Circa il 60% dei consumi è rappresentato dalla produzione locale, presente sopratutto nei segmenti basso e medio basso dell'offerta e spesso identificabile più come bevande alcoliche gasate a base di uva con aggiunta di zucchero e aromi, piuttosto che come vino vero e proprio.

L'Italia è il leader indiscusso sul mercato russo delle bollicine importate, sia nella fascia bassa (spumante tipo Asti), che in Russia pero' gode di un posizionamento decisamente più alto che in Italia, sia nella fascia media e medio alta, con la "scoperta" dei prodotti più ricercati, di provenienza Franciacorta o Valdobbiadene. 

La preferenza del consumatore russo verso le bollicine rende la Russia una delle destinazioni più importanti per i produttori italiani. Oggi, la grande sfida è certamente rappresentata dalle regioni più lontane da Mosca.

Russia Export, da materiali RBC

Nessun commento: